Blog di

di Rosy Battaglia

“Civili a teatro”. L’altra anima di Batblog

Blog post del 6/06/2012

Metto le mani avanti. Tra gli argomenti che ho proposto per Batblog, c’è il teatro.
Il teatro racconta con efficacia, semplicità, commozione e divertimento il cambiamento della nostra società, nelle sue pieghe più intime. “Un tema che tira”direte voi.

Proviamo. Vorrei parlarvi del “mio” teatro e mi piacerebbe mi raccontaste, se lo avete trovato, del vostro.

Un teatro che io amo definire necessario. Come antidoto, cura, memoria, confronto, divertimento. Dove trovo spunti di riflessione, ma anche emozioni che altrove non trovo, se non nei libri.

Quello che a dispetto di tagli e finanziamenti alla Cultura, cerca di resistere e accogliere il suo pubblico. Fa rete con la società civile e non disdegna piazze e circoli.

Un teatro di frontiera che lavora per le strade, nei quartieri, nei carceri e nelle scuole più disagiate d’Italia come in quelle più fortunate. Un teatro che piace, ma spesso lo ignoriamo, a quei nativi digitali che hanno bisogno di mettersi alla prova, conoscere il loro corpo, le loro emozioni e condividerle, senza schermi e chat, basta dargliene solo l’opportunità.

Parlo di quello stesso teatro che non appare nei cartelloni dei grandi teatri stabili finanziati con il Fondo Unico dello Spettacolo, ma che si autofinanzia, spesso solo attraverso il pubblico.

Un teatro che non ha poltrone di consigli di amministrazione da spartire ma che vuole ancora essere un “teatro d’arte per tutti”, popolare e accessibile.

Un teatro che non è triste, paludato, impostato ma che va incontro al suo pubblico, anche raccontando cose “scomode”, provocanti, irriverenti. Ma che non perde di vista chi è in platea, ha pagato un biglietto ed è uscito di casa, anziché stare davanti alla TV o al PC.

Un teatro che si inventa reti e festival per sopravvivere e farci sorridere.

Ci porterò mio figlio ed è uno dei momenti più belli che riusciamo a condividere insieme, lontani dalla fretta e dalle corse quotidiane.

Se vi va ne possiamo parlare. Alla faccia del FUS e delle accise sulla benzina.
 

COMMENTI /

Ritratto di Tindaro
Mer, 20/06/2012 - 08:13
Tindaro
Cara Rosy, grazie. Noi teatranti abbiamo bisogno di gente come te! T
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti „Contatti tra polizia e manifestanti si sono registrati in via Vittorio Emanuele vicino al Duomo

Travaglio scarica Grillo e M5s: «Si sta suicidando, sembrano una setta»

«Il buon lavoro dei parlamentari pentastellati resta sullo sfondo»

M5s, Beppe Grillo lascia: «Sono stanchino, rimango garante»

Cinque persone si confronteranno con l'ex comico genovese

Robert Badinter, l’uomo che fermò la ghigliottina

Storia di un avvocato che decise di abolire la pena di morte in Francia, e di come ci riuscì
SHARE

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des