Blog di

di Massimo Nunzi

Teatro Valle occupato - appello ai musicisti "classici"

Blog post del 20/07/2011

Il Teatro Valle, storico punto di riferimento della Cultura Teatrale e non, è stato occupato da una miriade di Artisti che stanno cercando, con sforzi sovraumani, di non farlo diventare una sala bingo o una jeanseria.

La "destinazione d'uso" del Teatro, dopo lo scioglimento dell'ETI, Ente Teatrale Italiano, è, a tutt'oggi, sconosciuta.

Questi uomini e donne, tutti facenti parte del variegato mondo che ruota attorno alle arti espresse su un palco, dagli attori teatrali, ai comici, ai circensi, ai suonatori di vario tipo, si sono trovati per la prima volta insieme, a lottare per difendere una serie di punti che loro ritengono , debbano diventare "fermi".

Ora la parola "occupazione", ha un forte valore evocativo, legato ad appartenenze politiche.

Non tutti la amano.. evoca scenari di un'altra epoca. Ora, bisogna avere il coraggio di voltare pagina e di non considerare "schierati" tutti quelli che cercano di fare qualcosa di attivo e quindi, giocoforza, di politico.

In realtà, anche se non sono avulse da un impegno politico, molte realtà umane che compongono il gruppo di resistenza del teatro, sono al di fuori della politica.




Sono semplici cittadini/artisti, non raccomandati da forze politiche, che fanno il loro mestiere e rivendicano il diritto di poter controllare il loro futuro.

Spesso, su Linkiesta , ho descritto le vessazioni che i musicisti subiscono.

Non so se questo interessi ad un grande pubblico, ma penso sia giusto dare una visione meno "aulica" del nostro mestiere, per sensibilizzare il pubblico che ci viene a vedere.

E' di sicuro, sempre più difficile fare Arte in Italia.

Quasi ormai impossibile.

Questo Post è rivolto in particolar modo ai Musicisti Classici che, se vogliono contribuire, possono contattare gli organizzatori e proporsi.

Il Teatro deve superare Agosto ed è necessaria una programmazione costante.

Invito tutti a candidarsi.

L'atmosfera è molto bella e onestamente, io non ho ricordi di qualcosa di così aggregante ed esaltante allo stesso tempo.

Gli artisti si prendono 15/20 minuti e fanno qualcosa.

Puoi incontrare il grandissimo attore teatrale che legge Pinter o il cinematografico che fa Beckett,il chitarrista Jazz o il collettivo di libera improvvisazione jazz...

Sul sito del Teatro Valle Occupato, troverete tutte le info e potrete contattare gli organizzatori.


http://www.teatrovalleoccupato.it/




Invito anche le persone che non abitano a Roma a proporsi.
Non sarà tempo perso.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Indagato direttore Musei Vaticani

Paolucci coinvolto come ex sovrintendente polo museale Firenze

Napolitano: «Contro la crisi servono politiche coraggiose»

Il discorso del presidente della Repubblica per l’apertura dell’anno scolastico

La Corte di Strasburgo smentisce Berlusconi: «Non abbiamo accolto il ricorso»

Lo ha dichiarato all'Ansa l'ufficio stampa della Corte, specificando che i ricorsi sono stati solo registrati

Tre modi creativi (e pacifici) per utilizzare i droni

Non servono solo a lanciare bombe e sorvegliare i civili: si possono rivelare utili per buone cause
SHARE

Cartelli e insegne, la ricchezza grafica di una città

New York è una città infestata di parole e font diversi. Percorrerli e studiarli ne rivela l’anima
SHARE

Guida completa all’uso intelligente delle vitamine

Quali sono, che proprietà hanno e dove si trovano. Tutto spiegato qui, in un’infografica
SHARE

Per tradurre l’intraducibile basta ricorrere all’arte

Wordstuck è una serie di GIF che rappresenta con disegni parole straniere senza corrispondenti
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le tombe dei soldati che testimoniano il coinvolgimento della Russia in Ucraina

Il New York Times racconta di giovani ufficiali russi seppelliti nell’agosto 2014. La prova che hanno combattuto in Ucraina

Kentucky, vigile del fuoco muore dopo un ice bucket challenge

Tony Grider stava versando secchi d’acqua ghiacciata sugli studenti dell’Università di Campbellsville quando la gru ha toccato i fili dell’alta tensione

Perché le ragazze rendono meglio dei ragazzi a scuola

Per molti è un mito da sfatare, ma secondo uno studio il gentil sesso tra i banchi di scuola ha una marcia in più