Blog di

di Allegra Salvadori

La vera vacanza è senza "smartphone" (ce la farò?)

Blog post del 8/08/2012
Parole chiave: 

Oggi ho ripensato alle mie vacanze estive e sono giunta alla conclusione che, sebbene io sia in Italia dal 10 giugno, queste debbano ancora avere inizio.
Sono passati 60 giorni da quando sono atterrata a Pisa con la compagnia low cost arancione, e non ne ricordo ancora uno passato senza pensieri. Non dovevano essere 2 mesi di vacanza, per carità, mi ero organizzata lavori in tutte le direzioni, dalla hostess a Pitti, al fare i caffé, dalle traduzioni, allo scrivere inviti, e ancora fare mailing list. In mezzo Palermo come rappresentante e coordinatrice giornalisti precari fiorentini e toscani e poi Milano a Radio Deejay per registrare una puntata di una trasmissione che andrà in onda a Ottobre. Sono stata al mare, ai laghi, in campagna, ma più che inondata dal caldo e dall'acqua, lo sono stata dagli emails. Tanti, tantissimi, troppi. Ho deciso infatti che la mia vera vacanza avrà inizio venerdì, quando, con l'amato marito, partiremo per la nostra settima luna di miele: ogni estate ci prendiamo almeno 7 giorni di evasione totale dal mondo. Sarà quella l'occasione per tentare una disintossicazione mai avvenuta sinora: cellulari spenti. Forse dimenticati. Probabilmente perduti. Voglio varcare il confine italiano, priva di mezzi di comunicazione. Il bello è che mi sto chiedendo se ce la farò! Ma è assurdo tutto questo. E' vero, ho una figlia con cui voglio assolutamente rimanere in contatto giornaliero. Ma basta un solo telefono per questo. O forse anche una cabina telefonica per chiamare tutte le mattine e tutte le sere. I vecchi appuntamenti telefonici che avevamo noi a diciott'anni con i nostri genitori. Mi piacerebbe. Salpiamo da Ancona venerdì mattina alle 11, arriviamo a Spalato lo stesso pomeriggio. Il programma è inesistente, ho solo due esigenze: non voglio valige. No, non è che voglio una valigia piccola. Non ne voglio. Forse uno zaino da 15 litri ecco. Seconda esigenza: vorrei essere passeggera in una moto (a dirla tutta amerei una decappottabile, magari una MG midget rossa). Basta, non ho altro da chiedere. Poi mi va bene tutto: tenda, senza tenda, spiaggia, albergo, bed and breakfast, casa particular, tutto. Che bello abbandonarsi all'ignoto, girare e conoscere, senza possedere nulla, neppure un cellulare. E le foto? Ma a che servono, per distrarti dal momento stesso in cui stai godendo qualche meraviglioso paesaggio? O forse per metterle su qualche social network? o per inviarle agli amici? Come ricordo? Non posseggo ricordi. Gli unici album fotografici che ho, li ho fatti costretta dalla mia stessa invidia per quelli che avevano una vita intera in fotografie, divise per anno, per album, dalla nascita ad oggi. Sono troppo in ritardo. Credo che sopravviverò senza foto. Opterò per le cartoline. Una vacanza all'insegna della non condivisione con il mondo esterno. Voglio capire cosa significa di nuovo assaporare meraviglie e poterle assorbire, tenere sotto la mia pelle, dentro la mia testa ed il mio cuore. Non dirò nulla a nessuno, non scriverò, non fotograferò, non whatsapperò, non facebookerò, non linkiesterò. Insomma, 7 giorni di pura e sacrosanta vacanza (mentale).

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Gio, 09/08/2012 - 10:14
enjoy!
SHARE
Ritratto di Pseudonimo carino che non mi viene in mente
Gio, 09/08/2012 - 12:19
Pseudonimo carino che non mi viene in mente
Allora non sono l'unica che scrive ancora cartoline ;-) buone vacanze! serena (non mi loggo, perchè qui è tutto lentissimo, anzi adesso invento uno pseudonimo carino)
SHARE
Ritratto di Allegra Salvadori
Ven, 10/08/2012 - 08:03
asalvadori
Ciao Sere, Grazie e anche a te
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ebola, guarito il medico Usa Kent Brantly “Salvato dal siero sperimentale ZMapp”

Verrà dimesso oggi dall'Emory University Hospital di Atlanta il dottore che aveva ceduto alla sua collega Nancy Writebol la prima dose del farmaco

Ebola, guarito il medico Usa Kent Brantly “Salvato dal siero sperimentale ZMapp”

Verrà dimesso oggi dall'Emory University Hospital di Atlanta il dottore che aveva ceduto alla sua collega Nancy Writebol la prima dose del farmaco

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Mai più online: una guida per chi vuole sparire dal web

Se la vita in rete vi ha stancato e desiderate la privacy di una volta, basta staccarsi. Si può fare
SHARE

Regole per vestirsi bene e avere successo nella vita

L’abito fa il monaco: il modo in cui ci si veste influenza il giudizio che gli altri hanno su di noi
SHARE

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La sorte degli interpreti che aiutarono gli Usa in Iraq e in Afghanistan

Gli avevano promesso il visto americano o uno Stato senza talebani. Visto come è andata, a distanza di 15 anni, non li aiuterebbero più

Il traffico delle armi nel mondo, chi compra e chi vende

La Stampa presenta un’infografica interattiva sulle armi, e gli intrecci tra i Paesi produttori e Paesi compratori

La decapitazione di James Foley e la difficoltà delle scelte editoriali

Il video dell’esecuzione è nella scia degli orrori della rete: le immagini sono sconcertanti e ci interrogano sui limiti della censura e della pubblicabilità