Blog di

di Filomena Pucci

Felicità: skill and challenge

Blog post del 12/11/2012


Si chiama flow o esperienza ottimale, anche detta Felicità.

Dopo anni di osservazioni un simpatico psicologo dal nome impronunciabile Mihály Csíkszentmihályi, ha messo a punto nel '75 un grafico con il quale si può determinare con una certa precisione la posizione della nostra felicità in funzione di skills (capacità) che abbiamo maturato e challenges (le sfide) che accettiamo di affrontare nostra vita.

Leggendo il grafico si capisce facilmente come affrontare una situazione ad alto livello di difficoltà senza un importante livello di conoscenze produrrà sicuramente un sentimento di ansia, e quindi d'insoddisfazione. Allo stesso modo una situazione troppo semplice in cui si usano poche delle tante conoscenze che si hanno produrrà un sentimento di noia e di depressione.

Lo stato di felicità è quel triangolino in alto, nominato flow, flusso, ovvero quello che stiamo facendo è molto difficile ma lo facciamo con fluidità vista la nostra preparazione a farlo. Eccola allora la felicità: la soddisfazione di aver fatto bene quello che avevamo in mente di fare.

L'esempio perfetto del flow è la creazione artistica, quando si arrivare a dire: scrivevo senza pensarci, non mi sono accorto del tempo passare, ho dimenticato la mia vita e sono diventata quello che stavo facendo, quello che si prova è il flow, o estasi.

Lungi dall'essere un'esperienza religiosa l'estasi è un fatto tecnicamente psicologico. Il nostro cervello garantisce 120 bit di attenzione al secondo, ascoltare e comprendere una persona parlare ne richiede 60, tanto che non possiamo ascoltare e comprendere più di due persone alla volta.  Nel momento della creazione artistica si usano tutti i 120 bit tanto che non ne resta nessuno per pensare agli acciacchi del proprio corpo, alle bollette da pagare, al fidanzato che non chiama o all'affitto.

Eccola allora la vera felicità. Dedicarsi a quello che più ci piace, seppure difficile, perchè probabilmente è la cosa per la quale possiamo superare i nostri limiti, e poi cercare di farlo bene, ogni giorno meglio, alzare l'asticella delle nostre ambizioni, quelle belle, e andare dritti verso la nostra soddisfazione.

Tutto il resto, bollette comprese, può attendere.

 

 

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Delrio: Pensioni, nessun prelievo e 80 euro resteranno. La Ue torni a investire

Il sottosegretario di Palazzo Chigi smentisce anche l'ipotesi di una patrimoniale: "Qualcuno ha preso un colpo di sole".

Per Foley jihadisti chiesero 100 milioni di riscatto Governo Usa rifiutò

Il Pentagono: in Siria un commando della Delta Force mise in atto un’azione per salvare gli ostaggi tra cui il reporter, l’operazione non riuscì

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Mai più online: una guida per chi vuole sparire dal web

Se la vita in rete vi ha stancato e desiderate la privacy di una volta, basta staccarsi. Si può fare
SHARE

Regole per vestirsi bene e avere successo nella vita

L’abito fa il monaco: il modo in cui ci si veste influenza il giudizio che gli altri hanno su di noi
SHARE

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Viaggio nella prigione dorata di Pablo Escobar, il re dei narcotrafficanti

Il signore della droga colombiano, in cambio della resa, ottenne di potersi costruire una prigione. Ci ha messo una discoteca, una cascata e animali a volontà

La sorte degli interpreti che aiutarono gli Usa in Iraq e in Afghanistan

Gli avevano promesso il visto americano o uno Stato senza talebani. Visto come è andata, a distanza di 15 anni, non li aiuterebbero più

Il traffico delle armi nel mondo, chi compra e chi vende

La Stampa presenta un’infografica interattiva sulle armi, e gli intrecci tra i Paesi produttori e Paesi compratori