Blog di

di Leonard Berberi

Un ex agente Usa: "Israele bombarderà l'Iran a settembre"

Blog post del 17/07/2011
Parole chiave: 

Se così fosse, ci sarebbe solo da mettersi le mani nei capelli. E non solo. Dice un ex alto funzionario della Cia, Robert Baer: «Israele con ogni probabilità attaccherà l'Iran a settembre, prima del voto Onu sul riconoscimento dello stato palestinese sollecitato dall'Anp con un ricorso». Boom!

Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, secondo Baer, avrebbe già deciso il modus operandi. Ora, Baer non è uno sprovveduto. Ha vissuto in Medio Oriente – e ci ha lavorato – per oltre vent’anni. E la cosa che allarma di più è che ha deciso di fare questa rivelazione da una radio locale statunitense, Kpfk, dalle parti di Los Angeles. Perché poi, alla fine, gli Usa c’entrano eccome nel conflitto paventato.

Dice l'ex 007, infatti, che l'intenzione israeliana è quella «di coinvolgere nel conflitto gli Usa». E quindi, proprio per questo, «al Pentagono c'è già un ordine di allerta di preparare la guerra con l'Iran». Secondo Baer, Israele sferrerà il suo attacco contro l'impianto nucleare di Natanz, nella regione di Isfahan, e contro «altre due strutture».

A quel punto, ha proseguito, Teheran risponderà «colpendo dove può, ovvero a Bassora o a Baghdad». In Iraq. «Abbiamo già cominciato a individuare gli obiettivi iraniani in Iraq e intorno al confine», ha spiegato l’agente segreto. Precisando una cosa: «si tratterà di una guerra regionale». Già.

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di romeo52
Dom, 17/07/2011 - 19:40
romeo52
il diritto di usare l'energia nucleare o e' vietato a tutti o e' concesso a tutti! su questo non si sfugge. e l'occidente condinua a considerarlo un un diritto il veto all'iran. deficienti! l'occidente poteva solo trattare con l'iran e forse avrfebbe ottenuto il risultato, considerandolo come un accordo commerciale. invece cosa fanno quei deficienti con l'america e israele in testa? mettono le sanzioni, che e' lo sbaglio maggiore che si puo fare con una dittatura, primo peche' compatta lo spirito nazionale, riducendo i gravi attriti tra il popolo e il regime , secondo, giustifica tutte le difficolta' economice di quel paese che dara' sempre la colpa alle sanzioni. un saluto romeo
SHARE
Ritratto di eros 1
Dom, 31/07/2011 - 16:58
eros 1
vi voglio fare una domanda: se gli islamici avessero la ns tecnologia militare secondo voi quanto ci metterebbero ad usarla contro il mondo occidentale? vi ricordo che il presidente dell, iran è uno che faceva parte del gruppo che assaltarano l ambasciata americana mi sembra nel 1973. sul nucleare è come se al polo nord vogliono farsi i frigo. non le abbiamo neanche noi che siamo senza petrolio. e loro che hanno solo petrolio e poca acqua voglio la loro centrale nucleare. ma come fate a non capire questo. se dovessero riuscire a farsi la bomba atomica una la butteranno su israele e una in vaticano. questa guerra santa durerà finche non ci sarà o in una maniera o nell altra una grande distruzione di massa dei popoli sia orientali che occidentali. spero solo che non riescono a farsi qualche virus. lo porterebbero subito in europa.un loro obbiettivo è che l europa sia islamica.
SHARE
Ritratto di Mondo
Mer, 27/07/2011 - 23:28
Mondo
Il diritto di usare l'energia nucleare dovrebbe essere vietato a tutti e comunque per usi bellici. Il problema nodale risiede comunque tutto sulla perversa permanenza (fenomeno territorialmente diffuso in tutto il mondo) delle disuguaglianze fra poteri forti ed ancor prima fra le culture diverse e soprattutto fra i redditi individuali che hanno dislivelli intollerabili e delinquenziali, ammantati di perbenismo e di bonomia da parte di chi più ha. D'accordo invece, sulle valutazioni di Romeo in merito alle sanzioni sull'Iran, che anch'io ritengo siano un grave errore di miopia dei cosiddetti sempre più intollerabili nuovi feudatari del potere istituzionale: i politici, soprattutto italiani. Che fare? Oltre che esprimerci in lodevoli assoli, talvolta come alcuni blog? Speriamo che l'umanità se la cavi!!!
SHARE
Ritratto di armando
Mar, 04/10/2011 - 02:11
armando
sul fatto che la bomba atomica l'Iran la potrebbe buttare su israele o il vaticano, questo non lo so e non faccio supposizioni: cio' che so per sicuro, e' che i '''''liberi, civili democratici '''''Stati uniti d'America, la bomba Atomica l'hanno gia' sganciata . e non solo su HIROSHIMA, ma anche 3 giorni dopo su NAGASAKI-----Potenza della democrazia USA e GETTA
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti