Blog di

di Alessandro Oliva

Bari, pignorato un giocatore per pagare debiti agli steward dello stadio

Blog post del 30/01/2014

Nel calcio della crisi, succede anche questo. Che una società ottnega il pignoramento del cartellino di un giocatore di calcio per dei debiti non onorati. Il caso è quello del Bari, che si è visto pignorare il calciatore Cristian Galano - ovvero quello che in rosa vale di più - da un'azione legale promossa dalla società che gestisce gli steward dello stadio San Nicola. E che deve ricevere dal club pugliese ancora 70mila euro di arretrati. In caso di cessione del giocatore durante il calciomercato, la Lega di Serie B (presso la quale è stato effettuato il pignoramento) dovrà soddisfare tale debito. E sarebbe la prima volta nel nostro calcio. 

Galano

Non è invece il primo pignoramento subìto di recente dal Bari. Di recente, è toccata la stessa sorte ai trofei della squadra, oltre ad alcune maglie storiche esposte in bacheca. Il tutto per raggranalleare 10mila euro da girare auna società di servizi sportivi che attendeva di essere pagata dal club biancorosso: «È una normale azione legale — spiegava all'epoca dei fatti, circa due mesi fa, Francesco Vinella, amministratore unico del club — non vedo nulla di strano. C’è una contestazione di pagamento, vedremo chi avrà ragione». C'erano poi da pagare gli stipendi di settembre-ottobre ai calciatori: «Rispetteremo questa scadenza, non ci sono problemi. La situazione, ripeto, è sotto controllo».

E invece, il nuovo pignoramento. A questo punto, l'unica soluzione è vendere il club e trovare una nuova proprietà capace di ripianare i debiti. Al momento, la famiglia proprietaria, quella storica dei Matarrese, ha un unica trattativa avviata da tempo con l'imprenditore varesino Guido Borghi, che verrebbe affiancato da una cordata di altri inudtriali che dovrebbero affiancarlo. L'idea è quella di cpoinvolgerlo subito nell'operazione, per immettete nelle casse del Bari quei soldi freschi che gli consentirebbero di restare a galla, per poi cedergli le quote di maggioranza del club a fine stagione. 

Argomenti: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti