Blog di

di Andrea Costa

Allons Enfants Des Elections (2)

Blog post del 13/04/2012

Siamo in dirittura d'arrivo, ormai ogni spicchio di Francia e di Navarra é tappezzato di cartelloni, manifesti, inviti, con i faccioni belli e rigogliosi dei 10 candidati al trono di Francia. Ogni singolo minuto di ogni palinsesto é riempito da una frase, un commento, un'immagine degli stessi 10 protagonisti di questo grande reality show presidenziale.
In ogni casa dell'esagono e, probabilmente, dei territori d'oltremare si cena e si pranza commentando, anche animatamente, l'ultima uscita di François Hollande, l'ultimo calembour di Dupont-Aignan, l'ultima giaculatoria di Marine Le Pen.
Eppure, eppure, c'é un undicesimo candidato che sembra trovare sempre più spazio, leader di un partito che fa paura, che ad ogni tornata elettorale, verso gli ultimi giorni prima dell'appuntamento decisivo trova spazio negli editoriali come nessun altro pretendente.
Il partito degli astensionisti.

Eh già, perché, come capita spesso, anche nei migliori reality, quando i toni montano, quando le polemiche, spesso gratuite, coprono di rumore molesto le argomentazioni, i programmi, quando il reality é troppo show e poco reality, il pubblico, i telespettatori, cambiano canale. O spengono la televisione.

Ed é quello che temono più o meno tutti, anche perché secondo le ultime stime questo partito sembrerebbe accreditato di oltre il 30 % dei votanti. Un record. Che fa paura appunto.
Allora, come capita da anni, vengono chialmate alla riscosse le agenzie di comunicazione, per spingere i francesi a votare, come é giusto che sia. 
L'AACC, l'associazione che unisce le agenzie francesi, ha organizzato, per l'occasione, une action citoyenne invitando i suoi membri a realizzare delle campagne per sensibilizzare i francesi all'importanza del voto. E le agenzie, ovviamente, non si sono fatte pregare. L'occasione era ghiotta per mostrare la propria creatività per una causa assolutamente giusta.

E i risultati, a mio parere, sono assolutamente interessanti. Efficaci, questo lo sapremo soltanto alla chiusura delle urne.

Una delle campagne più interessanti é quella realizzata dalla WUNDERMANN, un film TV che utilizza un'idea semplice ma, a mio avviso, geniale. Mette in scena dei cittadini assolutamente normali, di ogni età e professione, come se stessero facendo un colloquio di assunzione. Dalla parte di chi assume pero'. I dialoghi sono semplici, chiari e ovviamente giocano sul doppio senso. Alla fine l'invito é chiaro : "Il 22 aprile e il 6 maggio siete voi i padroni. Votate".

http://www.youtube.com/watch?v=WuQx94VIdf4&feature=player_embedded 

Per quanto riguarda le affissioni, anche li le agenzie hanno dato il meglio di loro.
C'é chi come AILLEURS mette in scena delle persone ritratte in primissimo piano con un messaggio forte, contro l'idea che astenersi possa essere un messaggio come gli altri.

Oppure l'agenzia HEREZIE, che ha utilizzato come testimonial dei bambini, dall'aria corrucciata, anzi decisamente incazzati, che lanciano un messaggio forte e chiaro a chi non intende votare. 

Io sono troppo giovane per votare. E tu sei troppo cosa ?

Ma ovviamente una campagna di comunicazione, nel 2012, non poteva non avere anche una sua declinazione sui nuovi media. La soluzione scelta dalla AACC é quella, assai simpatica, della JWT, che ha concepito una piccola applicazione mobile (disponibile qui per iphone) che permette, sul proprio palmare, di caricare la propria foto e di immedesimarsi in un candidato all'elezione, con tanto di affissioni e slogan da condividere, ovviamente su tutte le piattaforme di social network, e con un messaggio forte e diretto :

Difendete veramente le vostre idee. Votate.

 

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Turchia, uomo armato nella sede dell’AKP, arrestato

Non ci sono stati feriti. Il nuovo attacco è avvenuto il giorno dopo il sequestro a Istanbul di un magistrato da parte di membri del gruppo di estrema sinistra

Turchia, muore dopo il blitz il magistrato sequestrato

Dopo sette ore di trattative fallite, le forze speciali irrompono nel tribunale di Istanbul per liberare l'ostaggio: esplosioni, fumo e colpi di arma da fuoco

Turchia, il magistrato sequestrato è morto. Nel blitz uccisi due sequestratori

Mehmet Selim Kiraz, è morto dopo essere arrivato in gravi condizioni in ospedale e dopo essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico disperato

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

Le regole di Tolstoj per vivere la vita perfetta

Consigli di disciplina rigida, quasi prussiana, per migliorare la propria esistenza

Trucchi per non abboccare ai pesci d’Aprile

Scherzi, scherzoni e trappole di ogni tipo. Guida per evitare, stavolta, di far la figura del pesce

Confondi spesso destra e sinistra? Ecco perché

È un operazione più complessa di quanto sembri. E a volte sbagliare può provocare veri disastri

Il fascino (molto) nascosto dei codici aeroportuali

Perché Malpensa è MXP e Toronto YYZ? Lo spiega un sito che potrebbe anche riempire le vostre serate

PRESI DAL WEB

Istat, la fiducia dei consumatori al massimo dal 2002

Migliorano le aspettative: la componente economica è quella più consistente

L’aberrante post di Beppe Grillo: Lubtiz è come Renzi, che ci guida al disastro

La tragedia della Germanwings ha ispirato l’ex comico ligure suggerendo un paragone quantomeno indelicato: l’uomo solo al comando e lo schianto finale

Zayn Malik lascia gli One Direction: i fan sono sconvolti

Il membro del gruppo amato dai teenager ha deciso, dopo cinque anni, di lasciare i suoi compagni. "Desidero avere la vita di un 22enne normale. E rilassarmi"