Blog di

di Alessandra Malvestio

A letto col nemico: accordo storico tra Google ed editori francesi

Blog post del 12/06/2012
Parole chiave: 

Google 1-Francia 0. Dopo sei anni di querele varie e agonizzanti trattative, gli editori francesi hanno finalmente capitolato al famoso motore di ricerca arrivando a un accordo senza precedenti. Secondo quanto riporta The Bookseller, d’ora in poi Google potrà catalogare e vendere copie scannerizzate di libri francesi fuori catalogo senza-e-dico-senza permesso delle case editrici interessate.

La Rivoluzione Culturale Francese. Il Sindacato Nazionale degli Editori (Syndicat National de l'Edition ha definito questa trattativa «una vera e propria rivoluzione culturale». Secondo quanto dice Philippe Colombet, strategic partner development manager di Google Books per la Francia, i vari editori potranno comunque decidere liberamente se partecipare al progetto e se sottrarre o autorizzare per l’anteprima o la vendita particolari titoli. I ricavati della vendita saranno divisi fra Google e le case editrici, con la percentuale maggiore per queste ultime. Quanto maggiore sarà questa percentuale dipenderà dalle singole negoziazioni. Sempre grazie a quest’accordo, Google venderà le versioni elettroniche dei libri attualmente in catalogo attraverso Google Play, che al momento non è ancora presente in Francia.
Colombet si dice fiducioso che questa trattativa aiuterà a sviluppare il mercato degli ebook francesi, e metterà la Francia in una posizione di assoluta avanguardia in questo settore.

Il bastone e la carota? Al fine di permettere la buona riuscita delle trattative, l’associazione degli scrittori francesi (Société des Gens de Lettres) e il sindacato degli editori hanno recentemente ritirato le loro querele nei confronti di Google. In cambio, Google finanzierà la creazione di un database digitale degli autori e detentori dei diritti francesi per i primi, e un progetto di sensibilizzazione alla lettura nelle scuole francesi chiamato “Giovani Campioni di Lettura” per i secondi. Google, che dal 2004 ha scannerizzato oltre 20 milioni di libri, calcola che circa il 75% dei libri pubblicati sia fuori catalogo. Ed evidentemente di poterci fare buoni affari.
 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Mar, 12/06/2012 - 17:38
E perché mai Google1-Francia0? Mi sembra che ci guadagnino tutti e due, no? O forse l'autrice di questo articolo pensa che o uno ha giornate di tempo da perdere in polverose biblioteche o meglio si dedica all'ippica? Io spesso vorrei leggere libri fuori catalogo ma non ho tempo da buttare. Mi chiedo perché le case editrici non abbiano valorizzato i loro patrimoni digitalizzandoli. Ci ha pensato prima Google e tanto di cappello. Tutto il resto è noia.
SHARE
Ritratto di Alessandra Malvestio
Mar, 12/06/2012 - 19:30
Amalvestio
gesu' giuseppe e maria vi prego basta commenti velenosi, sono un animo sensibile. Google 1 perché comunque si prende una bella anzi bellissima fetta del ricavato e perché per questa cosa di scannerizzare lo avevano querelato come si suol dire 'a manetta'. Comunque, sono d'accordissimo sul fatto che alla fine ci guadagnano anche le case editrici e che avrebbero sicuramente dovuto svegliarsi prima e pensarci loro.
SHARE
Ritratto di The Jerk
Mar, 12/06/2012 - 23:30
Jerk
Non toccatemi Alessandra Malvestio, anonimi rosicanti e tignosi. O prendo la glock. Detto questo, se ci fosse un accordo così anche in Italia io mi leggerei "uno per battere il passo" e "il confine dell'inganno" di Crumley. Fuori catalogo e introvabili. E per me sarebbe una gioia.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Burkina Faso, assaltata la sede della tv di Stato a Ouagadougou

Saccheggiato anche il palazzo del Parlamento. Si protesta contro la riforma costituzionale che permette al Presidente di prolungare suo mandato

Tar, de Magistris torna in carica

Giudici amministrativi, atti alla Corte Costituzionale

La teoria dell’evoluzione, spiegata in modo chiaro

Per chi crede di averla capita bene e per chi ha bisogno di sciogliere alcuni dubbi al riguardo
SHARE

Vivere d’aria: come respirano gli animali

L’ossigeno serve a tutti, ma i modi in cui ce lo si procura variano di specie in specie
SHARE

Tattiche per non far invecchiare né cervello né idee

Quattro consigli per sfuggire al veleno della routine
SHARE

Imparare la filosofia dell’Oriente e vivere meglio

A scuola si insegna solo la tradizione occidentale. Urge rimediare subito, con un’infografica
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Lavoro e famiglia: nemmeno in Norvegia le donne riescono ad avere tutto

Nonostante le politiche illuminate su figli e carriera, introvabili altrove, le donne faticano ad andare avanti e crearsi una carriera

Un weekend con il Dalai Lama e la sua patria portatile

Incontrare una delle personalità più importanti del pianeta e capire, alla fine, i motivi della sua popolarità