Blog di

di Alessandra Malvestio

A letto col nemico: accordo storico tra Google ed editori francesi

Blog post del 12/06/2012
Parole chiave: 

Google 1-Francia 0. Dopo sei anni di querele varie e agonizzanti trattative, gli editori francesi hanno finalmente capitolato al famoso motore di ricerca arrivando a un accordo senza precedenti. Secondo quanto riporta The Bookseller, d’ora in poi Google potrà catalogare e vendere copie scannerizzate di libri francesi fuori catalogo senza-e-dico-senza permesso delle case editrici interessate.

La Rivoluzione Culturale Francese. Il Sindacato Nazionale degli Editori (Syndicat National de l'Edition ha definito questa trattativa «una vera e propria rivoluzione culturale». Secondo quanto dice Philippe Colombet, strategic partner development manager di Google Books per la Francia, i vari editori potranno comunque decidere liberamente se partecipare al progetto e se sottrarre o autorizzare per l’anteprima o la vendita particolari titoli. I ricavati della vendita saranno divisi fra Google e le case editrici, con la percentuale maggiore per queste ultime. Quanto maggiore sarà questa percentuale dipenderà dalle singole negoziazioni. Sempre grazie a quest’accordo, Google venderà le versioni elettroniche dei libri attualmente in catalogo attraverso Google Play, che al momento non è ancora presente in Francia.
Colombet si dice fiducioso che questa trattativa aiuterà a sviluppare il mercato degli ebook francesi, e metterà la Francia in una posizione di assoluta avanguardia in questo settore.

Il bastone e la carota? Al fine di permettere la buona riuscita delle trattative, l’associazione degli scrittori francesi (Société des Gens de Lettres) e il sindacato degli editori hanno recentemente ritirato le loro querele nei confronti di Google. In cambio, Google finanzierà la creazione di un database digitale degli autori e detentori dei diritti francesi per i primi, e un progetto di sensibilizzazione alla lettura nelle scuole francesi chiamato “Giovani Campioni di Lettura” per i secondi. Google, che dal 2004 ha scannerizzato oltre 20 milioni di libri, calcola che circa il 75% dei libri pubblicati sia fuori catalogo. Ed evidentemente di poterci fare buoni affari.
 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Mar, 12/06/2012 - 17:38
E perché mai Google1-Francia0? Mi sembra che ci guadagnino tutti e due, no? O forse l'autrice di questo articolo pensa che o uno ha giornate di tempo da perdere in polverose biblioteche o meglio si dedica all'ippica? Io spesso vorrei leggere libri fuori catalogo ma non ho tempo da buttare. Mi chiedo perché le case editrici non abbiano valorizzato i loro patrimoni digitalizzandoli. Ci ha pensato prima Google e tanto di cappello. Tutto il resto è noia.
SHARE
Ritratto di Alessandra Malvestio
Mar, 12/06/2012 - 19:30
Amalvestio
gesu' giuseppe e maria vi prego basta commenti velenosi, sono un animo sensibile. Google 1 perché comunque si prende una bella anzi bellissima fetta del ricavato e perché per questa cosa di scannerizzare lo avevano querelato come si suol dire 'a manetta'. Comunque, sono d'accordissimo sul fatto che alla fine ci guadagnano anche le case editrici e che avrebbero sicuramente dovuto svegliarsi prima e pensarci loro.
SHARE
Ritratto di The Jerk
Mar, 12/06/2012 - 23:30
Jerk
Non toccatemi Alessandra Malvestio, anonimi rosicanti e tignosi. O prendo la glock. Detto questo, se ci fosse un accordo così anche in Italia io mi leggerei "uno per battere il passo" e "il confine dell'inganno" di Crumley. Fuori catalogo e introvabili. E per me sarebbe una gioia.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti