Blog di

di Leonard Berberi

Israele compra in Italia 30 jet militari

Blog post del 16/02/2012

Più che una gara d’appalto è stato un lungo, estenuante, braccio di ferro. Con tanto di minacce di ritorsione diplomatica ed economica. Però, alla fine – e salvo sorprese – potrebbe esserne valsa la pena. Dopo mesi di proposte e controproposte, i vertici militari israeliani hanno deciso: i 30 jet militari (non 20, com’era stato annunciato prima) per le esercitazioni dovranno essere «made in Italy» al prezzo, per ora non ancora definitivo, di 1 miliardo di dollari. In cambio, il nostro Paese s’impegna a spendere la stessa somma per acquistare strumentazione militare dagl’israeliani.

Corea del Sud sconfitta, insomma. Anche se per il via libera definitivo servirà l’ok di ministero della Difesa, governo e Parlamento, a questo punto solo una formalità. E così lo Stato ebraico si doterà del modello M-346 della compagnia Alenia-Aermacchi (con l’aiuto dei russi della Yakovlev) e darà l’addio agli Skyhawks statunitensi, il "modellino" sui quali si sono esercitati gl’israeliani per una quarantina d’anni.

È stata una sfida piena anche di colpi sotto la cintura (della diplomazia). Con i sudcoreani che, pur di vendere a Gerusalemme il loro caccia modello T-50 a 1,6 miliardi di dollari, hanno promesso agl’israeliani di comprare un esemplare dell’Iron Dome, il sistema anti-missili realizzato negli ultimi mesi. Poi, quando le prime indiscrezioni indicavano che lo Stato ebraico era orientato a guardare al prodotto italiano come prossimo modellino da usare, gli asiatici hanno lamentato «la totale mancanza di trasparenza nel bando». E hanno minacciato, nemmeno tanto velatamente, di interrompere per un po' i rapporti commerciali tra i due Paesi.

«Quella italiana è stata la proposta più efficiente per il ministero israeliano della Difesa», ha scritto in una lettera inviata ai sudcoreani Udi Shani, direttore generale del dicastero. Gli aerei dovranno essere pronti entro il 2014. E a determinare la vittoria della nostra industria aerospaziale, secondo alcuni giornalisti, potrebbe essere stata – oltre che la professionalità del produttore – «anche la posizione filoisraeliana del governo Berlusconi».

COMMENTI /

Ritratto di fabio scaccia
Gio, 16/02/2012 - 17:09
fabio scaccia
Vittoria? Per chi? Non si è mai visto un acquisto militare, da un paese estero, con l'impegno di quel paese a compensazioni industriali pari al 100!! Se il contratto sarà firmato, la Lega porta a casa un altro bel risultato....ma quel miliardo di strumentazione bellica a quale zona d'Italia sarà tolta?Liguria o Lazio?O tutt'e due?
SHARE
Ritratto di Gio
Gio, 16/02/2012 - 18:26
Gio
perché utilizzate la parola "modellino" ?
SHARE
Ritratto di paolo
Gio, 16/02/2012 - 21:48
paolo
L'industria bellica non conosce crisi. Sarà utilissima agli italiani una dotazione bellica di un miliardo di dollari da impiegare nelle nostre ben note "missioni di pace". Auguri a tutti i guerrafondai, il mondo è vostro, godetevelo.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Onu avverte Israele: possibili crimini di guerra a Gaza

Il commissario Pillay anche contro Hamas che «attacca i civili in modo indiscriminato»

Cina, un caso di peste bubbonica

In quarantena una intera città di 30.000 abitanti

Ucraina, abbattuti nell’est due jet militari

Lo riporta l’agenzia Afp citando fonti militari

L’infografica definitiva sulle lingue parlate al mondo

Tutte le risposte a quello che vi siete sempre chiesti (sull’argomento in questione) le trovate qui
SHARE

Cosa fare se qualcuno vi punta una pistola alla fronte

Una situazione che non auguriamo a nessuno, sia chiaro. Ma può capitare: ecco come cavarsela
SHARE

Il mistero del volo degli stormi in cielo

Come fanno rondini e/o storni a muoversi in stormi? Lo spiega uno scienziato americano
SHARE

Un film tanto carino per ammazzare la noia di luglio

Un padre che insegue il figlio, nella Borsa anni ’20: un filmato lungo, ma molto divertente
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La confusione delle etichette degli ingredienti

Obbligatorie per legge, sono difficili da decifrare se non si è esperti: come le multinazionali del cibo tengono nascosto quello che mettono nei prodotti

Le risposte (non esaustive) degli scienziati al cratere aperto in Siberia

Il fenomeno geofisico ha stupito tutti: anche i più esperti restano senza parole

La fascnsa, facinorosa...fascinosa storia dell’autocorrettore

Da Word agli smartphone: un dispositivo utilissimo che provoca molte gaffe