Blog di

di Andrea Guarise

Mercato immobiliare agostano: la crisi è mondiale (ma con qualche eccezione)

Blog post del 17/08/2012

Il settimanale economico The Economist ha rilasciato il consueto “bollettino” sull’andamento del mercato immobiliare nel mondo: in ben dodici dei ventuno Paesi monitorati si registrano andamenti negativi dei prezzi rispetto ad un anno fa.

Mercato immobiliare agostano: la crisi è mondiale (ma con qualche eccezione)

Il mercato che più di tutti ha segnato un primato nella contrazione dei prezzi, è quello irlandese che ha visto letteralmente dimezzare il valore delle abitazioni rispetto al 2007, e il cui calo rispetto all’anno precedente si attesta poco sotto al 15%. Altro Paese duramente colpito è la Spagna, con valori medi in discesa del 23%, e che dovrebbero perdere un altro 22% (secondo le previsioni degli esperti britannici) a causa della situazione disastrosa dell’economia spagnola, dove un quarto della forza lavoro è disoccupata.

Per contro, in Asia i prezzi continuano a lievitare: è il caso “record” di Hong Kong con un incremento annuo del 6% (e un +64% dal 2007), e di Singapore (+21% dal 2007), mentre la Cina ben evidenzia i timori di un rallentamento dell’economia, con il quinto calo consecutivo mensile dei prezzi, innescato dall’esplicita intenzione del governo di Pechino di arginare il boom immobiliare degli ultimi 5 anni per evitare l’incontrollato aumento dei prezzi. Progetto che si è tradotto nell’impedire con apposite misure l’acquisto di seconde case, colpendo appunto il mercato immobiliare che è uno dei motori centrali della crescita cinese, e che pesa il 15% sull’economia cinese.

Ritornando in Europa, ottime le perfomance dei Paesi germanofoni, con il boom dell’Austria (+11% rispetto ad un anno fa), spinto anche dagli investitori italiani con le conseguenti proteste austriache; e della Svizzera, che si posiziona al quarto posto nel rialzo dei prezzi. La Germania, anche in questo ambito si conferma come un mercato “sicuro” (+7% dal 2007), con una lenta ma costante crescita dei valori, favorita anche dai controlli delle autorità tese ad evitare eccessi di crescita, e dalla particolarità del mercato: difatti solo il 46% dei tedeschi è proprietario di casa, al confronto con il 66% in Gran Bretagna, o il 68% dell’Italia.

E il nostro Paese? Secondo il settimanale britannico continua la graduale discesa dei prezzi (-9,4% dal 2007); ma mentre i canoni di locazione risultano aver raggiunto un sostanziale “equilibrio di mercato”, il valore delle abitazioni risulta ancora sovrastimato del 15% rispetto al “fair value”.

Come sempre, il settore immobiliare è un’ottimo osservatorio sull’andamento dell’economia, e molto spesso ne è causa scatenante: il principale fattore dell’aumento dei prezzi degli immobili è la disponibilità di credito. Se l’accesso al credito è facile ed economico, il prezzo salirà velocemente: riprova ne è il disastro finanziario (negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Irlanda e in altri paesi) causato dai prestiti “generosi” concessi al settore immobiliare. In Italia (come del resto in Gran Bretagna), sono stati gli istituti di credito che hanno cercato (o meglio, stanno cercando?) di evitare un crollo del mercato immobiliare, al fine di evitare una catastrofe nel settore bancario. Il vero problema è però questo continuo procrastinare la situazione di molti progetti o società immobiliari, quando proprio non si vuole “fare finta”. La discesa dei prezzi è ineluttabile.

COMMENTI /

Ritratto di Giovanni Armanini
Ven, 17/08/2012 - 15:55
GArmanini
commentiamo il dato dell'Italia? Qualcuno mi dovrà spiegare come mai negli studi delle varie agenzie si dice che i prezzi tengono, al massimo scendono di poche unità percentuali ma poi si ammette che in sede di trattativa si spuntano sconti fino al 20-25-30%. L'impressione è che ci sia una operazione lobbystica di difesa dei patrimoni che cozza contro la necessaria trasparenza...
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Turchia, muore dopo il blitz il magistrato sequestrato

Dopo sette ore di trattative fallite, le forze speciali irrompono nel tribunale di Istanbul per liberare l'ostaggio: esplosioni, fumo e colpi di arma da fuoco

Turchia, il magistrato sequestrato è morto. Nel blitz uccisi due sequestratori

Mehmet Selim Kiraz, è morto dopo essere arrivato in gravi condizioni in ospedale e dopo essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico disperato

Unipol, Cassazione conferma prescrizione per Silvio e Paolo Berlusconi

Il processo riguarda la pubblicazione, il 31 dicembre 2005, sul quotidiano 'Il Giornale' dell'intercettazione della telefonata "Abbiamo una banca"

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

Confondi spesso destra e sinistra? Ecco perché

È un operazione più complessa di quanto sembri. E a volte sbagliare può provocare veri disastri

Il fascino (molto) nascosto dei codici aeroportuali

Perché Malpensa è MXP e Toronto YYZ? Lo spiega un sito che potrebbe anche riempire le vostre serate

Per andare al centro della Terra la strada è questa

In un’infografica della Bbc si simula il percorso dalla superficie al centro. È molto interessante

Hemingway non ha mai scritto quella storia

Viene celebrata come la short story perfetta e attribuita allo scrittore Usa. È tutta un’invenzione

PRESI DAL WEB

Istat, la fiducia dei consumatori al massimo dal 2002

Migliorano le aspettative: la componente economica è quella più consistente

L’aberrante post di Beppe Grillo: Lubtiz è come Renzi, che ci guida al disastro

La tragedia della Germanwings ha ispirato l’ex comico ligure suggerendo un paragone quantomeno indelicato: l’uomo solo al comando e lo schianto finale

Zayn Malik lascia gli One Direction: i fan sono sconvolti

Il membro del gruppo amato dai teenager ha deciso, dopo cinque anni, di lasciare i suoi compagni. "Desidero avere la vita di un 22enne normale. E rilassarmi"