Profilo bloggerVai all'elenco dei blog
Ritratto di jblanchaert

il calendario di Jean Blanchaert

Biografia –

Gallerista milanese di arte contemporanea specializzato in vetri e ceramiche ha da sempre la passione per il disegno e per l’illustrazione. Dal 2006 realizza sculture in vetro in collaborazione col maestro vetraio muranese Silvano Signoretto. Collabora con varie case editrici e mensili. Il suo segno di calligrafo ha accompagnato spettacoli di Lucio Dalla, Luciana Savignano, Alessandro Bergonzoni. Nel 2004 ha esposto 30 disegni alla galleria L’Affiche di Milano. Da anni illustra occasionalmente idee di Andrée Shammah, Gherardo Frassa e Philippe Daverio.

Ritratto di jblanchaert

BLOGGER

BIOGRAFIA E ARCHIVIO

il calendario di Jean Blanchaert

Tutti i «Bonjour»

BREAKING NEWS

Negli Usa la disoccupazione scende al 5,5%, a febbraio creati 295mila lavori

Il tasso di disoccupazione a gennaio era al 5,7%, due anni fa di poco sotto l’8 per cento

Rcs Libri accetta la trattativa con Mondadori

Il cda di Rcs Libri ha deciso di concedere a Mondadori un periodo di esclusiva per valutare nel merito l'offerta di acquisto

Escort, le intercettazioni di Berlusconi: “Stasera ho due bambine”

Sono state depositate a Bari le trascrizioni delle intercettazioni fiume effettuate dai magistrati nell'ambito del processo sulle escort

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Un giro sulle montagne russe più veloci del mondo

Le montagne russe più veloci del mondo, negli Stati Uniti
Si chiamano “Fury 325”, arrivano fino a 150 chilometri all’ora e hanno appena passato il primo test
SHARE

Immagini di suore che si divertono

Non ci sono solo preghiere e chitarrine. Queste immagini rafforzeranno la vostra fede
SHARE

Cosa postare e cosa no: guida per non rovinarsi la vita

Usare i social network non è facile come sembra: l’idea di essere tra amici è solo un inganno
SHARE

I Lego rifanno la scena migliore di Ritorno al Futuro

Un fulmine deve colpire la torre dell’orologio della città e spedire Marty McFly nel futuro
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica