Education Chronicle

Blog di

di Loredana Oliva

Ministro Gelmini adesso si faccia in due e poi moltiplichi per X e Y

Blog post del 10/10/2011

Gentile Ministro Maria Stella Gelmini, dopo le sue dichiarazioni di sabato - 7 ottobre - al quotidiano La Repubblica, ho riflettuto sulla sua apertura al dialogo con gli studenti. Universitari e scolari, a botta calda hanno trovato una risposta precisa e adeguate motivazioni: "Lei è fuori tempo massimo per X ragioni". Qualora lei volesse insistere nella volontà di parlare con la popolazione studentesca vorrei suggerirle un approccio metodologico. Prima dell'incontro, eventuale, mi permetto d'invitarla a conoscere un precetto zen, l'atteggiamento dell'ascolto profondo. Una postura fisica e mentale, che propende del tutto nell'assorbire ciò che è detto dall'altro, partecipando senza interrompere del sentire dell'interlocutore, che potrà parlare con la sensazione di essere compreso e di non farlo inutilmente. Poi, dovrebbe dividersi in due, rispondere agli studenti, laureati e ricercatori che si rivolgerebbero al ministro per l'Università e la Ricerca Scientifica, in seguito ai liceali, studenti dei vari istituti superiori, delle medie, elementari e ai piccoli della materna che anche loro avrebbero diritto di parlare con il ministro dell'Istruzione Pubblica. Mi scusi se ho aggiunto la parola "pubblica" ma non mi sembra che gli studenti della scuola privata siano coinvolti nella protesta generale. Cominciamo dai primi, gli universitari. Le parleranno di tutte le volte che le hanno chiesto di essere ricevuti senza successo, tanto che per un'applicazione creativa del principio di sussidiarietà li ha accolti al Quirinale il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Le chiederanno ragione di una riforma universitaria senza finanziamenti, anzi portata avanti con importanti tagli ai fondi ordinari. Lei Ministro è una sostenitrice della meritocrazia e di un modello di eccellenza dell'università, ha istituito un fondo per il merito. Sono d'accordo con lei, ma ho scoperto troppo presto che nel fondo per il merito non c'è un soldo. Nell'intervista di sabato lei dice di aver sollecitato Mario Draghi nel ruolo di Governatore della Banca d'Italia per questo famoso fondo, che non è un fondo ma una fondazione da rimpolpare con sottoscrizioni e finanziamenti privati. C'era un lavoro da fare, l'impulso doveva venire dal ministero, come fanno in altri paesi europei. Chi ha contribuito a questa fondazione, quanti soldi avete raccolto? Si prepari Ministro glielo chiederanno gli studenti universitari. Mi spiace che lei abbia chiamato Draghi solo una volta, io lo avrei fatto tutti i giorni. Mi è capitato di scrivere di scudo fiscale nell'ottobre 2009, dei 5 miliardi che dovevano rientrare per effetto della tassa del 5% sui patrimoni all'estero, lei Ministro promise che almeno due sarebbero stati destinati all'università. Avrebbero dovuto aggiungersi al fondo di finanziamento ordinario di 7 miliardi di euro fermo dal 2005, con un taglio del 20% deciso all’inizio del 2009 al quale è seguito l’annuncio di nuovi tagli nell’estate 2010. E' stata una bugia a fin di bene o tutta colpa di Giulio Tremonti? Ministro Gelmini, ci sono state molte imprecisioni, gli studenti le chiamano menzogne. Quante io non lo so. Diciamo X. Poi lei dovrà parlare col popolo della scuola di una situazione di caos e dolore, di smembramenti di classi, di mancata messa in sicurezza degli edifici scolastici e di tantissimo altro. Questi scolari soffrono di un deficit di risposte. Quante volte? Diciamo Y. Gentile Ministro se potrà parlare con gli studenti, dovrà per forza dividersi in due, e poi moltiplicare le sue responsabilità prima per X e poi per Y. Per tutte le risposte mancate, le gaffe, le inesattezze e qualche bugia. Spero col cuore, che questa sua apertura al dialogo non sia una strumentalizzazione politica, utilizzando i nostri ragazzi contro il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Tradirebbe il suo mandato, il suo ministero, il più bello, giovane, illuminato dal futuro, importante e vitale per tutti gli esseri senzienti.
 

COMMENTI /

Ritratto di uqbal
Lun, 10/10/2011 - 20:03
uqbal
Attenzione: gli studenti delle scuole private non sono di un altro pianeta. Le loro scuole non sono toccate dai tagli d'organico ma per i programmi dipendono dal ministero pure loro. Infine: le scuole private sono pubbliche. Non sono statali, ma sono aperte al pubblico. Cerchiamo di non banalizzare, grazie.
SHARE
Ritratto di antonio
Lun, 10/10/2011 - 20:31
antonio
Grazie Loredana per scrivere con humor, leggerezza e garbo taglienti profonde verità. Peccato che ZERO moltiplcato per qualsiasi numero, compresi X e Y e soprattutto il numero di studenti che hanno qualcosa da ridire fa - è la matematica, bellezza - sempre ZERO. E non si trova mai un Ghedini per cambiare queste leggi!
SHARE
Ritratto di Tin Tin
Mar, 11/10/2011 - 16:15
Tin Tin
Cara Loredana, spero ardentemente che la ministro Gelmini ti dia retta e si disponga nella condizione dell'ascolto. Possa ascoltare prima di tutto se stessa, la paura che prova e invece di far finta di essere così forte e dura, sappia umilmente ascoltare gli altri. Infondo lei ha saputo solo rimettere i grambiuli ai bambini, come se la scuola di un tempo dovesse tornare perché buona e meglio di questa. Io conosco maestre e maestri, professori e professoresse meravigliosi, che amano il proprio lavoro e che dedicano tutta la loro vita ai nostri figli. Se non ci fossero loro la scuola così com'è 'disegnata' sarebbe ancora peggio. La ministra potrebbe mettersi in ascolto anche di queste persone che provano soltanto a indicarle la via per fare insieme una scuola valida e anche una società valida. La ministra ha criticato le sinistre che avevano creato tante 'sfaccettature diverse' per dare lavoro ai laureati. 'Non c'è bisogno di tanti professori o maestri'. Ma che strani pensieri! Ma se quelle persone che possono offrire il loro sapere, il frutto dei loro studi ai nostri figli noi le umiliamo, le lasciamo a casa, le costringiamo ad occuparsi d'altro, cosa stiamo insegnando? Cosa stiamo mostrando? Come possiamo pensare che chi va a scuola si impegni nella fatica che lo studio richiede? Cara Loredana, ancora grazie, per aver cura di questo tema che riguarda tutta una società. Quando una società non ha cura delle persone che si occupano dei suoi figli, le mantiene in una vita grama e umiliante, è una gran brutta società..... ma si può sempre migliorare. Una caro abbraccio, Tin Tin
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Dl lavoro, la Camera approva, ora passa al Senato

263 i voti favorevoli, 161 i contrari, un astenuto

Draghi: pronti a nuovi finanziamenti, il meccanismo del credito è inceppato

La Bce si prepara ad agire contro la deflazione nell’Eurozona. Le Borse reagiscono con un balzo

Obama: Mosca non rispetta il patto di Ginevra

"Non pensiamo che la soluzione militare sia la risposta giusta e continuiamo a lavorare alla soluzione diplomatica"

Tre trucchi usati dai pubblicitari per vendere di più

Sono raffinati strategemmi psicologici che tendono a mettere in buona luce il prodotto reclamizzato
SHARE

Tre bevande che (dicono) ti faranno perdere peso

Immagine tratta da Flickr @bertholf
Non sono i classici beveroni che fanno più male che bene: prodotti naturali per chi è in emergenza
SHARE

Innamorarsi a Pyongyang: la vita di coppia in Nordcorea

Come funzionano gli appuntamenti? Come ci si conosce? Quali ostacoli? Il racconto di un esiliato
SHARE

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Persone che leggono nella mente: come comunica chi resta in stato semivegetativo

Cercano, attraverso scansioni cerebrali di mettersi in contatto con chi è a metà tra la vita e la morte

Perché un libro di economia di oltre 700 pagine è diventato un bestseller

Thomas Piketty ha regalato alla sinistra americana una struttura solida dove coltivare le proprie idee

Come riportare in vita una foresta devastata

I grandi disastri di solito non hanno rimedio, la forza distruttiva dell’uomo ha modificato il paesaggio in modo radicale. Ma ora le cose possono cambiare