Blog di

di Filomena Pucci

Felicità: skill and challenge

Blog post del 12/11/2012


Si chiama flow o esperienza ottimale, anche detta Felicità.

Dopo anni di osservazioni un simpatico psicologo dal nome impronunciabile Mihály Csíkszentmihályi, ha messo a punto nel '75 un grafico con il quale si può determinare con una certa precisione la posizione della nostra felicità in funzione di skills (capacità) che abbiamo maturato e challenges (le sfide) che accettiamo di affrontare nostra vita.

Leggendo il grafico si capisce facilmente come affrontare una situazione ad alto livello di difficoltà senza un importante livello di conoscenze produrrà sicuramente un sentimento di ansia, e quindi d'insoddisfazione. Allo stesso modo una situazione troppo semplice in cui si usano poche delle tante conoscenze che si hanno produrrà un sentimento di noia e di depressione.

Lo stato di felicità è quel triangolino in alto, nominato flow, flusso, ovvero quello che stiamo facendo è molto difficile ma lo facciamo con fluidità vista la nostra preparazione a farlo. Eccola allora la felicità: la soddisfazione di aver fatto bene quello che avevamo in mente di fare.

L'esempio perfetto del flow è la creazione artistica, quando si arrivare a dire: scrivevo senza pensarci, non mi sono accorto del tempo passare, ho dimenticato la mia vita e sono diventata quello che stavo facendo, quello che si prova è il flow, o estasi.

Lungi dall'essere un'esperienza religiosa l'estasi è un fatto tecnicamente psicologico. Il nostro cervello garantisce 120 bit di attenzione al secondo, ascoltare e comprendere una persona parlare ne richiede 60, tanto che non possiamo ascoltare e comprendere più di due persone alla volta.  Nel momento della creazione artistica si usano tutti i 120 bit tanto che non ne resta nessuno per pensare agli acciacchi del proprio corpo, alle bollette da pagare, al fidanzato che non chiama o all'affitto.

Eccola allora la vera felicità. Dedicarsi a quello che più ci piace, seppure difficile, perchè probabilmente è la cosa per la quale possiamo superare i nostri limiti, e poi cercare di farlo bene, ogni giorno meglio, alzare l'asticella delle nostre ambizioni, quelle belle, e andare dritti verso la nostra soddisfazione.

Tutto il resto, bollette comprese, può attendere.

 

 

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Istat: -22mila occupati a giugno. La disoccupazione sale al 12,7%

Nei dodici mesi le persone con un lavoro sono diminuite di 40mila unità, i disoccupati sono aumentati di 85mila

Azzollini, il Senato vota contro gli arresti domiciliari

I "no" sono stati 189, i sì 96. Astenuti 17

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

I libri che la gente smarrisce sugli aerei

Letti al volo, e poi dimenticati. Il momento della discesa rischia di farli dimenticare sul sedile. Forse perché non sono davvero imperdibili

L’Isis produce una serie tv animata e prende in giro Obama

Nel primo episodio si assiste alla decapitazione del presidente Usa. Nel secondo lo si vede alle prese con gli account Twitter degli attivisti

Come funziona l’amore al tempo dei social network

Dichiarazioni d’amore, proposte di matrimonio, consegne di anelli: tutto finisce in rete, il cui giudizio è fondamentale

Antartide senza Dio: l’ultimo prete lascia la chiesa nella regione

La Cappella delle Nevi resterà senza curato. C’è un calo di religiosità, ma anche di scienziati. E soprattutto, un taglio nel budget

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»