Blog di

di Alessio Napolitano

Come smascherare i finti marchi CE

Blog post del 13/07/2012
Parole chiave: 

E' dal 2009 che la Cina non ha una crescita economica così bassa, ora infatti si attesta con un +7,6% nel secondo trimestre, facendo comunque invidia a qualsivoglia Stato Europeo. L'economia asiatica come ben tutti sappiamo, non si basa molto su quella interna, ma sopratutto su quella esterna, con l'export verso l'Europa e l'America che concedono sempre più il loro "Made" a questi Paesi.

A volte diciamo che ogni prodotto Cinese o Asiatico è fatto di prodotti di scarto, spesso inquinanti e cancerogeni, ciò può risultare falso visto le numerosi multinazionali, dal campo dell'elettronica a quello della moda, che visto la propria internazionalità, riescono a portare le migliori materie prime in Cina, dove però a differenza di qualunque altro Paese, il Fisco non preme e la manodopera e poco costosa ma molto precisa.

Oltre a queste aziende però, nella stessa Cina operano piccole fabbriche di prodotti illegali per l'export, non utilizzabili nei nostri Paesi, visto il loro alto pericolo(sopratutto nei giocattoli economici per i più piccoli). Essi sono fatti con materiali di scarto, a volte anche impossibili da riciclare che smaltiscono in questo modo barbaro per poi proporli sugli scaffali dei nostri negozi.

Questi prodotti per almeno il 90% di essi sono distinguibili per il famoso marchio CE, certificazione che indica che il prodotto può essere immesso nel mercato Europeo, il restante 10% o non lo riporta o è fatto così bene da essere irriconoscibile. Nella tabella su riportata è possibile vedere come il Marchio CE deve essere, e come non deve essere, i maggiori casi di non marchio CE sono i primi due, il primo difficilmente irriconoscibile dall'originale, ma notabile è lo spazio tra le due lettere e la circonferenza ipotetica della C che dovrebbe finire sulla E e non oltre, mentre il secondo viene utilizzato nelle confezioni di plastica dove viene giustificata dalla tensione o la mala stampa sulla plastica. Il marchio tarocco secondo gli importatori ed esportatori vuol dire China Export, cioè proveniente dalla Cina, è non include difetti o materie prime scadenti nel prodotto.

I prodotti con finto marchio CE vengono venduti specialmente nei negozi Cinesi che oramai riempiono le nostre strade, se nel caso vi andaste a fare un giro in questi negozi e trovate tale marchio falso, contattate subito la Guardia di Finanza, anche se dovrebbe fare controlli(che ovviamente non fa) per prevenirne la vendita. Una cosa utile sarebbe fare un applicazione per SmartPhone, come quelle per chi non rilascia scontrini(tassa.li), in modo da segnalare in mappe virtuali i negozi non a norma.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Riforme, si tratta su immunità e referendum

Nel negoziato anche l'elezione del Quirinale. Il premier pronto ad un altro incontro con Berlusconi

Gaza, Consiglio di sicurezza Onu: "Cessate fuoco immediato"

A New York adottata una dichiarazione unanime. Anche il presidente Obama aveva esortato Israele a fermarsi

Formula Uno, Gp d’Ungheria: vince Ricciardo (Red Bull), secondo Alonso

Ricciardo scavalca a due giri dalla fine il ferrarista Alonso. Terzo Lewis Hamilton, dopo una grande rimonta

Capitali europee rappresentate con il cibo

L’idea di due fotografi che utilizzano il cibo per esprimere e condividere la loro creatività
SHARE

Utili consigli per diventare un buon ascoltatore

Saper parlare è importante, ma in certe occasioni l’ascolto potrebbe essere la soluzione vincente
SHARE

Breve storia del Pi greco

Anche se la matematica non vi ha lasciato dolci ricordi, la storia di questa cifra ha un suo fascino
SHARE
La macchina della verità

I siti per scoprire se questo articolo è stato copiato

Getty Images
Cinque programmi per trovare chi plagia: basta inserire un testo e iniziare la ricerca dei furbetti
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le persone mattiniere sono più propense a mentire durante il pomeriggio

E lo fanno soprattutto nei confronti dei loro capi. Chi dorme poco di notte invece, potrebbe essere meno etico la mattina. La siesta pomeridiana è la soluzione

Così le società segrete riescono a sfuggire a Internet

Viaggio all’interno del processo di reclutamento dei leggendari club della New York University

Ft: la quotazione del 40% di Poste slitterà alla metà del 2015

Il quotidiano finanziario: secondo diverse fonti il rinvio deciso dopo la deludente quotazione di Fincantieri. Non aiuta il coinvolgimento di Poste in Alitalia