Blog di

di Alessandra Malvestio

A letto col nemico: accordo storico tra Google ed editori francesi

Blog post del 12/06/2012
Parole chiave: 

Google 1-Francia 0. Dopo sei anni di querele varie e agonizzanti trattative, gli editori francesi hanno finalmente capitolato al famoso motore di ricerca arrivando a un accordo senza precedenti. Secondo quanto riporta The Bookseller, d’ora in poi Google potrà catalogare e vendere copie scannerizzate di libri francesi fuori catalogo senza-e-dico-senza permesso delle case editrici interessate.

La Rivoluzione Culturale Francese. Il Sindacato Nazionale degli Editori (Syndicat National de l'Edition ha definito questa trattativa «una vera e propria rivoluzione culturale». Secondo quanto dice Philippe Colombet, strategic partner development manager di Google Books per la Francia, i vari editori potranno comunque decidere liberamente se partecipare al progetto e se sottrarre o autorizzare per l’anteprima o la vendita particolari titoli. I ricavati della vendita saranno divisi fra Google e le case editrici, con la percentuale maggiore per queste ultime. Quanto maggiore sarà questa percentuale dipenderà dalle singole negoziazioni. Sempre grazie a quest’accordo, Google venderà le versioni elettroniche dei libri attualmente in catalogo attraverso Google Play, che al momento non è ancora presente in Francia.
Colombet si dice fiducioso che questa trattativa aiuterà a sviluppare il mercato degli ebook francesi, e metterà la Francia in una posizione di assoluta avanguardia in questo settore.

Il bastone e la carota? Al fine di permettere la buona riuscita delle trattative, l’associazione degli scrittori francesi (Société des Gens de Lettres) e il sindacato degli editori hanno recentemente ritirato le loro querele nei confronti di Google. In cambio, Google finanzierà la creazione di un database digitale degli autori e detentori dei diritti francesi per i primi, e un progetto di sensibilizzazione alla lettura nelle scuole francesi chiamato “Giovani Campioni di Lettura” per i secondi. Google, che dal 2004 ha scannerizzato oltre 20 milioni di libri, calcola che circa il 75% dei libri pubblicati sia fuori catalogo. Ed evidentemente di poterci fare buoni affari.
 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Mar, 12/06/2012 - 17:38
E perché mai Google1-Francia0? Mi sembra che ci guadagnino tutti e due, no? O forse l'autrice di questo articolo pensa che o uno ha giornate di tempo da perdere in polverose biblioteche o meglio si dedica all'ippica? Io spesso vorrei leggere libri fuori catalogo ma non ho tempo da buttare. Mi chiedo perché le case editrici non abbiano valorizzato i loro patrimoni digitalizzandoli. Ci ha pensato prima Google e tanto di cappello. Tutto il resto è noia.
SHARE
Ritratto di Alessandra Malvestio
Mar, 12/06/2012 - 19:30
Amalvestio
gesu' giuseppe e maria vi prego basta commenti velenosi, sono un animo sensibile. Google 1 perché comunque si prende una bella anzi bellissima fetta del ricavato e perché per questa cosa di scannerizzare lo avevano querelato come si suol dire 'a manetta'. Comunque, sono d'accordissimo sul fatto che alla fine ci guadagnano anche le case editrici e che avrebbero sicuramente dovuto svegliarsi prima e pensarci loro.
SHARE
Ritratto di The Jerk
Mar, 12/06/2012 - 23:30
Jerk
Non toccatemi Alessandra Malvestio, anonimi rosicanti e tignosi. O prendo la glock. Detto questo, se ci fosse un accordo così anche in Italia io mi leggerei "uno per battere il passo" e "il confine dell'inganno" di Crumley. Fuori catalogo e introvabili. E per me sarebbe una gioia.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

La Camera boccia l’emendamento della Lega sulle toghe

Riguardava la responsabilità civile dei magistrati

Kiev chiede altri 2 miliardi di prestiti all’Europa

Gazprom vuole da Kiev il pagamento del debito di 3,1 mld di dollari per riprendere a rifornirla di gas

Sblocca Italia "in salita" alla Camera

Domani sara' all' esame dell'aula di Montecitorio. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo,ma l'appuntamento potrebbe anche saltare

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“