Blog di

di Rosy Battaglia

Sull’informazione child-friendly ovvero cerchiamo buone notizie. Almeno per loro.

Blog post del 8/06/2012

Ieri, penultimo giorno di scuola il “Principe”, (mio figlio) in preda ad acuto mal di pancia, (virus giornaliero, fortunatamente) è stato a casa, affidato, con sua gioia, alla nonna di turno disponibile. Si sa, le nonne confortano i nipotini con mangiarini deliziosi e piena libertà nel vedere la TV, diversamente dai genitori “radical” e decisamente poco “chic” che, come la sottoscritta, razionano a ragion veduta.


Non so se dalla tivù della nonna o della radio della mamma, il pargolo mi ha dato, lui, la conferma dell’arresto del “presunto” colpevole della strage di Bari.
“Mamma lo sai che hanno arrestato il signore della bomba davanti alla scuola. Era un papà anche lui e aveva dei bambini”.
Ho letto paura nei suoi occhi, ho cercato di rassicurarlo. Ma davvero mi sono uscite poche parole dalla bocca. Ne avevamo parlato già quando era successa la strage, quando mi aveva chiesto chi potesse essere stato. Cercare di ragionare di cattiveria, violenza, abuso con un bambino non è facile. E sappiamo bene come il mestiere di genitore non ce lo insegni nessuno.


Né possiamo pensare, però, di fare vivere i bambini in una sfera di cristallo. D’altro canto, penso però, non è neppure giusto esporli, come accade con il nostro giornaliero bombardamento di informazioni, tutte negative, “brutte”.
Vi dico questo perché già in precedenza il ragazzino mi aveva lasciato senza parole, una mattina. “Mamma ma perché la radio trasmette solo brutte notizie?”.
Per una mamma che fa pure la giornalista e che si affanna per quel che può, ad impegnarsi nella tutela dell’infanzia è un colpo basso. Non per niente è figlio di sua madre, il ragazzo.


Ma intanto la questione è aperta e so bene come si faccia fatica a parlarne nei media.
“Good news, no news” si dice molto cinicamente.
Ecco, invece che stamani ritrovo su Repubblica, Curzio Maltese che si interroga sul “Kid marketing”.
Cioè su come i nostri figli siano un affare da mille miliardi di dollari. Ma tra le pieghe dell’inchiesta, racconta come, invitato a parlare del suo lavoro come altri genitori nella scuola del figlio, deduco quasi coetaneo del mio, si sia ritrovato a parlare della nascita delle notizie. Alla sua domanda “ qual è la notizia che vi ha colpito di più” , la scoperta dai racconti dei bambini di “un Luna Park degli orrori, popolato di infanticidi, abbandoni, abusi, massacri in famiglia”.


Maltese cita poi “Assalto all’infanzia” il libro di Joel Bakan  ( l’autore di The Corporation) diventato “bibbia delle associazioni di consumatori e genitori nate per combattere lo sfruttamento commerciale dell’infanzia”.
E cita da esso le cinque grandi minacce ai bambini di oggi, destinati a ritornare passive marionette in un medioevo culturale e sociale, creato da noi, nati invece fortunatamente nel “secolo del bambino”:

  • “le strategie del marketing infantile per trasformare i nostri figli in consumatori compulsivi e bulimici”.
  • “la diffusione di farmaci per l’infanzia, compresi psicofarmaci grazie anche alle pressioni dell’industria del farmaco”.
  • “aumento delle patologie e il possibile collegamento con l’emissione di sostanze chimiche liberate nell’aria con l’aumento di leucemie e tumori”
  • “Il lavoro infantile” ( di cui non siamo esenti nel nostro paese)
  • “La privatizzazione della scuola pubblica che rischia di moltiplicare all’infinito l’influenza delle aziende sull’educazione “.

Mi permetto allora di aggiungerne una sesta su cui Maltese si è pure interrogato e su cui di fatto, suo figlio e il mio, ci hanno rinfacciato una responsabilità: l’informazione.
Che rappresentazione facciamo dell’infanzia e dell’adolescenza? Che notizie diamo ai nostri bambini? Perché deleghiamo tutto all’industria, alla TV, alla pubblicità, a Google e a Facebook?

Da madre, da giornalista, da blogger mi interrogo già, ma approfitto dello spazio dato da Linkiesta per dire che mi piacerebbe che le mie “categorie”, si impegnassero un po’ di più. Certo dovremmo pure impegnarci per un mondo migliore. Nell’attesa, cominciamo in piccolo...

