Blog di

di Massimo Nunzi

Quando l'Orchestra fu malmenata da Toscanini, chissà cosa direbbero oggi i sindacati

Blog post del 29/04/2012
Parole chiave: 

Toscanini ha avuto molti meriti.
E il coraggio di andar via da un'Italia,
che lo voleva costringere a suonare
l'Inno fascista all'inizio di ogni concerto.

Il Parmense é stato l'icona di Direttore d'Orchestra
fra le più significative del 900 e ha scatenato un vero culto.
Puccini gli ha affidato il compito di strutturare il modello
esecutivo di molte sue Opere e ad esempio,
gli ha affidato il debutto di un difficile lavoro come
"La Fanciulla del West".

Attraverso la sua Direzione, Toscanini ha  stabilito,
insieme a pochi altri Grandi dell'epoca,
i paramentri esecutivi ed espressivi della  Musica Classica,
da Wagner a Beethoven.

Tuttavia ha avuto una totale chiusura verso il "moderno"...

I musicisti italiani al termine dell'800 e agli inizi del 900,
( a parte i Futuristi come Ruffolo, con i loro discussi "esperimenti"..) 
non erano al centro del vortice creativo
che stava scuotendo il Mondo.
Toscanini invece, forte di un talento assoluto,
si impose al Mondo.
Il Maestro, che aveva esordito giovanissimo
ed era subito andato a farsi le ossa all'estero,
aveva una sensibilità così precisa e puntuale
sul risultato da raggiungere e sull'eccellenza
del suo pensiero finale riguardo all'Opera da realizzare, che spesso, 
tracimava in violentissime schermaglie contro l'orchestra,
rea secondo lui, di essere incapace di attenersi
alle sue indicazioni e di scudisciarla senza pietà.
La "vittima " qui è la NBC Orchestra.

In effetti, quella che segue è una testimonianza che,
se non conosciuta dagli ascoltatori,
può traumatizzare profondamente.

Ma tant'é, il Maestro, che aveva avuto meriti indiscutibili,
era iroso e perfezionista e da questa registrazione si capisce
anche quanto fosse estremo il suo bisogno di controllo
su ogni singola nota messa in partitura dal Compositore.

La sua maniacale cura nei minimi particolari che ,
tuttavia gli ha garantito un posto fra i Sommi,
si comprende bene quando, strumento per strumento,
elenca tutte le falle esecutive degli orchestrali.

Un documento da conoscere.

 

 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Francesco Genovese
Dom, 29/04/2012 - 13:50
Francesco Genovese
Ce ne sono altri! Come per esempio questo: http://www.youtube.com/watch?v=JY7Lk83O4Pc
SHARE
Ritratto di Massimo Nunzi
Lun, 30/04/2012 - 11:37
MNunzi
Carattere e determinazione... persegue l'obiettivo della perfezione! Grazie Francesco.. M Nunzi
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Cineblog: chiude il sito per guardare i film in streaming

Da marzo sequestrati 46 siti “pirata” per il download illegale

Sanzioni: sequestrate le ville in Sardegna di Arkadij Rotenberg, amico di Putin

In Italia è la prima volta che succede: ad eseguire il provvedimento il generale Giuseppe Bottillo

Una mappa per viaggiare bevendo acqua sicura

Continente per continente, l’infografica mostra dove l’acqua di rubinetto non è un pericolo
SHARE

Tre modi creativi (e pacifici) per utilizzare i droni

Non servono solo a lanciare bombe e sorvegliare i civili: si possono rivelare utili per buone cause
SHARE

Cartelli e insegne, la ricchezza grafica di una città

New York è una città infestata di parole e font diversi. Percorrerli e studiarli ne rivela l’anima
SHARE

Guida completa all’uso intelligente delle vitamine

Quali sono, che proprietà hanno e dove si trovano. Tutto spiegato qui, in un’infografica
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Perché la politica di Facebook sui “nomi veri” degli utenti dovrebbe spaventarci

Chi si iscrive deve fornire il proprio nome legale. Il problema con gli pseudonimi, anche con quelli noti, è dietro l’angolo

Come la pirateria sta cambiando (in meglio) il panorama musicale

La lotta dell’industria discografica si è rivelata inutile. Eppure la musica continua a creare guadagni legali: è solo cambiato il modello di fruizione

Il peccato originale dell’Europa: la politica dell’asilo per i rifugiati

Un compromesso confuso che crea molti problemi, soprattutto per i Paesi ai confini. Ma non si trovano soluzioni migliori