La fanfara frenetica

Blog di

di Massimo Nunzi

Teatro Valle occupato - appello ai musicisti "classici"

Blog post del 20/07/2011

Il Teatro Valle, storico punto di riferimento della Cultura Teatrale e non, è stato occupato da una miriade di Artisti che stanno cercando, con sforzi sovraumani, di non farlo diventare una sala bingo o una jeanseria.

La "destinazione d'uso" del Teatro, dopo lo scioglimento dell'ETI, Ente Teatrale Italiano, è, a tutt'oggi, sconosciuta.

Questi uomini e donne, tutti facenti parte del variegato mondo che ruota attorno alle arti espresse su un palco, dagli attori teatrali, ai comici, ai circensi, ai suonatori di vario tipo, si sono trovati per la prima volta insieme, a lottare per difendere una serie di punti che loro ritengono , debbano diventare "fermi".

Ora la parola "occupazione", ha un forte valore evocativo, legato ad appartenenze politiche.

Non tutti la amano.. evoca scenari di un'altra epoca. Ora, bisogna avere il coraggio di voltare pagina e di non considerare "schierati" tutti quelli che cercano di fare qualcosa di attivo e quindi, giocoforza, di politico.

In realtà, anche se non sono avulse da un impegno politico, molte realtà umane che compongono il gruppo di resistenza del teatro, sono al di fuori della politica.




Sono semplici cittadini/artisti, non raccomandati da forze politiche, che fanno il loro mestiere e rivendicano il diritto di poter controllare il loro futuro.

Spesso, su Linkiesta , ho descritto le vessazioni che i musicisti subiscono.

Non so se questo interessi ad un grande pubblico, ma penso sia giusto dare una visione meno "aulica" del nostro mestiere, per sensibilizzare il pubblico che ci viene a vedere.

E' di sicuro, sempre più difficile fare Arte in Italia.

Quasi ormai impossibile.

Questo Post è rivolto in particolar modo ai Musicisti Classici che, se vogliono contribuire, possono contattare gli organizzatori e proporsi.

Il Teatro deve superare Agosto ed è necessaria una programmazione costante.

Invito tutti a candidarsi.

L'atmosfera è molto bella e onestamente, io non ho ricordi di qualcosa di così aggregante ed esaltante allo stesso tempo.

Gli artisti si prendono 15/20 minuti e fanno qualcosa.

Puoi incontrare il grandissimo attore teatrale che legge Pinter o il cinematografico che fa Beckett,il chitarrista Jazz o il collettivo di libera improvvisazione jazz...

Sul sito del Teatro Valle Occupato, troverete tutte le info e potrete contattare gli organizzatori.


http://www.teatrovalleoccupato.it/




Invito anche le persone che non abitano a Roma a proporsi.
Non sarà tempo perso.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Gelata sull’economia: a febbraio giù fatturato e ordinativi

Calo a febbraio rispetto a gennaio, in salita rispetto a un anno fa. Domanda interna ancora depressa

Renzi su Twitter: “Impressionanti” immagini dall’Iran

“Le immagini della mancata esecuzione in Iran sono impressionanti. Specie il Venerdì Santo”

Sicurezza alimentare: maxi sequestro dei Nas

Nel mirino circa 360 tonnellate di cibo, di cui oltre 5 tonnellate tra uova,colombe e dolci pasquali, nell'ambito dell'operazione denominata “Pulizie di Pasqua”

Dove andare in vacanza a maggio

Quattro proposte raggiungibili senza problemi, per chi vuole sfuggire dalla pazza folla
SHARE

Il mondo immaginario delle gocce d’acqua

Un’animazione in stop-motion racconta la vita in due dimensioni di un uomo fatto di gocce d’acqua
SHARE

Libri da colorare per bambini cattivi

Coloring Books Corruptions trasforma innocenti disegni in qualcosa uscito da un film horror
SHARE

Fatti veri e stereotipi in divertenti infografiche

Piaccia o meno a tutti sarà capitato almeno una volta di imbattersi in questi “TruthFacts”
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Il Papa in soffitta: cosa vuol dire per Benedetto XVI osservare Francesco

È strano che ci siano due papi, ed è strano che vivano così vicino, ma soprattutto: è strano che siano proprio queste due persone

L’esodo al nord: cosa deve fare la Turchia con i rifugiati siriani

Al sesto posto per numero di rifugiati dalla Siria, la Turchia non ha mai aperto i confini, a differenza dei vicini arabi

Lavoro: l’algoritmo per capire quanto a lungo sarai disoccupato

Il criterio fondamentale per questo calcolo non si basa sulle capacità ma sul momento in cui si perde il lavoro