Blog di

di Alessandro Da Rold

Berlusconi va a sentenza su Mills: «I magistrati non mi guardano neanche in faccia»

Blog post del 21/02/2012

Va a sentenza il processo Mills a carico dell'ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi, dove l'accusa è di corruzione in atti giudiziari. I giudici della corte d'appello di Milano hanno bocciato questa mattina la tesi sostenuta dagli avvocati difensori del Cavaliere, cioè che il collegio avrebbe «anticipato il giudizio in tema di prescrizione» e avrebbe condotto un'istruttoria dibattimentale «a senso unico», consentendo l'audizione dei soli testimoni indicati dall'accusa, e tagliando invece quelli chiesti dalla difesa. Niente da fare. Sabato si avrà la sentenza. Ma Berlusconi pareva averlo già capito lunedì sera a villa Gernetto che tirava una brutta aria. Perché più del risultato delle prossime elezioni amministrative, più del nuovo inno del Popolo della Libertà, più di quello che sarà il futuro del governo Monti nel 2013, all’ex premier interessano i processi ancora in corso al palazzo di Giustizia di Milano. Lo avrebbe confessato lui stesso a i suoi, lunedì sera, durante l’incontro con gli amministratori locali del Pdl e lo stato maggiore del partito, dal segretario Angelino Alfano fino al capogruppo alla Camera Fabrizio Cicchitto.

Durante la cena, allietata dagli amici musicisti, il Cavaliere avrebbe parlato a lungo delle sue giornate al palazzaccio. Una questione che lo turba da anni, ma che negli ultimi mesi data la mole di appuntamenti sarebbe diventata oltremodo «insopportabile». Non tanto per i processi, quando per il trattamento che i giudici gli riservano durante le udienze. Berlusconi si sarebbe lamentato a lungo con i suoi: «Quando arrivo in aula i magistrati non mi guardano neanche in faccia», avrebbe spiegato. Non solo. Avrebbe anche detto di essere particolarmente «amareggiato» dal fatto che i pm non pronunciano neppure il suo nome quando viene chiamato «Dicono solo ‘l’imputato’».

Del resto, Berlusconi dovrà soggiornare ancora a lungo al palazzo di Giustizia. L’ultimo rinvio a giudizio è sulla vicenda Unipol-Fassino-Il Giornale, ma c’è pure il processo Ruby e appunto quello Mills, la cui sentenza era prevista l’11 febbraio ma è slittata. Poi il processo Mediaset, che andrà in udienza il 5 marzo: la prescrizione è prevista tra la fine del 2013 e il 2014. Insomma, se prima il Cavaliere era solito accusare i giudici di essere politicizzati e di tramare contro di lui, quello andato in onda a villa Gernetto sembra un Berlusconi alla ricerca almeno di uno «sguardo» da parte dei magistrati. Difficile che Fabio De Pasquale o Ilda Boccassini possano venirgli incontro. 

COMMENTI /

Ritratto di niko
Mer, 22/02/2012 - 16:16
niko
sentenza già scritta
SHARE
Ritratto di Paolo
Gio, 23/02/2012 - 09:26
Paolo
"Non dicono nemmeno il mio nome" E allora???? Se sei imputato sei imputato.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti „Contatti tra polizia e manifestanti si sono registrati in via Vittorio Emanuele vicino al Duomo

Travaglio scarica Grillo e M5s: «Si sta suicidando, sembrano una setta»

«Il buon lavoro dei parlamentari pentastellati resta sullo sfondo»

M5s, Beppe Grillo lascia: «Sono stanchino, rimango garante»

Cinque persone si confronteranno con l'ex comico genovese

Robert Badinter, l’uomo che fermò la ghigliottina

Storia di un avvocato che decise di abolire la pena di morte in Francia, e di come ci riuscì
SHARE

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des