Blog di

di Massimo Nunzi

Morrison..Australia Rules! The One Man Big Band

Blog post del 10/03/2012
Parole chiave: 

James Morrison fa arrabbiare e di brutto..
 

 

Noi poveri umani, costretti a routine quotidiane faticosissime
per cacciare due suoni accettabili dal nostro strumento,
non possiamo che caracollare increduli di fronte al talento strabordante di James Morrison,
autentico uomo-fenomeno del jazz Australiano.

Morrison, con uno stile semplice, popolare e di grande fruibilità,
contribuisce a diffondere il Jazz presso grandi fasce di pubblico 
e a farlo conoscere  in tutto il Mondo attraverso operazioni come questa.

Non che i polistrumentisti siano assenti nel mondo del Jazz..
Il trombettista Maynard Ferguson era un ottimo trombonista ( a pistoni) e sopranista,
oltre che suonatore di corno.
 

 

Lo stesso dicasi per Ira Sullivan, ottimo sia al sax che alla tromba.
 



Ma Morrison spariglia il gioco..
Suona tutto meno che la batteria..
Ha davvero una capacità unica.
 

 




Questo brano ce lo dimostra ampiamente.
Un jazz allegro, swingante e scoppiettante, alla Sammy Nestico, nella matrice mainstream di Woody Herman e Basie, finger poppin' e allegro.
Colpisce la spaventosa facilità e naturalezza con cui Morrison suona perfettamente tutte e quattro le famiglie dell'orchestra Jazz:
4 Trombe,
4 Tromboni (col trombone basso)
5 sassofoni..
(alto, soprano, tenore e baritono oltre ai clarinetti).
e 4 di ritmica (piano , chitarra, banjo e  contrabbasso ).

Purtroppo gli manca la batteria e a questo punto cio viene da chiederci :
perché?

Tutta la musica del cd viene realizzata con uno swing bruciante e una competenza assoluta.
Andando nel dettaglio: molti sassofonisti vi potranno confermare che non è agevole neanche per loro suonare tutti i sassofoni..
ebbene Morrison, superando con un balzo tutti i problemi di imboccatura, sfata in un istante i miti che volevano relegate a un solo strumento, le carriere dei concertisti.

Godetevi questo incredibile strumentista..
Al jazz fa bene anche questo.
Di certo Morrison, può fare avvicinare al jazz molto nuovo pubblico, con uno  stile popolare
e fruibile da tutti e con qualche "trovata".

Lunga vita a James Morrison, orgoglio australiano!

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Silvio Bonanni
Lun, 12/03/2012 - 11:29
Silvio Bonanni
Grazie Massimo per averci presentato questo eccezionale musicista ! Mi interesso di Jazz da oltre 55 anni e non avevo mai sentito una cosa del genere ! Contiua a rifornirci di queste notizie. Silvio Bonanni
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti