Blog di

di Alessandro Da Rold

Berlusconi va a sentenza su Mills: «I magistrati non mi guardano neanche in faccia»

Blog post del 21/02/2012

Va a sentenza il processo Mills a carico dell'ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi, dove l'accusa è di corruzione in atti giudiziari. I giudici della corte d'appello di Milano hanno bocciato questa mattina la tesi sostenuta dagli avvocati difensori del Cavaliere, cioè che il collegio avrebbe «anticipato il giudizio in tema di prescrizione» e avrebbe condotto un'istruttoria dibattimentale «a senso unico», consentendo l'audizione dei soli testimoni indicati dall'accusa, e tagliando invece quelli chiesti dalla difesa. Niente da fare. Sabato si avrà la sentenza. Ma Berlusconi pareva averlo già capito lunedì sera a villa Gernetto che tirava una brutta aria. Perché più del risultato delle prossime elezioni amministrative, più del nuovo inno del Popolo della Libertà, più di quello che sarà il futuro del governo Monti nel 2013, all’ex premier interessano i processi ancora in corso al palazzo di Giustizia di Milano. Lo avrebbe confessato lui stesso a i suoi, lunedì sera, durante l’incontro con gli amministratori locali del Pdl e lo stato maggiore del partito, dal segretario Angelino Alfano fino al capogruppo alla Camera Fabrizio Cicchitto.

Durante la cena, allietata dagli amici musicisti, il Cavaliere avrebbe parlato a lungo delle sue giornate al palazzaccio. Una questione che lo turba da anni, ma che negli ultimi mesi data la mole di appuntamenti sarebbe diventata oltremodo «insopportabile». Non tanto per i processi, quando per il trattamento che i giudici gli riservano durante le udienze. Berlusconi si sarebbe lamentato a lungo con i suoi: «Quando arrivo in aula i magistrati non mi guardano neanche in faccia», avrebbe spiegato. Non solo. Avrebbe anche detto di essere particolarmente «amareggiato» dal fatto che i pm non pronunciano neppure il suo nome quando viene chiamato «Dicono solo ‘l’imputato’».

Del resto, Berlusconi dovrà soggiornare ancora a lungo al palazzo di Giustizia. L’ultimo rinvio a giudizio è sulla vicenda Unipol-Fassino-Il Giornale, ma c’è pure il processo Ruby e appunto quello Mills, la cui sentenza era prevista l’11 febbraio ma è slittata. Poi il processo Mediaset, che andrà in udienza il 5 marzo: la prescrizione è prevista tra la fine del 2013 e il 2014. Insomma, se prima il Cavaliere era solito accusare i giudici di essere politicizzati e di tramare contro di lui, quello andato in onda a villa Gernetto sembra un Berlusconi alla ricerca almeno di uno «sguardo» da parte dei magistrati. Difficile che Fabio De Pasquale o Ilda Boccassini possano venirgli incontro. 

COMMENTI /

Ritratto di niko
Mer, 22/02/2012 - 16:16
niko
sentenza già scritta
SHARE
Ritratto di Paolo
Gio, 23/02/2012 - 09:26
Paolo
"Non dicono nemmeno il mio nome" E allora???? Se sei imputato sei imputato.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Termini Imerese, ecco il piano: componenti e auto, investimenti di 300 milioni

Auto ibride, saranno prodotti due modelli entro giugno/settembre 2018. L'assorbimento occupazionale è previsto per circa 800 lavoratori

È morto Joe Cocker

Aveva 70 anni, era malato da tempo

Pubblicità ingannevole: dall’Antitrust mezzo milione di multa a Tripadvisor

Le motivazioni: claim che enfatizzano la genuinità dei commenti e procedure di controllo inadeguati a contrastare il fenomeno delle false recensioni

Le cose più assurde di un paese assurdo

Dal grandioso esercito alle spese in Cognac del fu Caro Leader, qualche dato sulla Corea del Nord
SHARE

Ballare coi computer

Lo spettacolo di danza Pixel di Adrien Mondot e Claire Bardainne
Una spettacolare performance di danza che mescola corpi veri e proiezioni digitali
SHARE

Il papà di tutti gli zombie: La notte dei morti viventi

Cervelli che ritornano? Ce ne sono parecchi nel capolavoro di Romero, ora di pubblico dominio
SHARE

Arte da nevrotici, quando l’ordine prevale su tutto

L’artista svizzero cerca di dare un ordine al caos del mondo: tentativo provocatorio ma interessante
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Due poliziotti uccisi a New York: cosa sappiamo finora

Il sospettato, Ismail Brinsley, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori