Blog di

di Alessandro Da Rold

Aurelio, l'autista di Bossi nella notte dell'ictus, si candida al consiglio della Lega

Blog post del 30/06/2012

Era lo storico autista di Umberto Bossi, ex leader della Lega Nord. C'era lui la notte dell'11 marzo 2004, quando il Senatùr si sentì male e fu portato di corsa in un ospedale di Varese, tra la neve, il freddo e la paura della moglie Manuela Marrone. Aurelio Locatelli in questi anni è spesso rimasto in disparte, non ha mai concesso interviste, ma ora ha deciso di candidarsi al consiglio federale della nuova Lega di Roberto Maroni. «Quello è un matto simpaticissimo, ma non ce la farà mai», spiega un leghista bergamasco che lo conosce bene. «Idolo l'Aurelio», chiosa un altro militante padano. Ora sembra provarci: entrare nella stanza dei bottoni del movimento.

Del resto, Locatelli fu allontanato proprio dalla Marrone dopo quella notte del marzo del 2004, ma poi fu di nuovo riportato in Bellerio dall'ex segretario nazionale lombardo Giancarlo Giorgetti. Ha svolto per lui le funzioni di autista per qualche anno, poi ha trovato un incarico come segretario in una circoscrizione leghista nella bergamasca. Ora punta al federale. Quello che stabilisce la linea politica del Carroccio. «Con quello che so potrei scrivere un libro», va ripetendo in questi mesi. Perché di certo, lui, di cosa ne sa. E tante. Soprattutto su quella notte, sul malore del Capo, l'ictus e la leggenda-poi più volte smentita-della notte passata con la showgirl Luisa Corna. Parlerà mai l'Aurelio? Non si sa.

Al momento, si limita a sfidare gli altri sei candidati al congresso. Insieme con lui ci sono Giacomo Stucchi, Gianni Fava, Marco Desiderati, Simonetta Bordonali e Andrea Mascetti. «Difficile che ce la faccia, ha dovuto chiedere le firme per la sua candidatura fino all'ultimo», ci spiegano. Del resto, Locatelli non è l'unico tra gli autisti della Lega ad essersi ritagliato una pagina storica del movimento leghista. Pure Pino Babbini viene ricordato spesso e volentieri. Senza dimenticare gli ultimi, come Alessandro Marmello, che ha raccontanto in lungo e in largo la vita agiata del Trota Renzo, il figlio del Senatùr.  

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precipita jet della famiglia bin Landen, morte la sorella e la matrigna

Era decollato dall'aeroporto di Malpensa. È caduto al suolo in Inghilterra

Istat: -22mila occupati a giugno. La disoccupazione sale al 12,7%

Nei dodici mesi le persone con un lavoro sono diminuite di 40mila unità, i disoccupati sono aumentati di 85mila

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Quando le pubblicità vantavano le qualità delle droghe pesanti

Cocaina, eroina, morfina. Tutte sostanze oggi illegali, cento anni fa erano vendute come componenti di prodotti tonificanti

Scene di vita giapponese come le ricordano i giapponesi

Immagini animate in gif, pixelate, a forma di manga. Ma dentro, tra piogge e metropolitane, si sente il soffio della nostalgia

I libri che la gente smarrisce sugli aerei

Letti al volo, e poi dimenticati. Il momento della discesa rischia di farli dimenticare sul sedile. Forse perché non sono davvero imperdibili

L’Isis produce una serie tv animata e prende in giro Obama

Nel primo episodio si assiste alla decapitazione del presidente Usa. Nel secondo lo si vede alle prese con gli account Twitter degli attivisti

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»