Blog di

di Massimo Famularo

Siamo una squadra fortissimi

Blog post del 5/08/2012
Parole chiave: 

Mettiamo che avete avete un portiere fenomenale due difensori bravi e due ottimi attaccanti.
Come li schierate in campo? Per caso provate a mettere il portiere come punta assistito dai due difensori, magari lasciando gli attaccanti in difesa? Direi di no.
Eppure quando vi incaponite sulla Rai o sull'istruzione o sulla sanità pubblica, sullo stato imprenditore e fornitore di servizi che potrebbe produrre anche il mercato state proponendo esattamente la formazione che ho descritto.
Lo stato è un ottimo portiere nel senso che il rispetto della legge e l'ordine pubblico può garantirli solo lui. Se vi ostinate a volere uno stato che sia anche imprenditore state mandando in attacco il vostro portiere.
Il risultato è sotto gli occhi di tutti, la porta è vuota e alcune funzioni di base che uno stato civile dovrebbe svolgere vengono trascurate. Se il ruolo di un giocatore è il portiere, è chiaro quanto possa riuscire bene come attaccante: ecco i risultati dello stato imprenditore sotto la regia dei politici.

Mi rendo conto che il forte fraintendimento di fondo è che lo stato possa essere imparziale e disinteressato, mentre i privati sono di norma cinici  approfittatori. Non è così. Sono uomini i funzionari di stato e i politici, come sono uomini gli imprenditori privati. Nessuno di loro è disinteressato. Dunque il punto fondamentale è avere dei meccanismi che limitino il più possibile la disonestà.

Piaccia o non piaccia il mercato è uno di questi e si prova da millenni efficace ed efficiente. Se un imprenditore bara e i mercati funzionano, i consumatori lo abbandonano e fallisce prima che qualunque organismo burocratico debba mettersi in funzione. Dunque la maggioranza degli imprenditori che operano in concorrenza evita di barare non per bontà, ma per timore della minaccia che la concorrenza lo faccia fallire.

Non sarebbe meglio mettere il portiere in porta e i difensori in difesa, avendo uno strato che si concentrasse su le funzioni di base di far rispettare la legge, punire i criminali mentre mettiamo in attacco gli attaccanti lasciando che sia il mercato a fare impresa?

Ho dimenticato lo stato sociale? No, ne ho parlato ieri e ci tornerò ancora.
Per il momento vorrei sottolineare che: quando stato e mercato giocano nei ruoli a loro più congeniali sono una squadra fortissimi.
Non vi pare?

