Blog di

di Leonard Berberi

Gerusalemme, un ragazzo batte il tram in velocità

Blog post del 5/09/2011

Non son bastati gli anni (travagliati) di lavoro: 12. Non son bastati nemmeno i soldi (tanti, troppi) spesi per costruire l’intera rete: 300 milioni di euro. E non son bastate nemmeno le polemiche e le paure di attentati. Per non parlare del fastidio e dei disagi nel dover ogni giorno aver a che fare con la polvere, con i reticolati, con il cemento sparso un po’ ovunque, con la ferraglia mollata ai lati delle strade e i blocchi stradali.

Il tram dei desideri, quel CityPass che in 13,8 chilometri collega Gerusalemme Ovest a quella Est, continua a far parlare. Per carità: per ora di incidenti - tra arabi ed ebrei - non ce ne sono stati. Le pietre sono ancora al loro posto. La polizia ogni tanto controlla, ma non è che sia dovuta intervenire granchè.

Il problema è un altro: la velocità. «Va così lento questo tram che facciamo prima a fare il percorso a piedi», è il lamento di molti. Frase fatta, certo. Lo si dice anche di certi mezzi pubblici di Milano e Roma.

Poi però qualcuno ci ha pensato su e quel percorso l’ha davvero fatto a piedi. Michael Spivak (foto in alto), 28 anni, studente alla Hebrew University, s’è messo un paio di giorni fa a camminare a passo di jogging di fianco al tram. Alla fine dei 13,8 chilometri di binari e ferraglia la conferma: quel treno è davvero lento. Spivak è arrivato per primo al capolinea di Pisgat Ze’ev staccando il bolide di quattro minuti.

La notizia non è irrilevante. Appena s’è sparsa la voce che un ragazzo aveva battuto il tram in velocità il Comune di Gerusalemme ha detto subito che il mezzo pubblico sarà impostato per aumentare i chilometri orari. «Quando l’ho visto per la prima volta – ricorda Spivak – mi sono chiesto se sono io o davvero questo tram procede come una tartaruga». Dopo una veloce verifica sul campo, la conferma: il «problema» è nel CityPass.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Imprenditore spara a due operai e li uccide

È successo a Molino Girola, nel Fermano. Le vittime sono due slavi che, armati di piccone, avevano chiesto il saldo di un lavoro svolto

Caso Schwazer, la procura del Coni convoca Carolina Kostner

Sarà ascoltata per rispondere di sospetti di "copertura" e "complicità"

Consulta, FI invia sms ai suoi parlamentari: “Votate Bruno”

Oggi alle 15 il Parlamento si riunirà in seduta comune per l'elezione di due giudici della Corte Costituzionale e di cinque membri del Csm

Quando i Beatles divennero personaggi di un cartone

Negli anni ’60 scoppiò la mania, tanto da diventare protagonisti di una serie di cartoni animati
SHARE

Per quello che vale: il costo dell’estrazione mineraria

Una serie fotografica mostra il costo ambientale a fronte del prodotto (scarso) delle miniere
SHARE

Come imparare un discorso a memoria senza errori

Un metodo antico come il mondo, o almeno come i discorsi pubblici, raccontato in un’infografica
SHARE

Se non siete contenti della vostra vita, cambiatela

Ed ecco come: un metodo in tre passi per sbarazzarsi di vecchie abitudini e diventare virtuosi
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come si diffondono davvero le epidemie

La prossima pandemia non si diffonderà dalla giungla, ma da quelle fabbriche di malattie che sono ospedali, campi profughi e città

Israele, la lettera dei soldati obiettori

Una quarantina di soldati dell’esercito israeliano ha deciso di firmare una lettera in cui rifiuta di partecipare ad azioni militari contro i palestinesi a Gaza

La cultura dello stupro nel deserto dell’Alaska

Nelle comunità dell’estremo nord, non ci sono strade, nessun ufficiale di polizia e c’è un tasso più alto di violenza sessuale che negli Stati Uniti