Blog di

di Bruno Perini

Editto bulgaro per lo zio Adriano a Sanremo? Ma Celentano non si piega.

Blog post del 24/01/2012
Parole chiave: 
Siamo alle solite. In Rai ancora non hanno capito o fanno finta di non capire di che pasta è fatto lo zio Adriano. In veste di suo biografo, (mi riferisco a Celentano per chi non lo sapesse), devo confessare che me l'aspettavo il diktat fatto dal direttore della Rai nei suoi confronti. Nella sua carriera artistica ci sono decine di casi simili a quello che si sta mettendo in atto. Dalle notizie di cronaca pare infatti che la signora Lorenza Lei abbia già definito Celentano "fuori da Sanremo", una censura preventiva ancora peggiore dell'Editto bulgaro di berlusconiana memoria. Il reato commesso da Celentano? Gravissimo. Aver chiesto libertà assoluta sui testi e sugli interventi che farà a Sanremo. Una condizione che Adriano pone ogni volta che viene invitato dalla Rai a fare show o interventi spot e che ogni volta la Rai, dai tempi di Fantastico '87, fa finta di dimenticare. Devo dire che quando ci siamo sentiti per telefono in questi giorni e lui mi raccontava dei suoi progetti, senza rilevarmi alcunchè, mi meravigliava comunque il fatto che i vertici della Rai a parole lasciassero allo zio tutta questa libertà di intervenire sul Festival di Sanremo senza nessuna censura o controllo preventivo. Come sempre: all'inizio sembra che tutto fili liscio, poi nelle pieghe del contratto si trova la frase chiave: "I testi vanno concordati" Che la Rai avesse deciso di lasciargli carta bianca mi sembrava assai strano vista l'ossessione che hanno per il controllo. Già perchè anche i passanti da Saxa Rubra sanno che i vertici della Rai hanno una vera propria ossessione per il controllo dei programmi, soprattutto quando c'è di mezzo la politica. Al di là dei contenuti temono l'imprevedibilità dello zio. Ed è su questo punto che è nato l'incidente. Adesso sono già iniziate le manovre per mediare sulla infelice uscita del direttore della Rai ma sono pronto a scommettere che difficilmente lo zio farà passi indietro. E già nella giornata di oggi si saprà quale sarà l'orientamento dello zio sul suo blog.
Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Gianni
Mar, 24/01/2012 - 16:00
Gianni
Mahh...pagare pure di tasca mia per farmi fare i comizi da questo cantastorie.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Gb, uragano Gonzalo: 3 morti, 5 feriti

Oltre alla donna uccisa da un albero caduto a Knightsbridge, un altro uomo è morto in Essex per il ribaltamento di un furgone che stava riparando

Ebola, guarito il cameraman della Nbc

Ashoka Mukpo verrà presto dimesso, è quarta guarigione in Usa

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“