Blog di

di Roberto Festa

Questioni razziali

Blog post del 20/06/2011

Race matters, le questioni razziali contano, scriveva alcuni anni fa Cornel West. Le questioni razziali continuano a contare, nell’America apparentemente post-razziale e post-etnica del primo presidente afro-americano.
Lo dimostra quanto sta avvenendo in Virginia, uno Stato del Sud con un passato particolarmente pesante di segregazione razziale. La Virginia ha deciso di istituire una serie di borse di studio – valore dai 300 ai 10 mila dollari – per risarcire quanti , a partire dal 1954, furono danneggiati dalla Brown v. Board, la storica sentenza della Corte Suprema che ordinò la desegregazione delle scuole americane.
Molti istituti scolastici, soprattutto nel Sud, reagirono male. Prima resistendo all’ammissione degli studenti neri; poi preferendo chiudere, piuttosto che mescolare nelle proprie aule bianchi e neri.
Il curriculum scolastico, il livello di istruzione, il futuro di molti studenti, soprattutto afro-americani, risultarono irrimediabilmente segnati da quell’evento. Molti non furono in grado di proseguire negli studi. Molti riuscirono a godere di un’istruzione soltanto parziale. Proprio per risarcire di quel danno, la Virginia ha istituito alcune decine di borse di studio (pagate in gran parte con il milione di dollari donato dal magnate dei media John Kluge).
Molti degli assegnatari delle borse sono, ovviamente, persone che ora hanno più di 60 anni. E che hanno utilizzato quei soldi per finire la scuola superiore, l’università, o anche il dottorato. Una prima valutazione del programma ha però condotto a una sorpresa. Almeno il 15% degli assegnatari sono bianchi. Anche la loro vita, in effetti, fu danneggiata. La chiusura di molti istituti scolastici costrinse anche molti ragazzi bianchi a interrompere gli studi o a rallentarli.
La cosa non è piaciuta alla comunità afro-americana dello Stato, che ha sempre considerato quelle borse un modo per risarcire i neri della segregazione e dell’oppressione subita. Le polemiche che ne sono seguite hanno avuto l’effetto di riaprire antichi rancori. La Virginia è del resto lo Stato il cui governatore, Robert F. McDonnell, ha proclamato un “mese della storia confederata”, senza fare nemmeno menzione alla schiavitù. E dove per anni si sono rifiutati di celebrare il Martin Luther King Day, preferendo istituire un Lee-Jackson-King Day (Robert E. Lee e Stonewall Jackson furono due generali confederati).
Race matters, le questioni razziali continuano a contare, nell’America 2011.
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

La disoccupazione a luglio scende di mezzo punto, ora è al 12%

Lo rileva l'Istat nelle stime. Il ribasso arriva dopo due aumenti e porta il tasso ai minimi da due anni esatti. La disoccupazione giovanile scende di 2,6 punti

Ucraina, esplosione fuori dal Parlamento: almeno 15 feriti

Le bombe lanciate da un gruppo di manifestanti

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Guida al primo anno di matrimonio per la donna anni ’50

Un lungo filmato racconta le storie e le evoluzioni del rapporto della coppia dal primo giorno. Problemi, incomprensioni e, poi, soluzioni

Come entrare in Uk, prima che sia troppo tardi

Su internet ci sono le istruzioni di moduli e procedure. Per chi vive in Europa, però, non c’è bisogno di nessun visto

Trucchi per non fare figuracce quando si viaggia per lavoro

Stringere mani non è sempre bene accetto. Il biglietto da visita può essere un tranello. Piccola guida ad accorgimenti importanti

La passione degli antichi per il six-pack

Gli addominali sono l’utopia del maschio contemporaneo. Lo era anche nell’antichità, ma non facevano nulla per scolpirsi: era controproducente

PRESI DAL WEB

Dieci regole pratiche per evitare le morti in discoteca

Le ha messe in fila l’Espresso. La prima regola è l’idratazione, poi servono sale di decompressione, etilometri e buttafuori formati a identificare i malori

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin