Blog di

Mentana: "Fonderei un partito per i giovani (se non facessi un altro mestiere)"

Blog post del 6/06/2012
Parole chiave: 

Grillo, Scotti, e adesso anche Mentana. Seppur "virtualmente".

Il popolare giornalista, volto di La7, tramite la sua pagina Facebook ha lanciato il sasso. Senza però nascondere la mano.

C'è un "se" imponente quanto un palazzo. Discriminante essenziale nell'argomentazione condotta da Mentana:

Se non facessi un altro mestiere...

Forse una critica, non troppo velata, a chi si accosta (o viene accostato) alla politica provenendo da "altri mondi".

E poi il giornalista continua illustrando il suo "progetto", seppur ipotetico:

Se non facessi un altro mestiere, mi piacerebbe fondare un movimento per il lavoro ai giovani, da portare alle elezioni. Poggerebbe su un programma semplice: ribaltare tutto il nostro impianto sociale e normativo, politico e sindacale, che tutela fino in fondo chi è già inserito nel mondo del lavoro, delle professioni e della pubblica amministrazione - dai diritti sul lavoro, ai mutui, ai sussidi di disoccupazione, alle pensioni - tutto a scapito delle nuove generazioni.
Nella concorde insensibilità verso i giovani, di cui sono corresponsabili i governi, gli imprenditori e i sindacati, non si è solo perpetrata un'ingiustizia, ma si è anche essiccata la pianta del ricambio sociale e culturale di questo paese, che - con tutto il rispetto - sembra sempre più una immensa casa di riposo. Senza smantellare lo stato sociale si possono spostare i pesi di incentivi e ammortizzatori, di defiscalizzazioni e finanziamenti verso i nuovi lavoratori.

Quasi uno sfogo quello di Mentana che, continuando, spiega le ragioni dello sfogo/provocazione. Addebitandole al rimorso per una generazione lasciata allo sbando:

Quando avevo 25 anni potevo scegliere che mestiere fare, e con me tutti i miei coetanei. Provo oggi rimorso per l'ingiustizia che stiamo compiendo verso i ventenni di oggi. E sarebbe bello e giusto battersi per invertire la tendenza, con forza.

In poche ore oltre 350 commenti, praticamente concordi tra di loro. Interventi quasi unanimi a sostegno delle parole di Mentana (i "Mi piace", tra l'altro, sono quasi 2.500). Stavolta niente tormentoni su Twitter, il giornalista ha mirato per bene andando a colpire il bersaglio rappresentato da un problema fin troppo annoso nelle dinamiche di una nazione. Di questa nazione.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Commissione Ue: raggiunta intesa su Mogherini agli esteri

Il polacco Donald Tusk è il nuovo presidente del Consiglio Ue

Marchionne bacchetta l’Italia: “Paese non competitivo, non in grado di reagire”

Dal meeting di Rimini: “Dal 2010 non è ancora cambiato nulla, è da 10 anni che ci vogliono riforme strutturali”

Golan: combattimenti in corso tra caschi blu filippini e ribelli siriani

L’Onu è presente sulle alture per monitorare la zona contesa tra Israele e Siria

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

La nostra vita trasformata in un videogioco

Un software permette di riprodurre situazioni tipiche della quotidianità, per capire come agire
SHARE

Quindici modi per sconfiggere il jet-lag

Un problema per chi viaggia in posti lontani. Si deve dormire, ma si può fare anche di più
SHARE

Consigli utili per smettere di rimandare sempre tutto

Procrastinare per molti è un vero e proprio modus vivendi, ecco come fare per smettere
SHARE

L’app che ti dice se sei dipendente dal tuo smartphone

Moment calcola tutto il tempo che passate interagendo con lo smartphone. Più di quanto credete
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il re saudita avverte: il prossimo obiettivo dell’Isis sarà l’Occidente

«Se li ignoriamo ancora, arriveranno in Europa in un mese»

L’effetto di Internet sulla memoria

L’uso di internet e, in generale, delle tecnologie digitali avrebbe effetti positivi sulla memoria e sulle capacità cognitive

I giornali (di carta) che non stanno morendo

Uno sguardo alle altre società di New York City media, dove la pubblicità sulla stampa porta ancora entrate importanti e i lettori continuano ad abbonarsi