Blog di

Prove generali di default: Moody’s taglia il rating della Sicilia e Monti chiede la testa di Lombardo

Blog post del 17/07/2012
Parole chiave: 

Il default? Potrebbe essere la Sicilia, per prima, a mettere in pratica questo scenario. Solo ieri Moody’s, la tanto criticata Moody’s, in una delle sue note capaci di far sudare freddo a broker, analisti e amministratori, ha calato la mannaia sulla Regione Sicilia. L’ondata di downgrade è arrivata anche oltre lo Stretto e ha fatto calare il rating del debito siciliano da A3 a BAA3 con outlook negativo.
Una regione, dunque, a serio rischio fallimento. E proprio stamattina, ai microfoni di Radio 24, Andrea Vecchio (assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti) ha ventilato lo spettro dell’impossibilità, entro breve tempo, nel pagamento gli stipendi dei dipendenti.

Monti, da Roma, non fa orecchie da mercante. Timore congenito nei confronti dei termini “default” e “downgrade”. Palazzo Chigi, nel primo pomeriggio, ha reso noti stralci di una lettera recapitata a Raffaele Lombardo. Il premier, “facendosi interprete delle gravi preoccupazioni riguardo alla possibilità che la Sicilia possa andare in default a causa del proprio bilancio”, chiede conferma delle dimissioni del governatore già “programmate” per il 31 Luglio. Una sorta di “ultimatum” dopo le indiscrezioni di stampa degli ultimi giorni che vedevano Lombardo sempre più incollato alla poltrona oltre i termini preventivati per l’abbandono di Palazzo dei Normanni.

 

Da "Il Clandestino"

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“