Le buone notizie non saranno “notizie” per noi, ma qualcuna, per i nostri figli cominciamo a cercarla.
 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Ven, 08/06/2012 - 13:26
Si rappresentano i modelli di infanzia e adolescenza (e di tutte le altre "categorie") che vendono di più o che attirano più clic. Non c'è scampo per chi si sostiene con la pubblicità ed è costretto a raggiungere numeri improponibili. Numeri che quasi sempre si raggiungono presentando, ben ordinati e in fila indiana, gli stereotipi richiesti. Rifiutare la pubblicità e la logica del costo contatto, cercare altre vie per raggiungere la sostenibilità, mi sembra l'unico modo per un media di riuscire a farsi ascoltare, di essere credibili. Di avere un'identità non determinata da qualche ufficio marketing. Non sarebbe, così, più necessario rivolgersi per forza a milioni di persone. Bakan lo sto leggendo... io non vedo demòni, solo una pigra acettazione di un meccanismo che no funziona più ma che viene ostinatamente perseguito. Negli Usa la pubblicità è anche nelle scuole!. Che non sia per niente facile cambiarlo lo so perfettamente. Ma ogni sera, quando vedo mia figlia che si addormenta, penso che valga la pena averci provato fino in fondo, prima di arrendersi all'evidenza. Accettando eventualmente i propri limiti... ma senza cambiare idea.
SHARE
Ritratto di Rosy Battaglia
Ven, 08/06/2012 - 15:11
Rosybat
<p>Grazie! La sensazione &egrave; quella che parlandone scopriamo di non essere soli. Che dire, individuiamo buone pratiche e diffondiamole!&nbsp; Oppure creiamocele da noi...Stay tuned!</p>
SHARE
Ritratto di cristina
Sab, 09/06/2012 - 13:55
cristina
Bel post e punto di vista molto interessante. Non sono una mamma e spero un giorno di diventarlo. Ma vengo da una lettura che mi ha coinvolto e sconvolto molto, ancora una volta c'entra un giornalista: Massimo Gramellini che come tutti sanno ha raccontato la sua storia di bambino che a 9 anni è stato privato della madre e della notizia vera della sua morte. Sono di contro una zia e capita spesso che i miei nipoti mi chiedano il perché delle cose. E mentre magari non so spiegare loro esattamente come avvenga la fotosintesi (le mie reminiscenze di scienze non sono altissime lo so), dovrei sapere spiegare loro, da giornalista e soprattutto adulta, il perché di certi fatti. Non è facile e noi adulti non ci mettiamo il massimo impegno, diciamocelo. Perché pensiamo che possiamo di tanto in tanto parlarne con loro e che poi sto mondo lo scopriranno da soli e noi interverrremo una volta che ne avranno scoperto un pezzettino. E invece no, dovremmo dare loro le brutte notizie, ma soprattutto anche le belle perché sta vita è una bella scommessa perché ci sono le cose belle. Le buone pratiche, Rosy? Forse queste. Mettere due belle notizie ogni 10. E' così difficile? E se lo è scovarle, non è già lavoro giornalistico il riuscirci? Cristina
SHARE
Ritratto di Rosy Battaglia
Dom, 10/06/2012 - 23:34
Rosybat
Grazie Cristina. Grazie per aver accettato la sfida e per le tue riflessioni. La nostra categoria ha qualche speranza.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Editoria, dal primo agosto l’Unità sospenderà le pubblicazioni

Il comunicato del cdr: “Dopo tre mesi di lotta ci sono riusciti: hanno ucciso l'Unità”

Juventus, Tevez, sequestrato il padre in Argentina

Il genitore adottivo dell'Apache è stato fermato da ignoti sulla sua auto a Moron. Chiesto il riscatto, non ci sono conferme sulla liberazione

Riforme, nessuna intesa: Sel non ritira gli emendamenti

Nulla di fatto, per ora, nella conferenza dei capigruppo del Senato convocata sul tema delle riforme

Le app più usate che non consumano batteria

Facebook, Twitter e Youtube in versione "light" per durare a lungo con gli smartphone
SHARE
Il mattino ha l’oro in bocca

Otto consigli per diventare mattinieri e produttivi

Dormite poco e male? Un problema. Per riposarsi serve cambiare abitudini, con drastica disciplina
SHARE

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE

Ecco le parole da non scrivere mai in una lettera

Per non annoiare chi vi legge, o rischiare di non essere chiari meglio cercare soluzioni alternative
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le ultime parole di Giorgio Faletti: «Sono l'uomo più fortunato del mondo»

L'intervista a Roberta la moglie dello scrittore scomparso

Saveyourselfie, una campagna avverte: i troppi selfie vi faranno sparire

Il video diretto da Alessio Fava che con toni drammatici ma chiaramente ironici, mette in guardia dai 'rischi' dei selfie

Calcio, Tavecchio al finto Moggi: “Amico mio, me ne fanno di tutti i colori”

Nuovo scherzo realizzato dallo staff de “La Zanzara”, su Radio24, con l’imitatore Andro Merku, che stavolta, nei panni di un finto Luciano Moggi