Blog di

di Andrea Costa

Allons Enfants Des Elections (2)

Blog post del 13/04/2012

Siamo in dirittura d'arrivo, ormai ogni spicchio di Francia e di Navarra é tappezzato di cartelloni, manifesti, inviti, con i faccioni belli e rigogliosi dei 10 candidati al trono di Francia. Ogni singolo minuto di ogni palinsesto é riempito da una frase, un commento, un'immagine degli stessi 10 protagonisti di questo grande reality show presidenziale.
In ogni casa dell'esagono e, probabilmente, dei territori d'oltremare si cena e si pranza commentando, anche animatamente, l'ultima uscita di François Hollande, l'ultimo calembour di Dupont-Aignan, l'ultima giaculatoria di Marine Le Pen.
Eppure, eppure, c'é un undicesimo candidato che sembra trovare sempre più spazio, leader di un partito che fa paura, che ad ogni tornata elettorale, verso gli ultimi giorni prima dell'appuntamento decisivo trova spazio negli editoriali come nessun altro pretendente.
Il partito degli astensionisti.

Eh già, perché, come capita spesso, anche nei migliori reality, quando i toni montano, quando le polemiche, spesso gratuite, coprono di rumore molesto le argomentazioni, i programmi, quando il reality é troppo show e poco reality, il pubblico, i telespettatori, cambiano canale. O spengono la televisione.

Ed é quello che temono più o meno tutti, anche perché secondo le ultime stime questo partito sembrerebbe accreditato di oltre il 30 % dei votanti. Un record. Che fa paura appunto.
Allora, come capita da anni, vengono chialmate alla riscosse le agenzie di comunicazione, per spingere i francesi a votare, come é giusto che sia. 
L'AACC, l'associazione che unisce le agenzie francesi, ha organizzato, per l'occasione, une action citoyenne invitando i suoi membri a realizzare delle campagne per sensibilizzare i francesi all'importanza del voto. E le agenzie, ovviamente, non si sono fatte pregare. L'occasione era ghiotta per mostrare la propria creatività per una causa assolutamente giusta.

E i risultati, a mio parere, sono assolutamente interessanti. Efficaci, questo lo sapremo soltanto alla chiusura delle urne.

Una delle campagne più interessanti é quella realizzata dalla WUNDERMANN, un film TV che utilizza un'idea semplice ma, a mio avviso, geniale. Mette in scena dei cittadini assolutamente normali, di ogni età e professione, come se stessero facendo un colloquio di assunzione. Dalla parte di chi assume pero'. I dialoghi sono semplici, chiari e ovviamente giocano sul doppio senso. Alla fine l'invito é chiaro : "Il 22 aprile e il 6 maggio siete voi i padroni. Votate".

http://www.youtube.com/watch?v=WuQx94VIdf4&feature=player_embedded 

Per quanto riguarda le affissioni, anche li le agenzie hanno dato il meglio di loro.
C'é chi come AILLEURS mette in scena delle persone ritratte in primissimo piano con un messaggio forte, contro l'idea che astenersi possa essere un messaggio come gli altri.

Oppure l'agenzia HEREZIE, che ha utilizzato come testimonial dei bambini, dall'aria corrucciata, anzi decisamente incazzati, che lanciano un messaggio forte e chiaro a chi non intende votare. 

Io sono troppo giovane per votare. E tu sei troppo cosa ?

Ma ovviamente una campagna di comunicazione, nel 2012, non poteva non avere anche una sua declinazione sui nuovi media. La soluzione scelta dalla AACC é quella, assai simpatica, della JWT, che ha concepito una piccola applicazione mobile (disponibile qui per iphone) che permette, sul proprio palmare, di caricare la propria foto e di immedesimarsi in un candidato all'elezione, con tanto di affissioni e slogan da condividere, ovviamente su tutte le piattaforme di social network, e con un messaggio forte e diretto :

Difendete veramente le vostre idee. Votate.

 

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Termini Imerese, ecco il piano: componenti e auto, investimenti di 300 milioni

Auto ibride, saranno prodotti due modelli entro giugno/settembre 2018. L'assorbimento occupazionale è previsto per circa 800 lavoratori

È morto Joe Cocker

Aveva 70 anni, era malato da tempo

Pubblicità ingannevole: dall’Antitrust mezzo milione di multa a Tripadvisor

Le motivazioni: claim che enfatizzano la genuinità dei commenti e procedure di controllo inadeguati a contrastare il fenomeno delle false recensioni

Le cose più assurde di un paese assurdo

Dal grandioso esercito alle spese in Cognac del fu Caro Leader, qualche dato sulla Corea del Nord
SHARE

Ballare coi computer

Lo spettacolo di danza Pixel di Adrien Mondot e Claire Bardainne
Una spettacolare performance di danza che mescola corpi veri e proiezioni digitali
SHARE

Il papà di tutti gli zombie: La notte dei morti viventi

Cervelli che ritornano? Ce ne sono parecchi nel capolavoro di Romero, ora di pubblico dominio
SHARE

Arte da nevrotici, quando l’ordine prevale su tutto

L’artista svizzero cerca di dare un ordine al caos del mondo: tentativo provocatorio ma interessante
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Due poliziotti uccisi a New York: cosa sappiamo finora

Il sospettato, Ismail Brinsley, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori