Blog di

di Massimo Nunzi

Una nostra Inchiesta sulla Crisi-risponde Fresu e Montellanico-part 1

Blog post del 14/12/2011
Parole chiave: 


Mai come ora si percepisce chiaramente che le cose sono cambiate..
quotidianamente a tutti noi capita di sentire che una piccola parte del nostro lavoro
è eroso da elementi esterni che non controlliamo..
il festival che sapevamo sarebbe continuato
anche quest'anno, misteriosamente scompare e viene cancellato per sempre..
il club che faceva buona musica è costretto a chiamare cover band per rimpolpare la programmazione,
il musicista che aveva 200 concerti all'anno, si trova a farne 50, se gli va bene..
cosa si può fare per uscire da questa grave crisi? 



Ada Montellanico



La situazione che viviamo è veramente ad un punto drammatico.
La cultura di cui avrebbe tanto bisogno questo paese fa parte
di quell' "inutile" di cui si può fare  a meno,mentre sarebbe la linfa necessaria per vivere.
Eppure al contrario vediamo accrescere il numero di persone che seguono concerti,
che frequentano musei, che affollano i Festival delle Scienze, della filosofia, della letteratura.
La cultura oltre che far crescere la sensibilità e l'intelligenza delle persone produce ricchezza,
ma stranamente gli ultimi a crederci sono le istituzioni.
Oppure diciamo meglio che abbassare il livello culturale serve a rendere  un popolo inerme e con poco senso critico.

Quello che possiamo fare noi artisti è resistere.




Unirsi per creare manifestazioni che possano essere momenti di confronto,
ma innanzitutto continuare a  progettare anche a cachet ridotti, continuare a sviluppare idee nuove.
la più grave malattia di cui noi musicisti siamo affetti è l'individualismo.
Eppure non dovremmo, facciamo musica insieme agli altri, 
però in casi come questo, tendiamo ad un isolamento che ci rende miopi e quindi impotenti.
Il Teatro Valle insegna, in quanto la loro forza nasce dall'essere molti
e questa multitudine ha generato filiazioni. In pochissimo tempo è diventato  
luogo di incontro e di programmazione artistica alternativa.
Ha creato  qualcosa di inedito e le stesse istituzioni hanno dovuto prenderne atto.
Questo vuol dire che insieme possiamo tentare di passare il guado di questa gravissima crisi,
che in quanto crisi significa temporanea, o almeno questo è il mio augurio per tutti.









Paolo Fresu




Bisogna rimboccarsi le maniche e andare avanti. Non credo che si possa fare di più se non mettere
tutto sulle nostre spalle visto che non c’è uno Stato che ci aiuta e che ci riconosce
uno stato da lavoratori come accade negli altri Paesi europei. Dunque fare in fondo quello che abbiamo sempre fatto.
Alle stesso tempo però penso che non basti lamentarsi ma che sia necessario provare a cambiare le cose da dentro.
Partecipando di più alla vita civile e politica e dicendo la nostra sul concetto
e sul senso della cultura senza pensare che l’’artista debba essere puro e non debba sporcarsi
le mani ne tantomeno alimentando il comune pensiero che chi si preoccupa di dare un contributo pubblico
lo debba fare solo per interesse personale.
Tremonti ha detto che la cultura non si mangia.
Non c’è cosa più sbagliata visto che la cultura produce cibo per l’anima e per la mente oltre che economia vera.
A noi il compito di dare un contributo non solo per uscire dalla crisi ma per dimostrare
che il teorema della cultura effimera è sbagliato.
Oserei dire che è anche compito degli artisti conosciuti provare a fare qualcosa per aiutare
quelli più giovani e che è compito dei Direttori artistici avere più coraggio
nel programmare le nuove realtà e non sempre i soliti noti pur conoscendo le difficoltà legate al botteghino...

Paolo


 

 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Sab, 17/12/2011 - 13:47
Hanno ragione sia la Montellanico che Fresu, non ci si deve arrendere. La cultura è la linfa di un popolo. Sicuramente è un dovere verso le nuove generazioni, andare avanti e non demordere dovrà essere l'obiettivo del grandi musicisri come loro.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti