Blog di

di Bruno Perini

Editto bulgaro per lo zio Adriano a Sanremo? Ma Celentano non si piega.

Blog post del 24/01/2012
Parole chiave: 
Siamo alle solite. In Rai ancora non hanno capito o fanno finta di non capire di che pasta è fatto lo zio Adriano. In veste di suo biografo, (mi riferisco a Celentano per chi non lo sapesse), devo confessare che me l'aspettavo il diktat fatto dal direttore della Rai nei suoi confronti. Nella sua carriera artistica ci sono decine di casi simili a quello che si sta mettendo in atto. Dalle notizie di cronaca pare infatti che la signora Lorenza Lei abbia già definito Celentano "fuori da Sanremo", una censura preventiva ancora peggiore dell'Editto bulgaro di berlusconiana memoria. Il reato commesso da Celentano? Gravissimo. Aver chiesto libertà assoluta sui testi e sugli interventi che farà a Sanremo. Una condizione che Adriano pone ogni volta che viene invitato dalla Rai a fare show o interventi spot e che ogni volta la Rai, dai tempi di Fantastico '87, fa finta di dimenticare. Devo dire che quando ci siamo sentiti per telefono in questi giorni e lui mi raccontava dei suoi progetti, senza rilevarmi alcunchè, mi meravigliava comunque il fatto che i vertici della Rai a parole lasciassero allo zio tutta questa libertà di intervenire sul Festival di Sanremo senza nessuna censura o controllo preventivo. Come sempre: all'inizio sembra che tutto fili liscio, poi nelle pieghe del contratto si trova la frase chiave: "I testi vanno concordati" Che la Rai avesse deciso di lasciargli carta bianca mi sembrava assai strano vista l'ossessione che hanno per il controllo. Già perchè anche i passanti da Saxa Rubra sanno che i vertici della Rai hanno una vera propria ossessione per il controllo dei programmi, soprattutto quando c'è di mezzo la politica. Al di là dei contenuti temono l'imprevedibilità dello zio. Ed è su questo punto che è nato l'incidente. Adesso sono già iniziate le manovre per mediare sulla infelice uscita del direttore della Rai ma sono pronto a scommettere che difficilmente lo zio farà passi indietro. E già nella giornata di oggi si saprà quale sarà l'orientamento dello zio sul suo blog.
Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Gianni
Mar, 24/01/2012 - 16:00
Gianni
Mahh...pagare pure di tasca mia per farmi fare i comizi da questo cantastorie.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Vaticano, Papa Francesco nomina il nuovo camerlengo

Il successore del cardinale Tarcisio Bertone è il francese Jean-Louis Tauran. 71 anni, è il presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso

Per 48 milioni di italiani Natale e Capodanno senza vacanze

A lanciare l’allarme sugli effetti della crisi è federalberghi. Secondo lo studio solo 11,8 milioni di italiani faranno una vacanza durante le festività

Legge di Stabilità, all’alba il Senato approva il maxiemendamento

Via libera da parte di Palazzo Madama alla fiducia posta dal governo. I voti favorevoli sono 162, i no sono 37, nessun astenuto

Lo stile di cinque grandi registi in un video

Con solo immagini di stock, ricreare Wes Anderson, Malick, Fincher, Cuaron e Tarantino
SHARE

I miti sulle malattie invernali

Non è vero che l’alcol scalda e soprattutto non è vero che a uscire coi capelli bagnati ci si ammala
SHARE

L’altra volta che Hollywood ha ucciso Kim Jong

Kim Jong-Il ucciso in Team America
In “Team America” gli autori di South Park avevano già ammazzato un leader nordcoreano: Kim Jong-Il
SHARE

Il sessismo spiegato ai bambini

«Gli uomini sono presidenti, le donne first ladies» e altri stereotipi di genere negli USA del 1970
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori

L'addio di Napolitano: «Parlare di voto o di scissioni evoca l'instabilità»

Il saluto del presidente alle alte cariche dello Stato promuove il governo Renzi: «Procedere senza stop s