Blog di

di Alessandro Da Rold

Aurelio, l'autista di Bossi nella notte dell'ictus, si candida al consiglio della Lega

Blog post del 30/06/2012

Era lo storico autista di Umberto Bossi, ex leader della Lega Nord. C'era lui la notte dell'11 marzo 2004, quando il Senatùr si sentì male e fu portato di corsa in un ospedale di Varese, tra la neve, il freddo e la paura della moglie Manuela Marrone. Aurelio Locatelli in questi anni è spesso rimasto in disparte, non ha mai concesso interviste, ma ora ha deciso di candidarsi al consiglio federale della nuova Lega di Roberto Maroni. «Quello è un matto simpaticissimo, ma non ce la farà mai», spiega un leghista bergamasco che lo conosce bene. «Idolo l'Aurelio», chiosa un altro militante padano. Ora sembra provarci: entrare nella stanza dei bottoni del movimento.

Del resto, Locatelli fu allontanato proprio dalla Marrone dopo quella notte del marzo del 2004, ma poi fu di nuovo riportato in Bellerio dall'ex segretario nazionale lombardo Giancarlo Giorgetti. Ha svolto per lui le funzioni di autista per qualche anno, poi ha trovato un incarico come segretario in una circoscrizione leghista nella bergamasca. Ora punta al federale. Quello che stabilisce la linea politica del Carroccio. «Con quello che so potrei scrivere un libro», va ripetendo in questi mesi. Perché di certo, lui, di cosa ne sa. E tante. Soprattutto su quella notte, sul malore del Capo, l'ictus e la leggenda-poi più volte smentita-della notte passata con la showgirl Luisa Corna. Parlerà mai l'Aurelio? Non si sa.

Al momento, si limita a sfidare gli altri sei candidati al congresso. Insieme con lui ci sono Giacomo Stucchi, Gianni Fava, Marco Desiderati, Simonetta Bordonali e Andrea Mascetti. «Difficile che ce la faccia, ha dovuto chiedere le firme per la sua candidatura fino all'ultimo», ci spiegano. Del resto, Locatelli non è l'unico tra gli autisti della Lega ad essersi ritagliato una pagina storica del movimento leghista. Pure Pino Babbini viene ricordato spesso e volentieri. Senza dimenticare gli ultimi, come Alessandro Marmello, che ha raccontanto in lungo e in largo la vita agiata del Trota Renzo, il figlio del Senatùr.  

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Vaticano, Papa Francesco nomina il nuovo camerlengo

Il successore del cardinale Tarcisio Bertone è il francese Jean-Louis Tauran. 71 anni, è il presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso

Per 48 milioni di italiani Natale e Capodanno senza vacanze

A lanciare l’allarme sugli effetti della crisi è federalberghi. Secondo lo studio solo 11,8 milioni di italiani faranno una vacanza durante le festività

Legge di Stabilità, all’alba il Senato approva il maxiemendamento

Via libera da parte di Palazzo Madama alla fiducia posta dal governo. I voti favorevoli sono 162, i no sono 37, nessun astenuto

Lo stile di cinque grandi registi in un video

Con solo immagini di stock, ricreare Wes Anderson, Malick, Fincher, Cuaron e Tarantino
SHARE

I miti sulle malattie invernali

Non è vero che l’alcol scalda e soprattutto non è vero che a uscire coi capelli bagnati ci si ammala
SHARE

L’altra volta che Hollywood ha ucciso Kim Jong

Kim Jong-Il ucciso in Team America
In “Team America” gli autori di South Park avevano già ammazzato un leader nordcoreano: Kim Jong-Il
SHARE

Il sessismo spiegato ai bambini

«Gli uomini sono presidenti, le donne first ladies» e altri stereotipi di genere negli USA del 1970
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori

L'addio di Napolitano: «Parlare di voto o di scissioni evoca l'instabilità»

Il saluto del presidente alle alte cariche dello Stato promuove il governo Renzi: «Procedere senza stop s