Blog di

di Rosy Battaglia

Quei 699mila italiani come Balotelli e i Mondiali Antirazzisti

Blog post del 3/07/2012

Non sono stata l'unica, ma ho cercato, da autentica paladina delle cause perse, di boicottarli, questi Europei.

Ho adottato la tattica “parliamo di tutto per non parlare d’amore” da contrapporre ad un sport diventato solo business e scommesse, diritti a pagamento e partite truccate.

Non mi piace, poi, che si illudano schiere di ragazzini con sogni milionari. E ancora meno i loro genitori che dietro la rete incitano,come ossessi, bambini che vorrebbero tanto, e solo, sgambettare dietro ad un pallone.


Così su twitter ho assunto come manifesto della mia micro campagna “#Euro2012indifferenti” l’articolo di Michele Fusco “Non mi sento meno italiano se stasera non tifo Italia”.


Ho ricordato la sorte del calciatore palestinese Mahamud Sarzak in sciopero della fame che, speriamo, verrà liberato il 10 luglio, detenuto dal 2009 in un carcere israeliano per effetto della "detenzione amministrativa", una norma  che permette di tenere in arresto persone anche senza accusa formale.


Ho gioito per i pochi minuti di attenzione mediatica su Yulia Tymoshenko, grazie alla lettera di Mario Monti e il premier spagnolo Mariano Rajoy al presidente ucraino, Ianukovich. Si poteva fare di più, forse, ma già richiedere nell’indifferenza generale una visita diplomatica all’ex leader ucraina, arrestata un anno fa in Parlamento e condannata a 7 anni di carcere, mi è sembrato qualcosa.


Ma, confesso, è proprio da quel calcio che volevo ignorare che è arrivata la storia che più mi ha segnato in questi Europei. E’ quella di Mario Balotelli, da sempre insultato dai tifosi razzisti in campionato, salvo poi essere osannato, da tutti, dopo la vittoria contro la Germania.


Quel Mario a cui è stato dato del ragazzino viziato e incendia-bentley, ma che in quell’abbraccio alla sua mamma ha mostrato come l’Italia possa cambiare sotto i nostri occhi. Un abbraccio che ci ha ricordato come vent’anni fa una coppia di Brescia abbia deciso di prendere in affido e poi successivamente adottare questo ragazzino nato a Palermo da genitori ghanesi, con problemi di salute, anche di una certa entità.


Una storia a lieto fine per lui e un po’ anche per noi tutti.


Così vorrei che l'immagine di Balotelli servisse un po’ a puntare i riflettori anche sugli altri nuovi italiani, nati e cresciuti nel nostro paese da genitori di origine straniera come lui.


Sono 699 mila che studiano nelle "nostre" scuole, giocano con i "nostri" figli, apprendono la "nostra" cultura, ma che, per il nostro ordinamento al compimento del diciottesimo anno di età non sono considerati cittadini italiani. Per loro il sogno del pallone o del podio in qualsiasi sport con la maglia azzurra non è raggiungibile, (come ricorda bene Andrea Ballone in questo post).


Alcuni di loro, però, parteciperanno a Mondiali che non avranno l’attenzione mediatica di questi Europei. Mondiali, pensate un po’,  che vedono il calcio come gioco universale e veicolo per diffondere i valori della lotta alla discriminazione.

Sono i Mondiali Antirazzisti che iniziano domani a Castelfranco nell’Emilia, con 160 squadre provenienti da tutto il mondo. Non solo calcio ma anche basket, cricket, rugby, pallavolo e softball di tutti i colori.


Ecco, il mio tifo va a quelle squadre e quell’Italia migliore che vorrà adottarli. A quei 699mila bambini e ragazzi che ci ricordano ogni giorno che “l’Italia sono anch’io”.  A cui non posso, non possiamo, essere indifferenti.
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Libia, condannato il figlio di Gheddafi per crimini di guerra

Al momento si troverebbe nelle mani di un gruppo di ribelli della città di Zintan che si rifiuta di consegnarlo alla corte

Serie A, il calendario della stagione 2015-2016

Si comincia subito con Fiorentina-Milan

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

La dura vita di chi è super-intelligente

Essere un genio può sembrare una fortuna, in grado di rendere molto più semplice la vita. Non è così. Anzi, è tutto il contrario

Silicon Africa, la mappa dell’innovazione nel continente nero

Anche se è il continente con il digital divide più grande, l’Africa cerca di stare al passo con i tempi. E produce idee e startup

Sette cose che non sappiamo sul cannibalismo

La parola deriva dal nome che gli spagnoli diedero agli abitanti dei Caraibi. Gli uomini sono poco inclini ma non troppo
La parola deriva dal nome che gli spagnoli diedero agli abitanti dei Caraibi. Gli uomini sono poco inclini ma non troppo

Perché il 2015 sarà l’anno più caldo da quando esistono i termometri

David McNew/Getty Images
Al secondo posto c’è il 2014, al terzo (a pari merito) il 2010 e il 2005. C’entra El Nino, ma anche e soprattutto il riscaldamento globale

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»