Blog di

di Mattia Farinella

Twitter, la propaganda e le elezioni: è aperta la caccia agli influenzatori

Blog post del 11/06/2012

Su twitter l'informazione viaggia in tempo reale su 140 caratteri. Un'informazione frammentata e parziale, che costringe l'utente a scegliere chi seguire in base a certi valori. Alcuni personali: interessi, simpatia, amicizia, notorietà; altri generali: la frequenza di utilizzo, la capacità di rispondere, la creatività e l'affidabilità della fonte. All'interno di questo sistema, l'utente acquista "importanza" in base al numero di follower che monitorano la sua attività. Diventa perciò influente, assumendo, in determinati casi, la valenza di un vero e proprio media. Lady Gaga è un caso significativo, con più di 25 milioni di follower supera la popolazione di molti stati, fra cui Portogallo, Norvegia e Finlandia messi assieme. Il bacino d’influenza (e d’attenzione) è quindi sempre più importante, tanto che oggi possiamo parlare di “caccia al follower” e di “caccia all'influencer” da parte di aziende e personalità politiche (con un occhio alle prossime elezioni).

Una recente ricerca americana del College di Georgia Tech ha evidenziato alcune costanti comportamentali associabili alla propaganda nell'utilizzo della piattaforma. Questo studio è emerso dall'analisi di due hashtag collegati a due eventi politici: la corsa al Senato del Nevada del 2010 (#nvsen) e il dibattito sul debito pubblico del 2011 (#debtceiling). Più di 100.000 tweet sono stati raggruppati a seconda dell’indirizzo e del pensiero politico. Utilizzando algoritmi specifici i ricercatori hanno cercato di comprendere come twitter possa essere utilizzato per diffondere messaggi propagandistici. E’ emerso che utenti che esprimono sempre la stessa opinione, o ideologia, tendono ad avere alcune caratteristiche:

  • essere molto attivi,
  • lanciare moltissimi tweet in breve tempo,
  • indirizzare tweet a persone a caso ma con lo stesso messaggio,
  • utilizzare molti re-tweet dei propri beniamini (influenzatori) ma senza modificare troppo il contenuto del testo originale.

Se osserviamo la definizione di Wikipedia, per propaganda s’intende:

l'attività di disseminazione di idee e informazioni con lo scopo di indurre a specifiche attitudini e azioni. il conscio, metodico e pianificato utilizzo di tecniche di persuasione per raggiungere specifici obbiettivi atti a beneficiare coloro che organizzano il processo.

Secondo Nick Feamster che ha condotto lo studio sul comportamento, gli utenti di twitter sono più facilmente manipolabili di quelli che guardano la televisione oppure leggono un quotidiano, questo perché su twitter vengono meno i pregiudizi di fondo. Personalmente ho qualche dubbio sulla fragilità dell’utente (evoluto), credo invece che twitter permetta alle persone di rimanere informate e comunicare in tempo reale come meglio credono. Concordo però, che un utilizzo invasivo e “filo-propagandistico” sia in primis sempre più frequente, e in secondo luogo fuorviante, in particolare per utenti poco “sgamati” e in determinate ricorrenze (politiche, economiche, sociali, di costume).

I "tweet massivi" diventano propaganda, nel momento in cui i messaggi veicolati vengono guidati da un obiettivo che supera la mera visibilità e diffusione contenutistica. Messaggi lanciati in modo forzato da chi ha molto seguito, per indurre la massa di "twitteri" a recepirlo ma soprattutto re-twittarlo. Proviamo a fare un'ipotesi. In un contesto dove gli influenzatori assumono sempre più importanza, diventando repositori di fiducia e quindi opinion leader, certi personaggi pubblici o meno, potrebbero “assoldarli”, pagarli, per un preciso scopo (propaganda elettorale?). Le aziende già lo fanno con altri obiettivi, perché non dovrebbero farlo i politici in campagna elettorale? Occorre, per questo, mantenere uno spirito critico su tutti i canali mediatici, in particolare sui media sociali dove le nostre barriere sono meno rigide.

Detto ciò, twitter ospita già un folto numero di personaggi del mondo politico con relativi seguaci e qualche influenzatore affezionato, magari del mondo dello spettacolo o dell'informazione. Beppe Grillo è già sugli scudi, con un vasto seguito su tutti i media e un folto numero di follower, amici e nemici, che al contempo alimentano la sua visibilità. Non ci resta che aspettare le prossime elezioni, su twitter ne vedremo delle belle.

 twitter-propaganda-elezioni

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti