Blog di

di Marco Sarti

Berlusconi da Santoro. I bookmaker quotano a 5 l’abbandono dello studio

Blog post del 9/01/2013
Argomenti: 

Altro che messaggio di fine anno del presidente della Repubblica. Il confronto tv Renzi-Bersani? Il paragone neppure regge. La prossima puntata di Servizio Pubblico rischia di entrare direttamente nella storia dell’informazione politica. Da una parte Silvio Berlusconi, dall’altra Marco Travaglio e Michele Santoro.

In cerca del maggior numero di ospitate possibile, il Cavaliere tenta il colpo. Ospite in prima serata nella tana del lupo. L’ex premier ha coraggio, non c’è che dire. E mentre gli sponsor si fregano le mani, gli spettatori si preparano curiosi allo scontro. 

Il confronto tv andrà in onda domani sera su la7, alle 21.10. Titolo della trasmissione, scelto dagli autori del programma: “Mi consenta”. Intanto l’attesa cresce. Silvio Berlusconi resterà fino al termine? Oppure lascerà indignato lo studio prima della fine della trasmissione (come ha recentemente minacciato durante le interviste di Lilli Gruber e Massimo Giletti)? Riuscirà ad ascoltare il monologo di Travaglio senza interromperlo?

Suspense. Roba che nemmeno la notte degli Oscar o la finale di Champions League. E proprio come un incontro di calcio, sull’evento iniziano a uscire le prime quote. I bookmaker bancano la pazienza del Cavaliere. Si può scommettere su Stanleybet. La trasmissione scorre via tranquilla? Si vince poco: 1,12 volte la posta in gioco. Silvio si alza e se ne va? La fuga è quotata a 5. 

Argomenti: 

COMMENTI /

Ritratto di Nic
Mer, 09/01/2013 - 21:16
Nic
Berlusconi da Santoro per male che vada non perderà niente. Ha solo da guadagnare, Santoro ha solo da perdere. Comunque vada per l'ex presidente del Consiglio è tutta pubblicità, sarebbe stato meglio ignorarlo
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mer, 09/01/2013 - 22:13
Anonimo
Cosa volete gli italiani muoiono di fame ma si divertono così. ..
SHARE
Ritratto di Anonimo
Gio, 10/01/2013 - 00:41
Anonimo
Speriamo che non sia una trasmissione truccata come Vespa.
SHARE
Ritratto di Vivi
Gio, 10/01/2013 - 05:46
Vivi
Per la prima volta non guarderò "servizio pubblico" quell'uomo mi fa vomitare! Auspico un flop della trasmissione per ribellione degli spettatori. Ma che paese siamo diventati? Diamo ancora credito ad un illusionista che fa il gioco delle tre carte?
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti