Blog di

Alessandra di Canossa

La Prèmiere Dame e la Minetti: l'accusa di sessismo vale per tutti?

Blog post del 10/05/2012

Oggi si legge sui giornali dei nostri cugini francesi e su quelli italiani che il giornalista sportivo, esperto di rugby, Pierre Salviac, è stato licenziato dalla stazione radiofonica RTL.

E fin qui, nulla di strano, se non che il giornalista pare sia stato mandato a spasso per il suo commento su Twitter : "A tutte le colleghe: fate sesso utile, potreste diventare Prèmiere Dame". Ma dico, se sei esperto di rugby, perché ti vuoi proprio far del male con commenti così poco esaltanti sulla nuova coppia dell'Eliseo?

Il fatto che in Francia la nuova Première Dame sia la giornalista Valerie Trierweiler, compagna del vittorioso Francois Hollande, deve aver fatto fare 1+1 alla direzione della stazione radiofonica.
Il giornalista quindi, accusato di aver scritto un tweet sessista, è stato licenziato in tronco, diventando di fatto la prima "vittima" del nuovo corso Hollandiano francese.

Ma quanta memoria corta...

Insomma dire di fare sesso utile per diventare Première Dame, con un riferimento alla neo-non-signora Hollande (non perchè non sia una signora, ma per la sua condizione di compagna e non moglie, sia chiaro) è sessista e dare della donna vampiro e arrampicatrice sociale alla Tulliani no? Prendere per i fondelli Carla Bruni, ammiccando ad una sua quanto mai poco nascosta velleità per i potenti, no anche quello?
Far vedere ogni parte anatomica della Minetti su tutti i quotidiani online, no? No, in effetti questo non è da annoverare nella lista, in fondo la Minetti se le cerca… Vedere per credere tutti i giorni le gallerie fotografiche che le vengono dedicate… un tripudio di didascalie quanto mai di pessimo gusto… una di queste diceva "retrospettive celestiali della Minetti" riferendosi a dei leggings azzurro-puffo che non lasciavano molto all'immaginazione!

Temo che se iniziassero a licenziare anche in Italia per i commenti sessisti, non se ne salverebbe uno!


 

COMMENTI /

Ritratto di Marco V.
Gio, 10/05/2012 - 15:42
Marco V.
Temo che se licenziassimo i politici e governanti che approfittano del loro potere per lanciare in pseudo-carriere politiche delle giovani donne avvenenti, resterebbero soltanto quei politici seri che si sono potuti permettere di criticarli e criticarle.
SHARE
Ritratto di tata pina
Gio, 10/05/2012 - 15:49
tata pina
meno male che in Italia ancora si possono usare i "termini" giusti per tutte le professioni.....e la minetti non fa eccezione!!!!
SHARE
Ritratto di Anonimo
Gio, 10/05/2012 - 16:45
Gentile Di Canossa, solo per avvisarLa che a piè della home-page di questo autorevole quotidiano on line compare un articolo il cui titolo è "Cossiga è morto da tre giorni, ma la Minetti non lo sa: leggeva Chi e Diva&Donna". Il titolista tradisce il sentimento comune alla maggioranza (non dico la totalità) degli italiani, i quali si reputano migliori della signorina Minetti, senza rendersi conto che la Minetti è la rappresentata tipica di tutto il popolo italico. Perchè non è colta, perchè è carina, perchè si arrangia(va) per sbarcare il lunario. Senza timore di smentita, è possibile affermare che trattasi di invidia. Né più né meno. Si disilluda e non si aspetti che uno qualsiasi si offenda perchè una signorina viene additata come una meretrice. Non è mica Nilde Iotti. Come se esistesse una differenza antropologica tra le due donne, in quanto tali. Cordialità C.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula