Blog di

di Chiara Fornari

Perineo, mito o realtà

Blog post del 25/06/2012

Correva l’anno 2007. Di questi tempi quasi cinque anni fa, scorrazzavo per una Roma infuocata, incinta come non mai.
Mentre il Tevere scorreva ai miei piedi e i gabbiani strillavano in cielo, camminavo sul delizioso ponte pedonale lastricato di sanpietrini che porta all’Isola Tiberina.
Con una cartella di documenti e fogli sotto a un braccio e la mia fida borsa da 15 chili sotto l’altro, trottavo curiosa alla volta dell’Ospedale Fatebenefratelli dove, da lì a poco, avrei assistito alla mia prima lezione dell’imprescindibile corso preparto.

Ed eccomi qui, seduta in aula, pronta a prendere fiumi di appunti e a captare ogni minima parola per farla mia.
È qui e ora che mi saranno svelati i sacri segreti del parto, sono tesa come una corda di violino e a quanto pare non sono la sola.
Per stemperare l’emozione della novità, le future puerpere si scambiano informazioni statistiche sulla loro gravidanza: “A che settimana sei? Data presunta parto? Percentile?”.

Il brusio s’interrompe all’improvviso. L’ostetrica-oracolo fa il suo ingresso trionfale, tutti gli occhi e le orecchie sono per lei, il corso comincia e da subito una parola nuova mi colpisce più delle altre: il perineo.
A dire il vero non sapevo nemmeno di averlo e invece salta fuori che è fondamentale.
Giusto per darvi una rinfrescatina, quando parliamo di perineo o zona perineale, parliamo di uno spazio anatomico la cui forma ricorda un rombo, attaccato con la punta anteriore al pube, con quella posteriore al coccige.
In pratica è una piccola area del nostro corpo che va dal buco A al buco B piena però di muscoli fondamentali che, se lesionati durante il parto, possono far insorgere problemi di incontinenza o peggio.

L’ostetrica ci racconta che massaggiare la zona del perineo con una certa regolarità ci aiuterà a mantenere i nostri tessuti più elastici, questo ci eviterà di subire un’episiotomia – altra parola che fa gelare il sangue nelle vene e accapponare la pelle – che consiste in un’incisione proprio lì, necessaria per far uscire il bambino.

Ah però, roba forte per essere il primo giorno… e pensare io che mi immaginavo di partorire come Brooke Logan nello chalet di Big Bear aiutata solo da Bridget e Stephanie.

I papà in classe sono sconvolti, le future mamme con i capelli dritti.
Veniamo mandate a casa con un compitino facile facile per prendere familiarità con il tutto: “Massaggiate il perineo con l’olio almeno una volta al giorno…”
“Ma è proprio necessario?”
“Si, è proprio necessario.”
“Eh va bene allora, che perineo sia!”

La settimana successiva torniamo baldanzose alla seconda lezione, ci sediamo piene di curiosità e di aspettativa, in fondo confidiamo tutte che l’ostetrica ci riveli in via del tutto confidenziale che la storia del parto doloroso è una bufala per contenere l’aumento demografico.
Siamo ancora tutte aggrappate alla vana speranza che se massaggiamo il perineo e seguiamo coscienziosamente tutte le lezioni del corso quello che ci sta per capitare non farà tanto male.

Abbiamo paura, tutte, dalla prima all’ultima: paura dell’ignoto, paura del dolore, paura che qualcosa vada storto, paura per i nostri bambini, una paura blu, da togliere il fiato.

Poi succede, una manina si leva tremante sulle nostre teste e una vocina flebile arriva nel silenzio generale: “Mi scusi, ecco, io…ecco…io le assicuro che l’ho cercato, l’ho cercato tanto ma non l’ho trovato”.
L’ostetrica: “Ma cosa signora?”
“E va bene, io non ho il perineo”.

 

…la paura a volte fa ridere e abbiamo riso tutte, dalla prima all’ultima.

 

 

 


 

COMMENTI /

Ritratto di giorgia
Lun, 25/06/2012 - 17:41
giorgia
Vorrei commentare ma non trovo la tastiera
SHARE
Ritratto di Chiara Fornari
Lun, 25/06/2012 - 21:24
Cfornari
<p>In effetti &egrave; introvabile! :-)</p>
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Contro il declino dell’umanità boicottate “Chick chick”

La nuova canzone è un passo in avanti verso il baratro. Nel nostro piccolo, cerchiamo di impedirlo
SHARE

Jessica Minh Anh: sfilate strane per combattere la noia

In cima alla Torre Eiffel o nel Grand Canyon: la modella cerca nuovi spazi per la creatività
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula