Blog di

Mentana: "Fonderei un partito per i giovani (se non facessi un altro mestiere)"

Blog post del 6/06/2012
Parole chiave: 

Grillo, Scotti, e adesso anche Mentana. Seppur "virtualmente".

Il popolare giornalista, volto di La7, tramite la sua pagina Facebook ha lanciato il sasso. Senza però nascondere la mano.

C'è un "se" imponente quanto un palazzo. Discriminante essenziale nell'argomentazione condotta da Mentana:

Se non facessi un altro mestiere...

Forse una critica, non troppo velata, a chi si accosta (o viene accostato) alla politica provenendo da "altri mondi".

E poi il giornalista continua illustrando il suo "progetto", seppur ipotetico:

Se non facessi un altro mestiere, mi piacerebbe fondare un movimento per il lavoro ai giovani, da portare alle elezioni. Poggerebbe su un programma semplice: ribaltare tutto il nostro impianto sociale e normativo, politico e sindacale, che tutela fino in fondo chi è già inserito nel mondo del lavoro, delle professioni e della pubblica amministrazione - dai diritti sul lavoro, ai mutui, ai sussidi di disoccupazione, alle pensioni - tutto a scapito delle nuove generazioni.
Nella concorde insensibilità verso i giovani, di cui sono corresponsabili i governi, gli imprenditori e i sindacati, non si è solo perpetrata un'ingiustizia, ma si è anche essiccata la pianta del ricambio sociale e culturale di questo paese, che - con tutto il rispetto - sembra sempre più una immensa casa di riposo. Senza smantellare lo stato sociale si possono spostare i pesi di incentivi e ammortizzatori, di defiscalizzazioni e finanziamenti verso i nuovi lavoratori.

Quasi uno sfogo quello di Mentana che, continuando, spiega le ragioni dello sfogo/provocazione. Addebitandole al rimorso per una generazione lasciata allo sbando:

Quando avevo 25 anni potevo scegliere che mestiere fare, e con me tutti i miei coetanei. Provo oggi rimorso per l'ingiustizia che stiamo compiendo verso i ventenni di oggi. E sarebbe bello e giusto battersi per invertire la tendenza, con forza.

In poche ore oltre 350 commenti, praticamente concordi tra di loro. Interventi quasi unanimi a sostegno delle parole di Mentana (i "Mi piace", tra l'altro, sono quasi 2.500). Stavolta niente tormentoni su Twitter, il giornalista ha mirato per bene andando a colpire il bersaglio rappresentato da un problema fin troppo annoso nelle dinamiche di una nazione. Di questa nazione.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Nichi Vendola: «Oggi non è rinato il Centrosinistra»

L'ha detto ai microfoni di La7, aggiungendo «Oggi è un giorno importante perché un uomo per bene è diventato Presidente della Repubblica»

Merkel chiude la porta alla Grecia: “nessun nuovo taglio del debito”

La Cancelliera tedesca: “c'è già stato un condono volontario del debito, non vedo una nuova riduzione”

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

La moderna e pericolosa passione per lo smartphone

Si cammina sempre di più a capo chino per guardare mail e notifiche. E ci si perde il mondo accanto
SHARE

Mandiamo le star a lavorare in Cambogia

Non è un inno contro le persone famose, ma il concept di un reality norvegese. Che funziona bene
SHARE

Votate Seggio Mattarella, il finto profilo su Twitter

Il fake twitter di Sergio Mattarella
Commenta, scherza, si sfrega le mani in attesa della vittoria. E lancia già i primi moniti
SHARE

Orgoglio e Pregiudizio, spiegato in un grafico

Il testo di Orgoglio e Pregiudizio, nelle celebrazioni del 200 compleanno di Jane Austen
L’orgoglio di Elizabeth e i pregiudizi di Darcy si scontrano e danno materia alla trama del libro
SHARE

PRESI DAL WEB

Sigarette: l’alternativa si chiama TJU, il chewing gum che sa di tabacco

Dopo l’exploit della sigaretta elettronica e i vaporizzatori, una joint-venture tra l’americana Altria e la danese Okono

La classifica delle droghe che causano più morti in America

Le tre sostanze che causano più morti all'anno negli Stati Uniti, infatti, sono completamente legali: sono l'alcool, il tabacco e gli antidolorifici oppiacei