Blog di

di Andrea Guarise

Questo stato non ci piace

Blog post del 5/06/2012

Il titolo può avere una duplice lettura, e lascerò al lettore, al termine del pezzo, decidere quale interpretazione dare: a) questo Stato (con la S maiuscola) non ci piace, Stato inteso come potere centrale sovrano; b) questo stato (s minuscola), “di cose, ndr” non ci piace.

Questo stato non ci piace

Il tutto nasce da questo articolo, che riporto integralmente, e di cui la parte in grassetto mi ha dato il là per alcune riflessioni.

In palio la gestione di asset per oltre un miliardo (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 4 giu - La gara per la dismissione delle caserme del ministero della Difesa subisce uno stop. Entro il 30 maggio i tecnici del dicastero avrebbero dovuto inviare una lettera d’invito alle sgr preselezionate dopo la prima fase di manifestazione di interesse ma, secondo quanto risulta a Radiocor, in queste ore e’ arrivato un fax in cui si comunica alle societa’ di gestione del risparmio immobiliari la formale sospensione della gara per sei mesi. A fine 2011, il ministero della Difesa aveva avviato una procedura per cercare una o piu’ sgr a cui affidare la gestione di 1,325 miliardi di patrimonio immobiliare in grado di generare commissioni fino a un massimo di 65,2 milioni di euro. Lo stop e’ dovuto alla mancanza, allo stato attuale, di un piano definito di valorizzazione delle caserme. Dei sei lotti individuati dal ministero della Difesa, quello in stato piu’ avanzato e’ quello di Roma (valore stimato 480 milioni di euro), ma anche in questo caso non si e’ andati oltre un protocollo d’intesa firmato con il Comune di Roma che non e’, tuttavia, vincolante. La gara, che rappresentava anche il primo tentativo di procedere alla dismissione di immobili pubblici, aveva attirato l’interesse di tutti i principali operatori del settore: da Idea Fimit a Bnp Paribas Reim, passando per Prelios, Fabrica, Investire Immobiliare, Hines Italia, Sorgente e Beni Stabili Gestioni.

Rileggo un paio di volte la notizia, e mi domando: ma in cinque mesi cinque non si è riuscito a stilare nessun piano di valorizzazione, e a andare oltre un protocollo d’intesa (per giunta, non vincolante)?

Faccio una rapida ricerca in Rete, e trovo:

Nella Gazzetta Ufficiale dell’8 gennaio 2011 è stato pubblicato un elenco di 61 beni immobili in uso all’Amministrazione Difesa ai fini del loro trasferimento al patrimonio disponibile dello Stato. Gran parte degli immobili in via di dismissione è costituito da caserme.

incuriosito mi leggo questi articoli su Il Mondo del 20 gennaio 2012, su Il Sole 24 Ore del 23 febbraio 2012, e sempre dal Sole, quest’ultimo articolo del 9 marzo 2012.

Tutti articoli dove vengono raccontati - a volte con un balletto di cifre, che per certi aspetti è giustificabile dato che è un’attività in itinere - i passi in corso d’opera per questo importante progetto di dismissione del patrimonio immobiliare pubblico. Ma ora, di fronte a questa notizia, non da operatore, ma da semplice cittadino, mi chiedo: cinque mesi sono serviti a produrre cosa? E servono altri sei per...?

Credo che l’interpretazione esatta del titolo ora sia congiunta: questo Stato “di cose, e che allo stesso tempo ci governa” non ci piace.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Messico: caso studenti scomparsi, lascia il governatore Aguirre

Ha annunciato giovedì le sue dimissioni, per favorire l'inchiesta sulla sparizione di 43 studenti di una scuola, avvenuta un mese fa

Vertice Ue, c'è l'accordo sul clima

riduzione del 40% delle emissioni di CO2 entro il 2030

Ebola, primo caso a New York

Medico ricoverato positivo a virus, era tornato da Guinea

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti