Blog di

84 anni fa l'incredibile volo di Amelia (senza quota rosa)

Blog post del 18/06/2012

“Sappi che sono consapevole del rischio. Voglio farlo perché ne sono convinta. Le donne devono provare a fare le cose. Quando falliscono, il loro fallimento non deve essere che una sfida per gli altri.” 

L'ultima lettera di Amelia Earhart al marito

Diane Keaton l'ha interpretata, Joni Mitchell l'ha cantata. Non potevamo non ricordarla. Amelia Earhart, sogno e simbolo femminista per generazioni, è stata un'aviatrice statunitense dell'epoca leggendaria dei bimotori, quando i cieli non erano così affollati. Oggi ricorre l'anniversario della sua traversata dell'Atlantico (18 giugno 1928); un'azione che, assieme a tante altre imprese, le ha concesso nella storia dell'aviazione una fama probabilmente seconda solo a quella di Charles Lindbergh. Eppure questa donna ha combinato più cose in terra che in cielo.

Nel mondo di Amelia non c'erano azioni vietate alle donne. Sembra la storia di un romanzo, ma è vera. Da bambina sogna di voler fare l'eroina, e da adulta gioca da protagonista assoluta con i balocchi dei maschietti. Vedeva gli aerei come “veicoli per sognare, sinuosi, virili e femminili al tempo stesso” - si legge sul volume Ero Amelia Earhart di Jane Meldensohn - e maestosi “vascelli che portano il futuro”. L'aereo come un perfetto incontro di generi.

E così, ancora prima di essere l'aviatrice storica, fu la donna che distrusse, senza stampi ideologici e con un profondo candore, l'idea stessa che da qualche parte nel mondo potesse esistere una “roba da maschi”. Un comodo e retorico equivoco la vuole metaforicamente impegnata a scacciare le manacce degli uomini che vogliono trattenerla a terra. Patti Smith, ad esempio, la ricorda così:

“. . . amelia earhart. dupe. first lady of the/
skies. she had no guy holding her down./ no one could clip her wings.”

E in questo crediamo che abbia agito in maniera assolutamente noncurante di quanti l'avrebbero voluta tenere “al suo posto”, come dicono certi raffinati signori da bettola. Amelia faceva. Faceva a tal punto che decise di tentare un giro del mondo in areo, sparendo improvvisamente il 2 luglio del 1937. Il suo corpo non sarà mai trovato. E noi pensiamo che l'abbia fatto per permetterci di giocare ancora un po' con la sua leggenda, nella speranza che un giorno non ce ne sia più bisogno.

Filippo Grasso  

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

La navetta spaziale Virgin Galactic si schianta: un morto e un ferito

Incidente durante un volo di test dello “spazioplano”' sub-orbitale sperimentale. La società del magnate Richard Branson: "sperimentata un'anomalia"

Burkina Faso, vince la rivoluzione. Compaoré lascia: “Ora elezioni libere”

Questa mattina un milione, forse un milione e mezzo di persone hanno occupato la piazza della Nazione, nel centro della capitale Ouagadougou

Mps, Alexandria; Mussari condannato a tre anni e sei mesi

Insieme a Baldassarri e Vigni per ostacolo alla vigilanza sull’operazione Alexandria

Altro che Halloween, vi presentiamo le vere streghe

Donne emarginate ma con un potere enorme e grande fascino: facevano paura, e vennero demonizzate
SHARE

La dura vita di uno scheletro

Tutto molto più difficile: dalla colazione agli appuntamenti. Per non parlare di Halloween
SHARE

La teoria dell’evoluzione, spiegata in modo chiaro

Per chi crede di averla capita bene e per chi ha bisogno di sciogliere alcuni dubbi al riguardo
SHARE

Vivere d’aria: come respirano gli animali

L’ossigeno serve a tutti, ma i modi in cui ce lo si procura variano di specie in specie
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi nel bicchiere: i vini francesi soffrono il cambiamento climatico

Non è più un problema solo teorico: per i viticoltori d’Oltralpe il caldo ha danneggiato la produzione, rovinando un’intera stagione

Anche la Merkel adesso ha il suo emoticon

Lo hanno segnalato in tanti, soprattutto in Francia: ferma, con le mani a losanga. È la Merkel, e tutti la riconoscono

Se pensi di essere un genio allora sei un pazzo

Entrambe le categorie prestano attenzione a particolari che altri ignorano o danno per scontati