Blog di

di Allegra Salvadori

La vera vacanza è senza "smartphone" (ce la farò?)

Blog post del 8/08/2012
Parole chiave: 

Oggi ho ripensato alle mie vacanze estive e sono giunta alla conclusione che, sebbene io sia in Italia dal 10 giugno, queste debbano ancora avere inizio.
Sono passati 60 giorni da quando sono atterrata a Pisa con la compagnia low cost arancione, e non ne ricordo ancora uno passato senza pensieri. Non dovevano essere 2 mesi di vacanza, per carità, mi ero organizzata lavori in tutte le direzioni, dalla hostess a Pitti, al fare i caffé, dalle traduzioni, allo scrivere inviti, e ancora fare mailing list. In mezzo Palermo come rappresentante e coordinatrice giornalisti precari fiorentini e toscani e poi Milano a Radio Deejay per registrare una puntata di una trasmissione che andrà in onda a Ottobre. Sono stata al mare, ai laghi, in campagna, ma più che inondata dal caldo e dall'acqua, lo sono stata dagli emails. Tanti, tantissimi, troppi. Ho deciso infatti che la mia vera vacanza avrà inizio venerdì, quando, con l'amato marito, partiremo per la nostra settima luna di miele: ogni estate ci prendiamo almeno 7 giorni di evasione totale dal mondo. Sarà quella l'occasione per tentare una disintossicazione mai avvenuta sinora: cellulari spenti. Forse dimenticati. Probabilmente perduti. Voglio varcare il confine italiano, priva di mezzi di comunicazione. Il bello è che mi sto chiedendo se ce la farò! Ma è assurdo tutto questo. E' vero, ho una figlia con cui voglio assolutamente rimanere in contatto giornaliero. Ma basta un solo telefono per questo. O forse anche una cabina telefonica per chiamare tutte le mattine e tutte le sere. I vecchi appuntamenti telefonici che avevamo noi a diciott'anni con i nostri genitori. Mi piacerebbe. Salpiamo da Ancona venerdì mattina alle 11, arriviamo a Spalato lo stesso pomeriggio. Il programma è inesistente, ho solo due esigenze: non voglio valige. No, non è che voglio una valigia piccola. Non ne voglio. Forse uno zaino da 15 litri ecco. Seconda esigenza: vorrei essere passeggera in una moto (a dirla tutta amerei una decappottabile, magari una MG midget rossa). Basta, non ho altro da chiedere. Poi mi va bene tutto: tenda, senza tenda, spiaggia, albergo, bed and breakfast, casa particular, tutto. Che bello abbandonarsi all'ignoto, girare e conoscere, senza possedere nulla, neppure un cellulare. E le foto? Ma a che servono, per distrarti dal momento stesso in cui stai godendo qualche meraviglioso paesaggio? O forse per metterle su qualche social network? o per inviarle agli amici? Come ricordo? Non posseggo ricordi. Gli unici album fotografici che ho, li ho fatti costretta dalla mia stessa invidia per quelli che avevano una vita intera in fotografie, divise per anno, per album, dalla nascita ad oggi. Sono troppo in ritardo. Credo che sopravviverò senza foto. Opterò per le cartoline. Una vacanza all'insegna della non condivisione con il mondo esterno. Voglio capire cosa significa di nuovo assaporare meraviglie e poterle assorbire, tenere sotto la mia pelle, dentro la mia testa ed il mio cuore. Non dirò nulla a nessuno, non scriverò, non fotograferò, non whatsapperò, non facebookerò, non linkiesterò. Insomma, 7 giorni di pura e sacrosanta vacanza (mentale).

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Gio, 09/08/2012 - 10:14
enjoy!
SHARE
Ritratto di Pseudonimo carino che non mi viene in mente
Gio, 09/08/2012 - 12:19
Pseudonimo carino che non mi viene in mente
Allora non sono l'unica che scrive ancora cartoline ;-) buone vacanze! serena (non mi loggo, perchè qui è tutto lentissimo, anzi adesso invento uno pseudonimo carino)
SHARE
Ritratto di Allegra Salvadori
Ven, 10/08/2012 - 08:03
asalvadori
Ciao Sere, Grazie e anche a te
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Legge di stabilità, arrivata la lettera Ue che chiede chiarimenti all’Italia

Sul tavolo del governo i rilievi tecnici che la Commissione ha sollevato sulla manovra

Bibeau, l’attentatore di Ottawa era un «viaggiatore a rischio»

Già noto alla polizia, a luglio gli era stato ritirato il passaporto perché considerato elemento pericoloso e pronto ad unirsi alle forze armate in Iraq e Siria

Elena Ceste è morta, la conferma dal DNA: il suo corpo ritrovato nell'astigiano

La donna, mamma di quattro bambini, era scomparsa da casa lo scorso 24 gennaio

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Pechino, Mr. Facebook sorprende tutti: intervento in mandarino

Mark Zuckerberg protagonista di un Domanda&Risposta in lingua all'Università Tsinghua a Pechino

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti