Dischaunt

Blog di

di Valerio Bassan

Auld Lang Syne, un addio (senza rimpianti) al 2011

Blog post del 31/12/2011

Nel mondo anglosassone è l'inno ufficiale del Capodanno. Intonato allo scoccare della mezzanotte nei pub e nelle case, suonato dalle orchestre e trasmesso dalle radio, Auld Lang Syne è una delle canzoni più celebri di tutti i tempi. Composta in Scozia e diffusa ormai ovunque, rappresenta uno di quei casi di "melodia universale" che spesso conosciamo senza nemmeno rendercene conto. È diffusa anche in Italia, sia in versione originale che con il titolo di Valzer delle candele, in Francia come Ce n'est qu'un au revoir, negli Stati Uniti d'America come The New Year's Eve song. In Corea del Sud è stata usata addirittura come inno nazionale, fino al 1948.

La composizione del brano è storicamente attribuita a Robert Burns, poeta scozzese vissuto nel 1700. Fu infatti Burns a pubblicarne per la prima volta le parole, all'interno della raccolta Select Collection of Original Scottish Airs for The Voice (1799) realizzata insieme all’amico George Thomson. Burns, però, non ne rivendicò mai la paternità. In una lettera inviata allo Scots Musical Museum la definì infatti «una canzone dei tempi antichi, mai stampata né pubblicata prima, che io stesso trascrissi dalle parole di un vecchio». Sempre Burns, in un'altra missiva, descrivendo l'effetto che il primo ascolto di "Auld Lang Syne" ebbe su di lui, disse che aveva "attraversato come un fremito la sua anima". Più probabilmente, Burns unì in un unico testo diverse poesie popolari diffuse all'epoca nelle campagne scozzesi. Versi molto simili si ritrovano infatti in componimenti anteriori al poeta - ad esempio, nella ballata “Old Long Syne” scritta nel 1711 da James Watson, o in alcuni frammenti di Robert Ayton e Allan Ramsay.

Il testo di Auld Lang Syne, scritto in antico dialetto scozzese, è ancora oggi soggetto a disparate interpretazioni. Anche il titolo viene tradotto con accezioni diverse: la corrente più comune, oggi, lo legge come "Old Long Since" ("Tanto tempo da quando.."), una sorta di "c'era una volta" che richiama ai "bei tempi andati". Auld Lang Syne narra la storia di un'amicizia interrotta, riconciliata (nella notte di San Silvestro?) da un brindisi fraterno. Le parole sono semplici, popolari e dal mood nostalgico. Ecco la traduzione in italiano:

Credi davvero che i vecchi amici si debbano dimenticare 
e mai ricordare?

Credi davvero che i vecchi amici e i giorni trascorsi insieme
 si debbano dimenticare?
Perchè i giorni sono ormai trascorsi, mio caro,
 i giorni sono ormai trascorsi

Faremo un brindisi per ricordare con affetto 
i giorni ormai trascorsi
Tu puoi pagare il tuo boccale di birra 
e io pagherò il mio

Faremo un brindisi per ricordare con affetto 
i giorni ormai trascorsi
Noi due abbiamo viaggiato per le colline 
e strappato margherite selvatiche

Ma ora siamo lontani l’uno dall’altro
 
perchè i giorni sono ormai trascorsi
Noi due abbiamo navigato nel fiume
 da mattina a sera
 ma ora vasti oceani si frappongono tra noi

Perchè i giorni sono ormai trascorsi
Perciò prendi la mia mano, amico mio fidato
 e dammi la tua

Faremo un brindisi pieno d’affetto insieme
in ricordo di quei bei giorni andati.

Un alone di incertezza circonda anche la musica di Auld Lang Syne. La sua origine, infatti, è dibattuta. Alcuni autori attribuiscono la stesura al talento di Davide Rizzio (o Riccio), musicista e liutista piemontese trapiantato alla corte di Maria Stuarda nel 1500. Originariamente la ritmica era diversa: la canzone non era un valzer, ma si snodava secondo un tempo più canonico (in 4/4). Ad oggi, Auld Lang Syne è stata reinterpretata da migliaia di artisti diversi, tra cui Aretha Franklin, Frank Sinatra e Mariah Carey, che ne ha registrata una versione pop-dance. Il direttore d'orchestra canadese Gaetano Alberto "Guy" Lombardo ha contribuito a renderla popolare anche oltreoceano, dopo averla suonata per cinquant'anni nel concerto di fine anno del Roosevelt Hotel di New York (trasmesso in tutto il Paese). In Scozia, dove la canzone è stata proposta anche come inno nazionale, viene tradizionalmente cantata durante Hogmanay, il capodanno locale. Queste sono alcune delle interpretazioni più belle di Auld Lang Syne

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COMMENTI /

Ritratto di Vera Gandi
Lun, 02/01/2012 - 10:16
VGandi
Molto belli l'idea e l'articolo. Complimenti e buon anno.
SHARE
Ritratto di Valerio Bassan
Mar, 03/01/2012 - 14:23
vbassan
Grazie mille Vera. Auguri anche a te.
SHARE
Ritratto di eman
Gio, 28/02/2013 - 21:07
eman
..appena tornato dalla scozia. bella scoperta questo articolo! bravissimo complimenti!!! ma soprattutto grazie per la traduzione!!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Obama: Mosca non rispetta il patto di Ginevra

"Non pensiamo che la soluzione militare sia la risposta giusta e continuiamo a lavorare alla soluzione diplomatica"

Kabul, guardia di sicurezza uccide tre stranieri in un ospedale

Tra le vittime ci sarebbe un dottore. Ancora ignote le nazionalità

Decreto Irpef, attesa oggi la firma di Napolitano

Il testo è stato esaminato nel suo complesso

Innamorarsi a Pyongyang: la vita di coppia in Nordcorea

Come funzionano gli appuntamenti? Come ci si conosce? Quali ostacoli? Il racconto di un esiliato
SHARE

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

L’arte sottile dei saluti e delle strette di mano

In ogni Paese ci sono codici di saluto diversi: meglio impararli prima di andarci con questo video
SHARE

Lo splendore della risonanza magnetica sulla verdura

Un utilizzo artistico di uno strumento medico rivela mondi impensabili per cose di tutti i giorni
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Persone che leggono nella mente: come comunica chi resta in stato semivegetativo

Cercano, attraverso scansioni cerebrali di mettersi in contatto con chi è a metà tra la vita e la morte

Perché un libro di economia di oltre 700 pagine è diventato un bestseller

Thomas Piketty ha regalato alla sinistra americana una struttura solida dove coltivare le proprie idee

Come riportare in vita una foresta devastata

I grandi disastri di solito non hanno rimedio, la forza distruttiva dell’uomo ha modificato il paesaggio in modo radicale. Ma ora le cose possono cambiare