Blog di

di Allegra Salvadori

Se gli altri non lavorano gratis, perche' dovrebbero farlo gli scrittori?

Blog post del 25/04/2012
Parole chiave: 

Il virus 'lavoro libero' si è diffuso perché ci manca un'organizzazione collettiva. È ora di uscire allo scoperto e protestare.

 

Le persone creative, in particolare gli scrittori, sono una razza divertente. Siamo l'unica professione che conosco che lavora gratuitamente. Nessun minatore, o infermiere, operaio, commercialista, o qualsiasi altra persona con le bollette da pagare, lavorerebbe gratis. Tuttavia, questo è ciò che spesso gli scrittori sono costretti a fare. E le conseguenze per la creatività e la democrazia sono atroci.

Quando, lo scorso aprile, io e molti altri colleghi abbiamo denunciato l'Huffington Post, lo abbiamo fatto sostenendo che migliaia di blogger (che hanno fatto da "esca" per il giornale generand(gli) una vera fortuna) meritavano una quota pari a $ 315m da AOL per acquistare il sito; intanto, poco prima, il nostro consulente legale esaminava una sentenza per un precedente discusso in una corte di minor rilievo il cui caso tuttavia e' stato archiviato. Ma, argomenti giuridici a parte, il nostro caso solleva questioni fondamentali per gli autori, e per la società.

In un certo senso, non c'è nulla di nuovo. Ogni generazione apporta una nuova tecnologia o una nuova invenzione o un nuovo mercato - e ogni volta gli viene detto: "Siate grati che noi, i re del mondo dei media, ci degnamo di darvi visibilita', e non lamentatevi ne provate a chieder di più. Siate felici con la visibilta' che vi diamo".  Oggi invece ci viene detto: "Sia lodato il Signore che Dio internet è qui, e siccome chiunque sa scrivere due righe in croce, NOI riteniamo giusto che TU lavori gratis ". Ma qui non si tratta del Dio internet, ne di tecnologia. Bensi' di potere bello e buono.

Più di due secoli fa, nella Costituzione degli Stati Uniti è stato iscritto il copyright, dando al Congresso il potere di "promuovere il progresso della scienza e delle arti utili, assicurando per periodi limitati agli autori e agli inventori il diritto esclusivo sui loro rispettivi scritti e scoperte". L'idea che si celava dietro a tale affermazione, era semplice: il copyright è qualcosa che va a beneficio della società ("il progresso della scienza e delle arti utili") e degli autori.

Gli autori della Costituzione avevano capito una cosa ovvia: se gli autori non vengono pagati un salario equo, non saranno incentivati  a scrivere.

Nel mondo moderno, le aziende dei media, i nuovi re dell' informazione, hanno esercitato un potere enorme, "sequestrando" lentamente ma inesorabilmente i diritti d'autore grazie a contratti ingiusti, imponendo quindi una condizione di poverta' a coloro che vogliono produrre, creare. Capisco perché le persone si sentono costrette a scrivere gratis: i creatori esistono affinche' il loro lavoro sia visto e consumato da altri. È la paura, non la libertà, che spinge i creatori a soccombere.

Lavorare gratis, tuttavia, non è qualcosa che dovremmo accettare come una norma che le compagnie di media possono sfruttare. Se sfogliate report aziendali, noterete che, magicamente, miliardi di dollari scorrono nelle loro casse e che i top manager guadagnano milioni tra stipendio e benefits. Quando saranno i dirigenti a donare la propria opera, forse, i creatori riconsidereranno la loro posizione e faranno richiesta di risarcimento.

Effettivamente questo mi porta a riflettere su un problema ancor piu' grande che i consumatori dovrebbero tenere a mente. Capisco che sempre più persone, specialmente quelle sotto i 30 anni, ritengono che l'avvento di internet abbia inaugurato un'era di "l'informazione è libera", che chiunque può essere un "writer" e che, forse, l'idea che un creatore venga pagato appartenga al passato. Ma di sicuro, anche nell'era di internet, dove pensiamo che le cose siano libere, alcune aziende molto potenti stanno facendo, e continueranno a fare, miliardi di dollari.

In definitiva, si tratta di potere. Attori, scrittori, sceneggiatori, persino alcuni giornalisti riescono a fare una vita decente grazie ai sindacati che hanno fissato delle condizioni di base (quando queste mancano, ecco il virus) : il virus  "lavoro gratis" si è diffuso proprio perché milioni di creativi di tutto il mondo mancano di organizzazione collettiva. Questo non  c'entra con cio' che facciamo:pero' non siamo riusciti a scendere in piazza e protestare.

Quello che sta accadendo agli autori è un altro esempio di fallimento di un sistema che alcuni chiamano "libero mercato". Non e' nient'altro che uno slogan usato dall'elite per valorizzare e intimidire gli altri e lasciare a noi qualche avanzo da litigarci. In questo senso, gli autori non sono una razza diversa e noi dovremmo esser pronti a sfidare un sistema che è una minaccia per la democrazia e la creatività.

 

Jonathan Tasini

guardian.co.uk, Mon 23 Apr 2012
 

 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Gio, 26/04/2012 - 13:01
Non sono mai parole al vento, con te
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Ferguson, in rete i documenti utilizzati dal Gran Giurì

I giurati hanno giudicato le prove insufficienti. Qui si può capire se la decisione è motivata o no
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula