Blog di

di Alessandra Malvestio

Addio Carlos Fuentes, il grande scrittore messicano ci lascia un capolavoro incompiuto

Blog post del 16/05/2012

Carlos Fuentes Macías (Panamá, 11 novembre 1928 – Città del Messico, 15 maggio 2012)

Carlos Fuentes: 83 anni e un mancato premio Nobel. Ieri sera, nel corso di una grande veglia nella casa di Città del Messico che Fuentes divideva con la moglie (la giornalista Silvia Lemus), lo scrittore messicano Ignacio Solares ha gravemente commentato: «Con Fuentes è morta la nostra ultima grande coscienza». Fuentes, che era stato candidato al Nobel per la letteratura lo scorso anno, parlava del suo Paese come un uomo parlerebbe di una donna:

«È molto enigmatico, ed è una buona cosa, perché ci tiene allerta, ci costringe costantemente a cercare di decifrare il suo enigma, il mistero del Messico, a cercare di capire un Paese che è molto, molto barocco e pieno di sorprese».

Il suo primo romanzo, La región más transparente (in italiano: L’ombelico della luna) parlava proprio della vita nella capitale messicana fra gli anni Quaranta e Cinquanta ed era stato definito da molti come il libro precursore del famoso boom latinoamericano (Fuentes era uno dei “quattro moschettieri” assieme a Gabriel García Márquez, Mario Vargas Llosa e Julio Cortázar).
Erano seguiti 20 romanzi, fra cui Aura e La Morte di Artemio Cruz, diverse cattedre di letteratura in università nordamericane, e un mandato da ambasciatore in Francia nel 1975, durante il quale aveva aperto le porte a molti rifugiati politici latinoamericani da cui si era dimesso dopo appena due anni, per protesta alla nomina di ambasciatore in Spagna dell’ex presidente Gustavo Díaz Ordaz, responsabile del massacro del 1968 di diverse centinaia di studenti in piazza Tlatelolco.

Carlos Fuentes non si immaginava di morire. Lo ha stroncato, inaspettatamente, un’emorragia. Era da poco tornato dalla Feria del Libro di Buenos Aires, che si è conclusa il 7 maggio, dove aveva comunicato di stare lavorando ad un nuovo romanzo, El Baile del Centenario su cui aveva detto:

«Ho già molti capitoli, annotazioni, personaggi. C’è una donna che mi interessa molto, che non vuole dire niente del suo passato e si scopre a poco a poco, fino a quando arriva al mare e si libera».

Queste parole, pronunciate solo poche settimane fa, ricordano inevitabilmente quelle stesse dell’autore riguardo alla morte:

«La morte spetta al più coraggioso, al più ricco, al più bello. Però lo rende uguale al più codardo, al più povero, al più brutto, e non per il semplice fatto di morire, né per la consapevolezza della morte, ma per l’ignoranza della morte. Sappiamo che un giorno verrà, però non sappiamo mai cos’è».

Carlos Fuentes da giovane

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Boko Haram decapita due prigionieri e ne fa un video

Effetto emulazione: anche l’organizzazione terroristica nigeriana segue l’esempio dell’Is

Arrestato Helg presidente Camera commercio di Palermo per estorsione

Bloccato ieri mentre intascava una tangente di 100mila euro da un ristoratore, affittuario di uno spazio dell’aeroporto, si era rivolto a lui per una proroga

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Il business controverso delle banconote per i film

Produrre soldi falsi per il cinema è redditizio, ma può creare problemi con la legge (davvero)
SHARE

Barbapapà, i veri ideologi del No-Tav

Una riflessione su un cartone animato terzomondista ed ecologista, dopo la morte del loro creatore
SHARE

Perché i bus in ritardo arrivano tutti insieme

È il fenomeno del "bus bunching": i mezzi arrivano in gruppo. Così un servizio diventa un problema
SHARE

Cosa succede se i film di Kubrick diventano videogiochi

Anche se trasposti in un formato diverso, riescono a mantenere i caratteri dell’originale
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica