Blog di

di Allegra Salvadori

La mia prima lezione di burlesque (che non è il bunga-bunga)

Blog post del 8/06/2012
Parole chiave: 

La parola è stata sotto i riflettori della cronaca politica recente, non ci si può esimere dal dedicare qualche pensiero alla questione. Tanto più che il genere del Burlesque, intrattenimento a metà tra teatro, danza e performance erotica, è tornato in auge negli ultimi anni. In particolare il 2010 è stato un anno d’oro per il burlesque, anno di uscita del film diretto da Steven Antin e interpretato da Cher e Christina Aguilera e della partecipazione a Sanremo dell’elegante e sensuale Dita von Teese (pseudonimo di Heather Renée Sweet), star acclamata e icona fashion con un cognome scelto dall’elenco telefonico e un nome d’arte ispirato all’attrice degli anni Quaranta Dita Parlo. Il burlesque che piace a noi non è propriamente quello dei festini (più reali che presunti oramai) di Arcore. Piuttosto proprio il cabaret dell’americana Dita. Lontano dalla volgarità che rischia di insinuarsi nell’immaginario comune a causa del recente abuso del termine, il “neo-burlesque” della Von Teese sembra rifarsi all’arte antica della seduzione, che evoca le cerimonie del tè delle geishe giapponesi: ogni movimento è infatti curato nel minimo dettaglio e anche solo sfilarsi un guanto diventa un gesto rituale pregno di significato. A.B.

Come scrive la mia amica MT, "ci mancava solo la lezione di burlesque, la ciliegina sulla torta!". E c'ha ragione, c'ha, la mia amica MT. Ma io sono fatta così. Mi chiama, un giorno, C., l'altra mia amica, di Londra, che deve avere la testa un po' come la mia. Quando C. ed io ci siamo presentate, la prima volta, è stato così: "Ciao, io mi chiamo Allegra, sono una giornalista, blogger, e ho una figlia di 3 anni che si chiama Viola". Dall'altra parte, C. diceva "Ciao, io mi chiamo C., sono una giornalista, blogger, e ho una figlia di 3 anni che si chiama Viola". Lei bionda, io bruna, ci siamo iscritte, dietro suo spassionato consiglio, al corso di burlesque, qui, a Londra.

Il sito web della scuola scelta dalla mia amica, dava un ventaglio di opzioni su balli e balletti niente male, ma le parole che introducevano il nostro corso, erano le più allettanti di tutte, per due come noi che pensano solo a divertirsi: "Taster - Principianti - Burlesque: Se volete aumentare la fiducia in voi stesse, creare una migliore immagine del vostro corpo, migliorare la postura o imparare un nuovo modo di vivere, allora il Burlesque ti può aiutare: impara a fare del burlesque una tua routine, che comprenda ricerche prop (accessori) e coreografia classica e otterrai un risultato in tema burlesque degno di una showgirl. Prenota e vieni ad assaporare il corso!". Basta scrivere "se vuoi imparare ad esser zoccola, questo corso fa per te". Ma forse suonava male.

Assaporare? Ce lo siamo mangiate in un sol boccone, la mia amica ed io, il corso di burlesque. A dire il vero, quelle parole, tipo "showgirl", che sapevan molto di velina arrapata, ci spaventavano non poco. "C. pensiamoci bene, siamo Italiane, non voglio associazioni di idee tipo berlusconi-minetti-noemi-ruby-bunga-bunga eh" (anche se qui, poi, lo chiamano banga-banga). C. sgrana gli occhi come per dire "ma tu sei pazza, porella, io vado a divertirmi tu resta pure con i tuoi cliché-sensi-di-colpa-associazioni-sfigata". Touchée. E burlesque sia. Che le danze abbiano inizio.

Primo dilemma (dopo quello dell'associazione col berlusca-mondo-luccichino-stile-mediaset-striscia-la-notizia-non-sono-una-signora-una-con-tutte-stelle-nella-vita): come ci si veste per andare al tuo primo corso di burlesque? Avevo proposto a C. una vestizione in diretta su skype, ma con due bambine-vandalo di 4 anni (ormai), la mia idea sembrava, piuttosto, un'impresa. E poi, la mia Viola era già nel dirty dancing fino al collo col suo compagnuccio cinesino, ci mancava solo che vedesse la mamma vestirsi da burlesque ed eravamo a posto. Lei, piccolo cuoricino indifeso, non avrebbe mai potuto capire che esser zoccola per qualche ora, alla mamma, avrebbe giovato. Ne sarebbe senz'altro rimasta traumatizzata. Quindi, porte chiuse, prove di vestizione in camera al telefono. "Apri google image e digita burlesque classes, cosa vedi?" - "Vedo 7 disperate che tentan di esser fighe" - "Mmhhh, tipo noi quindi. Che ne dici della seconda a destra? Potrei esser io quella, mi vesto così allora?" - "Ma ci vogliono i tacchi e il corpetto!" - "Eh ma mica sono Dita Von Teese io (e soprattutto mio marito non è Marilyn Manson)". "Vabeh dai, fuseaux, top e calzini, ho capito va', ci vediamo lì fra mezz'ora!". Partenza ore 19. Autobus numero 30. Opzioni finali dentro la mia borsa: un paio di fuseaux, scarpa decolleté tacco 12, jeans strappati tagliati a shorts stile pubblicità anni 80, top assolutamente burlesque, un vestito, collants scuri da poter utilizzare come fuseaux.

Arrivo al teatro, poco lontano da casa mia, appena in tempo. C. è già lì che mi aspetta. Cosa mi dovevo attendere? Una massa di donne disperate che spera che il burlesque gli cambi la vita? Oppure donne super sexy che usan gli uomini come giocattoli e vogliono solo imparare qualche mossa sexy? E io soprattutto, perché cavolo stavo andando alla lezione di burlesque? La mia risposta l'avevo. Mi mancavano quelle degli altri. Entro. "Eh ma che cavolo, non è giusto, allora ditelo però eh". La nostra maestra ha 23 anni, è ungherese, ha gli occhi da gatta, è alta 1,60, petite, magra ma perfetta, tonica, massa grassa -100, muscoli +100, glutei d'acciaio e soprattutto....pettorali taglia sesta. Forse settima. Decisamente ottava. Lei è un burlesque vivente. Ma così non si fa eh, è scorretto. Si muove sembra una pantera. Io manco col tacco 12 mi muoverò mai come una pantera. O forse sì. Come dice lei "Mangiateli qvesti uomini, grrrrrrrrrrr". C. ed io ci guardiamo sempre più divertite, questa lezione è uno spasso, voglio fare subito tutto il corso e sentirmi dire solo frasi come queste "il mondo è ai tuoi piedi, devi solo scegliere". Fantastico. Addio psicologa, welcome burlesque. E così C. ed io, in quel teatro, davanti a quegli specchi enormi, ci divertiamo a sperimentare il nostro sex appeal ballando come cretine con mosse e mossette, occhi da gatta e immaginandoci un pubblico in fermento tutto maschile e, ovviamente, ai nostri piedi.

La gestualità non è mai volgare, solo un po', come dire, da "ti-voglio-no-ci-ho-ripensato-ma-ti-rivoglio-ancora-oddio-mi-vergogno-sei-mio". Ecco, qualcosa del genere. Spudorata, ma timida. Capite? Il corpo è morbido ed è un continuo ondulare, avanzare, per poi ritirarsi, coprirsi e poi scoprirsi (con le mani, non con i vestiti), sorridere per poi esser malinconiche. Ho trovato il bipolarismo anche nel mio corso di danza. Quindi, mi si addice. La musica poi, è avvincente, dà la carica, quella vera, che associata alle mosse, è un mix da stendere chiunque. Potrei proporre un balletto a Linkiesta per la festa del 15. Che ne dite? Io dico, burlesque forever. 

 

 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Ven, 08/06/2012 - 13:08
alle il passo successivo sarà la pole dance! brava continua così.
SHARE
Ritratto di Pepa_on_line
Ven, 08/06/2012 - 13:56
Pepa_on_line
Ma stupendo!!!! Voglio farlo anche io! Accettano anche le imbranate, rigide e scoordinate? Oppure c'è un corso preparatorio!? e le altre del corso come sono? Deve essere troppo divertente!
SHARE
Ritratto di giorgia
Ven, 08/06/2012 - 15:13
giorgia
NATURALMENTE devi proporre uno spettacolo live alla festa. Sennò non sono più tua lettrice. Amica si, Lettrice no.
SHARE
Ritratto di Allegra Salvadori
Ven, 08/06/2012 - 21:01
asalvadori
bisogna chiedere all'LINKIESTA se vogliono che TU ed io facciamo il burlesque alla loro festa!
SHARE
Ritratto di Allegra Salvadori
Ven, 08/06/2012 - 23:51
asalvadori
Anonimo delle 13:08, Non so se la pole dance fa per me! Meno ginnasta, più sensuale?
SHARE
Ritratto di Allegra Salvadori
Ven, 08/06/2012 - 23:52
asalvadori
Pepa_on_line lo sai che quando arrivo ti faccio subito vedere la coreografia vero? e tu DEVI applaudire. :)
SHARE
Ritratto di Anonimo
Sab, 09/06/2012 - 15:36
Anonimo
E' l arte della seduzione e della femminilità in punta di piedi ...quella che si e'persa un po' ultimamente ...grandiosa allegra!!!
SHARE
Ritratto di Eri
Dom, 10/06/2012 - 09:49
Eri
Alle!!!! Grande!!! Mi fai schiantare!! :-D Allora siamo a posto, tu sai che io canto in una big band che fa solo anni '30-'40, vero??? Sai che carica ballare con l'orchestra dal vivo? :-D
SHARE
Ritratto di BeepBeepMommy
Ven, 15/06/2012 - 15:18
BeepBeepMommy
Voglia di burlesque! E poi spassoso leggere in parallelo la tua cronaca e quella di C. ;)
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Contro il declino dell’umanità boicottate “Chick chick”

La nuova canzone è un passo in avanti verso il baratro. Nel nostro piccolo, cerchiamo di impedirlo
SHARE

Jessica Minh Anh: sfilate strane per combattere la noia

In cima alla Torre Eiffel o nel Grand Canyon: la modella cerca nuovi spazi per la creatività
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Perché non fare il bersaglio umano per una ditta di paintball inglese?

Una proposta poco allettante in realtà, ma la paga è buona: 40mila sterline pro rata

L’amore ai tempi della guerra in Ucraina

Le persone si innamorano con la pace e con la guerra: un universo privato di affetti per sfuggire alle follie e alle ingerenze della geopolitica

Cosa succede nel mio villaggio, terrorizzato da Boko Haram

Attacchi quotidiani, uccisioni tremende e spaventose. Se l’obiettivo era disseminare la paura, ci sono riusciti benissimo