Blog di

di Dario Mazzocchi

Pippa, l'impero che non c'è più - e nemmeno le portaerei

Blog post del 21/04/2012
Parole chiave: 

La sfortuna di Pippa Middleton è di essere carina, glamour e altolocata - per quest'ultima chieda conto alla sorella Kate convolata a nozze un anno fa con William. In tempi come quelli che scorrono oggi è una condanna: già l'invidia trova spazio quando le cose vanno bene perché la gente vorrebbe avere sempre più di quanto possa permettersi, se poi è periodo di magra e di crisi gli indici schizzano alle stelle tanto quanto quelli finanziari crollano.

La sorella della principessa di Cambridge ha dunque partecipato una festa parigina, con tema il decadentismo di un impero: si sposa alla grande con l'attualità, ammesso che ci sia in giro un impero in crisi. Potrebbe essere quello americano (dai per morti gli Stati Uniti e ti ritrovi con la massima dell'ammiraglio Yamamoto il giorno di Pearl Harbour «Temo solo di aver svegliato il gigante che dorme»). O quello cinese, ma dopo anni di crescita la flessione è fisiologica: il carburante si esaurisce, c'è da fermarsi a fare rifornimento, mentre i concorrenti vanno in recessione. Quello europeo è svanito nei sogni di Alcide De Gasperi e Konrad Adenauer, affossato dai colletti grigi burocratici e avvolti in loden che eccitano solo le fantasie di noiosi commentatoriembeddedcon il potere. Quello inglese è finito nella tomba assieme a Winston Churchill e con David Cameron Londra è arrivata a non possedere manco una portaerei a presidio della bianche scogliere di Dover.

Eppure Pippa si diverte: sfila per le strade della capitale francese a bordo di una cabrio (a spese sue, non del contribuente), sorridendo nell'inquadratura del paparazzo che la tampina mentre un suo amico estrae una pistola giocattolo incutendo tanta di quella fifa che il fotografo non si schioda e prosegue nel suo lavoro. Scena da Fabrizio Corona in corso Como a Milano (ma nemmeno corso Como è quello di una volta), resa meno tamarra dalla presenza dellasocialitepiù ambita: proprietari di locali e pr fanno a gara per averla ai loro party esclusivi, assicurandosi con la sua presenza quella di videocamere e pubblicità. Può cazzeggiare mentre la sua generazione si domanda quando potrà permettersi una casa, un'automobile, una pensione.

(continua su NotaPolitica.it)

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precipita jet della famiglia bin Landen, morte la sorella e la matrigna

Era decollato dall'aeroporto di Malpensa. È caduto al suolo in Inghilterra

Istat: -22mila occupati a giugno. La disoccupazione sale al 12,7%

Nei dodici mesi le persone con un lavoro sono diminuite di 40mila unità, i disoccupati sono aumentati di 85mila

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Quando le pubblicità vantavano le qualità delle droghe pesanti

Cocaina, eroina, morfina. Tutte sostanze oggi illegali, cento anni fa erano vendute come componenti di prodotti tonificanti

Scene di vita giapponese come le ricordano i giapponesi

Immagini animate in gif, pixelate, a forma di manga. Ma dentro, tra piogge e metropolitane, si sente il soffio della nostalgia

I libri che la gente smarrisce sugli aerei

Letti al volo, e poi dimenticati. Il momento della discesa rischia di farli dimenticare sul sedile. Forse perché non sono davvero imperdibili

L’Isis produce una serie tv animata e prende in giro Obama

Nel primo episodio si assiste alla decapitazione del presidente Usa. Nel secondo lo si vede alle prese con gli account Twitter degli attivisti

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»