Blog di

di Rosy Battaglia

Tardivi(oni) digitali: Tablet VS carta e penna

Blog post del 28/06/2012

Il colpo di grazia me l’ha dato un collega d’agenzia, dopo l’ennesimo mio tentativo di inviare un "pezzo" via tablet , su un treno bloccato e senza wi-fi, cercando di far comunicare inutilmente il PC, lo smarth phone e la sopracitata tavoletta.

Laconico. “Il problema è che ci affidiamo troppo alla tecnologia, facevi prima a dettarmelo a telefono”.

In effetti per mille battute ce l’avrei potuta anche fare, e ci ho provato, ma mentre cercavo di ricordarmi il mio fantastico "attacco", nella testa vedevo un foglio di word.

Quindi, confesso, per una “malata” o appassionata del web 2.0 come me è stato uno smacco pazzesco. Se avessi avuto il coraggio di arrendermi e scrivere quelle mille battute su carta ce l’avrei fatta tranquillamente e non avrei perso minuti preziosi.

Perché questo mio outing? Avevo in mente di raccontarvelo, ma questa bellissima foto tratta da Twitter (grazie all'autore @gg) scattata con Instagram, (cioè quel bellissimo programma che ci permette di rimpiangere le foto stampate su carta fotografica e color seppia), mi ha tolto ogni remora.

Uno scatto significativo su come un illustre signore della rete coniuga vecchia e nuova tecnologia e le fonde a suo uso e consumo e per la quale esprimo la mia massima ammirazione.

Da una parte gli appunti con il mitico trattopen e dall’altro il tablet aperto su twitter.

In ogni caso un motivo in più per riflettere e ammettere a denti stretti che il collega aveva ragione.

Se la tecnologia ci abbandona dobbiamo avere il coraggio di non dimenticare che una penna e un blocco di carta, un fazzolettino, noi tardivi(Oni) digitali in borsa ce l’abbiamo di sicuro.

E i pericoli dell’eterna connessione sono tanti. Ad esempio vorrei proprio sapere se tutti, ma dico tutti, siete riusciti a sincronizzare agenda cartacea, posta elettronica, social network e chi più ne ha, ne metta.

Se, come mi è capitato, perdete il cellulare, o avviate una sincronizzazione sbagliata e resettate tutto, cade la connessione internet, ecc.ecc. (per questo posso elargire questi preziosi consigli anche se non richiesti, me ne capitano spesso di queste avventure), il cartaceo serve, eccome.

Ovviamente i refrattari e gli autentici jeek mi diranno che basterebbe passare sul “cloud” e ogni problema potrebbe essere risolto. Non ovviamente se non hai accesso ad una connessione, però.

Spieghiamo, per chi non lo sapesse, che è in atto una ulteriore rivoluzione tecnologica che aggira in parte la difficoltà di condivisione di documenti e file tra i vari terminali. La rivoluzione del “cloud” o nuvola, ci vorrebbe “costringere” a stipare tutte le nostre informazioni su un server in rete. La trasformazione del nostro archivio un po’ cartaceo e un po’ virtuale, in un magma totalmente immateriale. Sempre consultabile purchè sempre connessi.

A questo punto qualche dubbio ce l’ho. La completa disquisizione sul “fidarsi più di noi stessi o della tecnologia” la lascio, però, a momenti più lucidi. Intanto però, è certo, continuerò a tenere un blocco e una penna in borsa da sfoderare prontamente nel “non si sa mai”. E in vista delle sperate vacanze, leggerò molti libri. Di calda, riposante e sempre connessa carta.
 

COMMENTI /

Ritratto di Julia Cozzi
Mer, 27/11/2013 - 12:21
Julia Cozzi
La carta ha e avrà un ruolo fondamentale nelle azioni di tutti i giorni e conserva ancora delle caratteristiche difficili da replicare. Sebbene i tablet si avvicinino sensibilmente ad esser designati come sostitutivi, carta e penna sono ancora ritenute più immediate, facili e comode da utilizzare. Bisogna però tenere a mente i vantaggi dei documenti digitali rispetto a quelli cartacei, quali la facilità di condivisione e di copia, la possibilità di archiviare e catalogare per un facile reperimento, la portabilità di interi archivi in un unico dispositivo. Il vantaggio principale è forse quello del riutilizzo: a differenza della carta, i tablet, dopo essere usati una volta non devono essere buttati. Questo diventa un fattore importante da considerare quando contestualizziamo la sfida Tablet Vs Carta e Penna all’interno della vita da ufficio di ogni giorno, luogo in cui riusciamo a stampare grandi quantità di documenti che potremmo invece sfogliare in digitale grazie alle nuove tecnologie per un maggior rispetto per l’ambiente. Per quanto carta e penna mantengano quella vena romantica ed insostituibile, soprattutto in certe occasioni, nel contesto lavorativo dovremmo invece impegnarci tutti a ridurre l’uso della carta e creare un ufficio “senza carta” per ottenere la promessa di un ambiente di lavoro più efficiente, produttivo, collaborativo e, soprattutto, sostenibile. Julia Cozzi Head of Integrated Marketing Organisation Xerox SpA
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Termini Imerese, ecco il piano: componenti e auto, investimenti di 300 milioni

Auto ibride, saranno prodotti due modelli entro giugno/settembre 2018. L'assorbimento occupazionale è previsto per circa 800 lavoratori

È morto Joe Cocker

Aveva 70 anni, era malato da tempo

Pubblicità ingannevole: dall’Antitrust mezzo milione di multa a Tripadvisor

Le motivazioni: claim che enfatizzano la genuinità dei commenti e procedure di controllo inadeguati a contrastare il fenomeno delle false recensioni

Le cose più assurde di un paese assurdo

Dal grandioso esercito alle spese in Cognac del fu Caro Leader, qualche dato sulla Corea del Nord
SHARE

Ballare coi computer

Lo spettacolo di danza Pixel di Adrien Mondot e Claire Bardainne
Una spettacolare performance di danza che mescola corpi veri e proiezioni digitali
SHARE

Il papà di tutti gli zombie: La notte dei morti viventi

Cervelli che ritornano? Ce ne sono parecchi nel capolavoro di Romero, ora di pubblico dominio
SHARE

Arte da nevrotici, quando l’ordine prevale su tutto

L’artista svizzero cerca di dare un ordine al caos del mondo: tentativo provocatorio ma interessante
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Due poliziotti uccisi a New York: cosa sappiamo finora

Il sospettato, Ismail Brinsley, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori