Blog di

di Andrea Tavecchio

Mala gestio: perché i veneti (e gli italiani) stanno tornando poveri

Blog post del 1/04/2012

La crisi di credibilità finanziaria che stiamo vivendo è figlia di almeno 10 anni di mala politica, intesa spesso come politica del non fare o del fare male. Come conseguenza della nostra paralisi politica abbiamo uno Stato che spende troppo e male, tassa troppo i produttori onesti, non punisce i free rider e quindi non permette la crescita.

La responsabilità di questa crisi - non solo politica - non è di marziani che ci hanno invaso ma ha, a mio avviso, un forte legame con la fuga della borgesia dalla capacità di impegnarsi e di metterci la faccia. Uno che ci mette la faccia in effetti c'è e si chiama Silvio Berlusconi, ma è il tentativo di un uomo solo al comando che, infatti, ha fallito.

Quello che sembra scomparso è il professionista che oltre a fare bene il proprio lavoro contribuisce al dibattito con idee, chiede conto e - ovviamente - ci mette la faccia. Da un pò di anni una deriva di disinteresse si è impadronita di noi. Si delega sempre quello che è interesse comune, ci si occupa solo del piccolo (o grande) microcosmo che ci circonda sul lavoro. A volte sembriamo tante formichine che lavorano, ma che non capiscono bene dove vanno e per costruire cosa...

Massimo Malvestio, avvocato con avviato studio a Treviso e già enfant prodige della Democrazia Cristiana veneta, è una di quelle persone che ti fa sperare che esista ancora una classe di professionisti capaci di alzare la testa e dire quello che vede e pensa, insomma che ci sia ancora vera borghesia capace di essere classe dirigente.

Il suo libro "Mala gestio: perchè i veneti stanno tornando poveri" (una raccolta di suoi interventi sul Gazzettino del Veneto e su Nordesteuropa.it) ha nel titolo il Veneto, ma parla a tutti noi e di tutti noi. Come scrive Massimo in premessa "il vero filo conduttore di questo libro è il contingente che diventa eterno, le cose insensate che non cambiano mai, gli amministratori incompetenti che rimangono sempre al loro posto, a dispetto di tutto e di tutti. Fungibili a qualsiasi disegno perché, in realtà, non c’è nessun disegno.

Anzi è proprio l’assenza di qualsiasi disegno a legittimarli. La gestione del contingente, il piccolo interesse quotidiano, la sapiente organizzazione della comunicazione, l’omologazione del pensiero in slogan: sono queste le caratteristiche che consentono la perpetuazione di quella parte di classe dirigente che vive di inutili gestioni pubbliche. Quel che conta non è il fine ma il mezzo: la gestione pubblica è il mezzo per garantire i privilegi. Uno Stato omnivoro, inefficiente, tracotante ed invasivo è quello di cui costoro hanno bisogno per diffondere i loro slogan spesso permeati di un moralismo di maniera."

Speriamo che rinasca la consapevolezza che il destino è nelle nostre mani e che può essere cambiato se torniamo ad essere una comunità. La mala gestio è una colpa collettiva, figlia del disinteresse e dalla incapacità di visione.

Twitter @actavecchio

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Escort, le intercettazioni di Berlusconi: “Stasera ho due bambine”

Sono state depositate a Bari le trascrizioni delle intercettazioni fiume effettuate dai magistrati nell'ambito del processo sulle escort

Alfano riferisce al Senato sulle devastazioni dei tifosi del Feyenoord

Durante gli atti di teppismo fu danneggiata anche la “Barcaccia’ di piazza di Spagna a Roma

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Cosa postare e cosa no: guida per non rovinarsi la vita

Usare i social network non è facile come sembra: l’idea di essere tra amici è solo un inganno
SHARE

I Lego rifanno la scena migliore di Ritorno al Futuro

Un fulmine deve colpire la torre dell’orologio della città e spedire Marty McFly nel futuro
SHARE

Alcol & amore: quanto serve bere al primo appuntamento?

Secondo uno studio britannico - e anche secondo il buonsenso - non molto. Qui ci sono i dati precisi
SHARE

Come preparare la buona birra di una volta

Una ricetta sumera di 5mila anni fa spiega come fare la birra più antica del mondo. Sa di sidro
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica