THE BLAIR MUM PROJECT: blog di una mamma (e figlia) a Londra

Blog di

di Allegra Salvadori

1,2,3 prova: si va in onda

Blog post del 8/07/2012

Come mi suggerisce mio padre: " Topicida, perché non attacchi così: nel mezzo del cammin di nostra vita...". E io " Ma papà, l'ho già sentito!". Pape satàn pape satàn aleppe.

Sono qua, in Lombardia, tra laghi e monti, nella pace assoluta a casa di mio padre e sua moglie. Continua il mio viaggio di mamma-moglie ribelle. Mio marito è inquieto. Io, ovviamente, sono la più felice. Lui mi vorrebbe tranquilla al mare. Io, dopo 6 mesi di stasi Londinese, non faccio la shura sotto l'ombrellone: voglio solo viaggiare. Non potendo andarmene in Messico, prendo quel che c'è. "Chi vuole andare a Palermo a rappresentare i giornalisti precari della Toscana al convegno dei freelance?" Eccomi eccomi, io io! "Allegra, ti va di fare una trasmissione televisiva sul tuo blog, ma a Milano?" Sto già lì. "Che ne dici di fare Pitti Uomo?" Già fatto. "E Pitti Filati?" Ieri.

Bada bene, questo non è segno di irrequietezza come invece lo vuole vedere la mia dolce metà. Piuttosto lo interpreterei come un segno di grande vitalità, entusiasmo, forza e coraggio (dai ci sta bene). Infondo scusate, Viola sta bene, è al mare con i nonni, amata e coccolata. E' felice e mi parla al telefono, cosa che generalmente non fa mai. Mi dice "Mamma, ti voglio dare tantissimi baci". Fino all'altro ieri era "Mamma ti voglio uccidere" quindi penso che stiamo tutti molto ma molto bene. E poi oggi ero a Milano, e mio padre sta proprio qua dietro e non lo vedo mai, volete mettere un abbraccio paterno con discussione filosofica, contro un viaggio in treno verso (non ci credo, l'ho usata anche io) l'orrido Caronte? Quindi Milano, e poi aperitivo sul lago (quale, non mi è ancora chiaro).

Sì, oggi era la gran giornata dell'intervista che andrà in onda su Easy Baby, SKY TV, canale 137 (programma "Mamme d'Italia" dal blog di Valentina Tosoni per Radio Deejay) negli studi di XXX con la mitica, appunto, Vale. Bella, simpatica e dolce. Ganzissima. Quando andrò in onda (scritto e riscritto) vi avvertirò. Si tratta di Ottobre comunque. Ma ero così a mio agio, che quasi mi vergogno da quanto ero disinvolta. Forse ho fatto la splendida? Mi è sembrato che tutto andasse bene. Trucco, parrucco, vestito, tacco, microfono attaccato e via, domande, risate, guardare solo la telecamera, prova 1,2,3, foto, fine ciao è stato bello. La Vale (così la chiamano sempre Linus e Nicola se vi fosse mai capitato di ascoltarli la mattina alla radio o di rivederli la sera su Deejay tv) ha indossato, per accogliermi, uno splendido, s-p-l-e-n-d-i-d-o- vestito di Issa, stilista inglese, appunto. Quasi un kimono. Ma occidentale. Con stampe di colori meravigliosi. Vale, sei più bella dal vivo. E già sei bella, quindi questo è proprio un complimentone eh. Poi fatto da una donna. Abbiamo fatto una bella chiacchierata, con belle energie e bellissimi sguardi. Ognuna a suo agio. Così almeno sentivo io. Così tanto che mi sono cambiata a studi aperti e chi se ne frega, mi sembrava che a radio XXX non ci fosse nessuno. Alé in mutande. Faceva un caldo. E' tutto preciso, pulito, alla Linus insomma. Come farei io: ordine, pulizia, scalette, tutto preparato, mai arrivare impreparati. Se lo fai, vuol dire che sai anche rimediare alla disorganizzazione. Tu si, ma gli altri no. Quindi imponi un metodo. Che premia quasi sempre. Si chiama impegno. Ad ogni modo, si è parlato di Londra e del mio blog. LINKIESTA, AVETE CAPITO? Ho citato pure il nostro amato Sindaco. E' possibile che a Ottobre mi vergogni di me.

Adesso vado, domani torno a Firenze, prendo la macchina e vado da Viola a salarmi per qualche ora. Poi Firenze di nuovo: banche e commissioni varie. Dopodiché giuro che starò ferma nello stesso posto per qualche ora. Probabilmente su uno scoglio sotto un'onda che mi bagna mentre leggo Nesi. I libri dopo l'estate, salati e accartocciati, rovinati dall'acqua, sanno sempre di viaggio e sono, anche per questo, splendidi.

sul lago da papà e N. 

COMMENTI /

Ritratto di The Jerk
Dom, 08/07/2012 - 22:09
The Jerk
E brava Allegra. Però se con "shura" intendevi "signora" à la meneghina, si scrive "sciura". Shura mi ricorda una microfona della Shure al femminile ;). Avvisa, quando ci apparirai. Avvisa. Burp, sciur Jerk
SHARE
Ritratto di Allegra Salvadori
Lun, 09/07/2012 - 20:10
asalvadori
Jerk! è la stessa cosa che mi ha detto mio padre, quindi posso immaginarmi la tua età anagrafica!!!! Perché sei e rimani un mistero? Ma mi hai vista alla festa almeno????
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Lucchini, firmato l'accordo di programma

Rossi: “250 milioni per Piombino”

Berlusconi: se passa la riforma del Senato l’Italicum è incostituzionale

Renzi «si è presentato come un simpatico rottamatore. Ora a poco a poco, si sta trasformando in un simpatico tassatore»

Crolla una croce dedicata a Wojtyla, muore un ragazzo di 21 anni

Il giovane è stato schiacciato dalla croce del Cristo Redentore realizzata in occasione della visita, nel 1998, di Giovanni Paolo II a Brescia

Tre trucchi usati dai pubblicitari per vendere di più

Sono raffinati strategemmi psicologici che tendono a mettere in buona luce il prodotto reclamizzato
SHARE

Tre bevande che (dicono) ti faranno perdere peso

Immagine tratta da Flickr @bertholf
Non sono i classici beveroni che fanno più male che bene: prodotti naturali per chi è in emergenza
SHARE

Innamorarsi a Pyongyang: la vita di coppia in Nordcorea

Come funzionano gli appuntamenti? Come ci si conosce? Quali ostacoli? Il racconto di un esiliato
SHARE

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Persone che leggono nella mente: come comunica chi resta in stato semivegetativo

Cercano, attraverso scansioni cerebrali di mettersi in contatto con chi è a metà tra la vita e la morte

Perché un libro di economia di oltre 700 pagine è diventato un bestseller

Thomas Piketty ha regalato alla sinistra americana una struttura solida dove coltivare le proprie idee

Come riportare in vita una foresta devastata

I grandi disastri di solito non hanno rimedio, la forza distruttiva dell’uomo ha modificato il paesaggio in modo radicale. Ma ora le cose possono cambiare