Altro che politiche di lungo respiro. Qui, se le cose dovessero precipitare, si rischia di perdere quasi la metà della popolazione. Il dramma, sia chiaro, è ancora allo stato potenziale. Ma cosa potrebbe succedere se Hezbollah e l’Iran decidessero di attaccare Israele con armi chimiche o, peggio, con una bomba atomica?

«Sarebbe un disastro: il 40% della popolazione non potrebbe sopravvivere per la mancanza delle maschere antigas». A dirlo, con un tono più che preoccupato, è stato il tenente colonnello Lior Gabay, membro del Comando di difesa nazionale dello Stato ebraico. Chiamato a dire la sua alla commissione parlamentare degli Affari esteri e della difesa, Gabay non ha esitato a raccontare la situazione.

«Se le cose vanno avanti così, entro marzo dovremmo chiudere tutte le centraline di distribuzione dei kit con le maschere antigas perché non avremo più i soldi per comprare altre scorte», ha detto Gabay. «Con i fondi stanziati dal governo sono stati realizzati soltanto il 60% dei kit necessari ed è anche per questo che abbiamo dovuto interrompere la distribuzione delle maschere alla popolazione: non ce ne sono abbastanza».

Alla denuncia di Gabay ha fatto eco l’accusa di Zeev Belski, parlamentare di “Kadima”, il partito dell’ex premier Tzipi Livni. «Ci chiediamo perché il governo non abbia deciso di distribuire i kit prima alle popolazioni più esposte agli attacchi (quelle a nord e a nord-est, al confine con il Libano)», ha detto Belski.

Quella delle maschere antigas è diventato un problema prioritario da qualche settimana. E non solo per colpa delle tensioni con l’Iran. Di recente un alto funzionario del ministero della Difesa ha detto che il regime siriano di Assad potrebbe trasferire le armi sofisticate – comprese quelle chimiche – verso le basi libanesi di Hezbollah. E questi ultimi potrebbero anche pensare di usarle contro Israele. Del resto il passaggio di armamenti sulla linea Damasco-Beirut è una pratica consolidata ormai da anni.

Secondo alcune fonti d’intelligence occidentale, mai confermate, la Siria sarebbe il Paese con la più grande riserva al mondo di armi chimiche, tra cui alcuni degli agenti più letali, come il gas sarin e l’agente nervino VX (al bando dal 1993). Armi di distruzioni di massa.

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Lun, 20/02/2012 - 08:48
mgiovanniello
Non ci sono le maschere antigas per tutti? Se anche ci fossero ci sarebbe qualche altro buco nella difesa della popolazione. Credo che ci sia un nesso logico fra la convinzione di poter risparmiare guai ai civili e l' abituale durezza israeliana verso i vicini. Il sentirsi intoccabili ha spinto verso una politica in cui il vicino può essere anche malmenato senza paura di ritorsioni (vedi Libano), ovvio che l' opzione delle maniere forti venga accolta senza particolari timori. Ora finalmente si scopre che in guerra ci si può far male? Dalle nostre parti lo sapevamo da qualche decennio, dai tempi della MAD, Mutually Assured Destruction e del Dr. Strangelove. F
SHARE
Falafel Cafè
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Grillo attacca Renzi #FiglioDiTroika: gli 80 euro sono una presa in giro

Il leader M5S sul blog: “Il bonus Irpef vale solo per chi è a tempo determinato”

Cinquanta euro ai barboni di Roma. Il regalo di Pasqua di Papa Francesco

Durante la Via Crucis l'Elemosiniere vaticano ha girato le stazioni della città distribuendo delle buste con il messaggio del Pontefice e un aiuto in denaro

Gli ingegnosi trucchi dei trafficanti di droga

Foto tratta da: Flickr, di JD Hancock
Politicamente scorretto, lo sappiamo. Ma nel crimine la creatività umana sa trovare grandi risultati
SHARE

Tè o caffè? Il mondo è diviso in due

La scelta non è solo una preferenza personale, ma una questione di cultura e tradizione
SHARE

Gli esseri viventi più antichi del mondo, fotografati

La ricerca di Rachel Sussman, che ha ritratto organismi che esistono da millenni. E vivranno ancora
SHARE

Viaggio nei siti Internet del passato

Interfaccia di una bruttezza imbarazzante, goffi e poco funzionale. Ma era la rete di 18 anni fa
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

I soldati che uccidono in guerra possono morire per il senso di colpa

Lo scrittore Kevin Sites narra le storie che i militari non vogliono raccontare

Una guida spiega come organizzare una giornata di lavoro perfetta

Tutti i passi fondamentali da effettuare dalla mattina fino al termine della giornata. senza tralasciare l’idea di lavorare all’aperto

Ecco perché nella Silicon Valley hanno fretta di fare soldi con la cannabis

Un racconto mostra come alcuni strumenti high tech possono essere adatti per l’uso della marijuana