@massimofamularo
 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Lorenzo Tondi
Dom, 05/08/2012 - 11:31
Ltondi
Fammi capire, quindi la sanità pubblica non dovrebbe esserci?
SHARE
Ritratto di Massimo Famularo
Dom, 05/08/2012 - 16:02
Massimofamularo
A me interessa che ci sia una sanità di livello adeguato e che sia messa a disposizione anche delle persone che non possono permettersi di coprirne il costo. Se poi il fornitore è privato o pubblico cosa importa?
SHARE
Ritratto di aisai
Dom, 05/08/2012 - 18:28
aisai
Riprendo da qui la nostra conversazione del post precedente (non è il partito di Oscar Giannino). Il punto è che non occorre alcun profitto in un settore come la sanità. L'importante è curare tutti con la minore spese, e il margine di profitto incide sulla spesa. Che il profitto possa essere uno strumento che aumenta l'efficienza è vero in certi settori e contesti, plausibile in altri, discutibile in altri ancora. Anche nell'esperienza pratica, conosco un sacco di medici che a una competizione per ottenere guadagni maggiori preferirebbero una situazione stabile dove svolgere con serietà il loro lavoro e mantenere il loro giuramento. Senza contare che gli strumenti di valutazione del rendimento sono spesso imprecisi, e sempre limitati. Per restare alla sicilia, il problema non è l'incompetenza dei medici delle strutture pubbliche (ci sono buoni dottori e pessimi dottori, c'è gente inetta arrivata dove è arrivata grazie al padre barone e medici competenti e responsabili), ma l'obsolescenza di quelle strutture, la mancanza di macchinari fondamentali, presenti poi, nella clinica privata del mafioso di turno. Insomma, parliamo sempre di modelli economici, non di realtà. E in questo discorso, non abbiamo ancora mai parlato di ciò che è lo stato, al di là del suo ruolo potenziale di soggetto economico: lo stato siamo noi. Il privato è altro da noi. Non è la stessa cosa. Poi ripeto, anche le mie sono parole. I fatti richiedono adattamenti e mente aperta. Detto questo, il margine di profitto fa aumentare il costo di un servizio. Per i servizi essenziali (e sanità e istruzione lo sono, la seconda inoltre ha un ruolo "politico" non indifferente) possiamo farne a meno, e affidarci al servizio pubblico. Oltretutto, un sacco di grandi portieri sono stati anche ottimi rigoristi. :-)
SHARE
Ritratto di Massimo Famularo
Dom, 05/08/2012 - 19:05
Massimofamularo
AIsai I soggetti privati potrebbero anche essere delle cooperative o aziende non profit L'importante è che abbiano un bilancio chiaro e non siano centri di spesa discrezionale in mano ai politici. Per i beni meritori come sanità e istruzione non è detto che sia auspicabile o necessario qualcuno che faccia profitti. Qualcuno che confronta ricavi (o benefici prodotti per la collegtivitá) e costi invece di vuole sempre.
SHARE
Ritratto di Lorenzo Tondi
Lun, 06/08/2012 - 12:15
Ltondi
<p>Il sistema sanitario &egrave; bene che rimanga pubblico perch&eacute; &egrave; a forte presenza di asimmetrie informative. In questo settore un modello a gestione privata non funziona, costa di pi&ugrave; e copre soltanto parte della popolazione.</p>
SHARE
Ritratto di Massimo Famularo
Mar, 07/08/2012 - 09:24
Massimofamularo
<p>La sanit&agrave; &egrave; un caso particolare, la metafora del portiere che va in attacco &egrave; riferita a quando lo stato si occupa di imprese commerciali.Sanit&agrave; e istruzione sono beni meritori che desideriamo abbiano la pi&ugrave; ampia diffusione possibile, ma anche l&igrave; un consto sono costose cure salvavita, un altro sono interventi di chirurgia estetica velleitaria (ossia quelli che non riguardano incidenti gravi etc)</p> <p>Ad ogni buon conto, non mi &egrave; chiaro per quale motivo un ospedale pubblico dovrebbe essere migliore di un ospedale privato senza scopo di lucro per esempio.</p>
SHARE
Ritratto di aisai
Lun, 06/08/2012 - 09:22
aisai
Certo. Alla base ci vogliono bravi amministratori, e buoni organismi di controllo. Che il mercato sia (direttamente o indirettamente) uno di questi, è vero in teoria. Nella pratica dipende dalle circostanze, può anche accadere (accade, è accaduto) che sia lo stesso mercato a fomentare l'inefficienza. Quanto al resto, la storia italiana più e meno recente dimostra come la mano dei politici riesca sempre ad infilarsi, pubblico o privato non importa. I politici non sono schizzinosi.
SHARE
Ritratto di Massimo Famularo
Mar, 07/08/2012 - 10:12
Massimofamularo
<p>Asai, ci stiamo avvicinando al punto.</p> <p>Se uomini corruttibili e talvolta corrotti sono i funzionari pubblici e uomini gli imprenditori privati;</p> <p>Se la longa manus dei politici si allunga verso il privato con la stessa voracit&agrave; che verso il pubblico;</p> <p>Se &egrave; abbastanza palese che sia pi&ugrave; facile per i politici influenzare i funzionari pubblici che non gli imprenditori privati (il primo caso &egrave; normale ovunque, il secondo illegale quasi ovunque)</p> <p>Se &egrave; pure pacifico che ci sono cose che il mercato pu&ograve; fare in alternativa rispetto allo stato (NON la giustizia, NON l&#39;ordine pubblico, NON la difesa) non diciamo se meglio o peggio (io dico meglio)</p> <p>Se la risposta &egrave; affermativa a tutti questi se:</p> <p><strong>non ne discende che &egrave; preferibile che lo stato NON faccia l&#39;imprenditore?</strong></p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p>
SHARE
Ritratto di Fabrizio Sibilla
Lun, 06/08/2012 - 15:27
fabriziosibilla
@Lorenzo Tondi: non é sempre cosí, io vorrei per tutta l UE il sistema Singaporegno http://econlog.econlib.org/archives/2008/01/singapores_heal.html
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Merkel: “Siamo di fronte a uno scontro tra Russia e Ucraina”

Lavrov: Mosca non vuole la guerra. Ma Kiev denuncia: truppe russe a Donetsk e a Lugansk

Scambi di accuse, bugie e depistaggi: le carte segrete sulla strage di Ustica

Desecretati gli appunti, le informative e i carteggi riservati della Farnesina. Così è stata nascosta la verità

I conti di Cottarelli: nel 2015 mezzo miliardo di risparmi dalle partecipate

L’ obiettivo è eliminarne almeno 2 mila. La necessità di sanzioni per imporre le chiusure

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Cinque consigli per la felicità a poco prezzo

Sono cosucce che cambiano tutto: suggerimenti da seguire ogni volta che avete una giornata no
SHARE

Caffeina ed energia: cosa si scatena nel cervello

Adesso che l'avete bevuta, vi facciamo vedere cosa succede tra i vostri neuroni (e non vi piacerà)
SHARE

Gli snack più antichi del mondo che ancora mangiamo

Dai pop corn fino ai salatini. Li mangiamo da sempre, ma sappiamo da dove vengono?
SHARE

Suggerimenti per costruire una memoria potentissima

Per molti la memoria è un problema, ma seguendo questi consigli potrete allenarla a dovere
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Tutta la verità su Hello Kitty

Un ironico articolo spiega le motivazioni secondo cui il personaggio di Hello Kitty non rappresenterebbe un gatto. Nel caso a qualcuno interessasse

La storia del ragazzo con metà cervello

I genitori del piccolo Williams hanno deciso di accettare una delle procedure più radicali della neurochirurgia per salvargli lavita