Blog di

di Luca Pautasso

L'ammiraglio Branciforte: «In Libia la Marina ha dimostrato quanto vale»

Blog post del 2/11/2011

«Mission accomplished». Anche per le forze navali italiane si conclude l’impegno operativo nel teatro libico. A sancirlo definitivamente, dopo gli annunci della politica, la cerimonia ufficiale celebrata quest’oggi a bordo della portaerei Garibaldi, ormeggiata nella base navale di Taranto, dal Capo di Stato Maggiore della Marina, l’ammiraglio di squadra Bruno Branciforte.

Branciforte ha incontrato gli equipaggi delle unità aeronavali che nelle scorse settimane hanno partecipato alla missione Nato Unified Protector, sui cieli e sui mari della Libia. «Sono qui per esprimere la grande soddisfazione per l'operato di tutte le componenti della Marina», ha dichiarato il comandante in capo delle forze navali Italiane.

E arriva così il tempo dei bilanci per una missione che ha visto la Marina svolgere un ruolo di primissimo piano. Dal 23 marzo al 31 ottobre, nei 231 giorni complessivi di missione, le forze aeree e navali della Marina MIlitare Italiana messe a disposizione della Nato per l'operazione Unified Protector hanno portato a termine i compiti assegnati per l'imposizione della no-fly zone e dell'embargo navale.

Il lavoro per le unità della Marina era cominciato però già il 17 febbraio, quando imbarcazioni e velivoli avevano dato inizio ad un'attività di monitoraggio delle acque del Canale di Sicilia e dello spazio aereo sovrastante, oltre a garantire l'evacuazione dei cittadini italiani e degli stranieri che erano stati costretti ad abbandonare il territorio libico a causa della guerra civile. Il 24 marzo, l'Italia aveva quindi aderito all'operazione Unified Protector, messa in atto dalla Nato su mandato ONU per far rispettare le Risoluzioni delle Nazioni Unite 1970 e 1973 per l'embargo delle armi, no-fly zone e protezione della popolazione libica da attacchi o da minacce di attacco.

Il Comando del Task Group per le operazioni navali italiane era stato affidato dapprima al contrammiraglio Gualtiero Mattesi, già comandante del Gruppo Navale Nato Uno (Snmg1) - imbarcato su nave comando e supporto logistico Etna fino al 31 maggio, e successivamente all'ammiraglio di divisione Filippo Maria Foffi, imbarcato sulla portaerei Garibaldi fino al 26 luglio e sulla nave anfibia San Giusto dal 27 luglio sino ad oggi.

Nel corso della missione sono state 16 le unità navali italiane impegnate nelle operazioni. Gli elicotteri della Marina imbarcati sulle navi italiane hanno volato complessivamente per 3.311 ore, i caccia a decollo verticale Av-8 Harrier per 1.223 ore totali.

Il capo di stato maggiore della Marina ha poi aggiunto: «Quanto avete fatto deve essere d'esempio per la Nazione» ha dichiarato l’ammiraglio Branciforte parlando ai reduci della missione. «Avete dimostrato quanto strategicamente è importante uno strumento navale in grado di intervenire ovunque e in poco tempo. Le operazioni in Libia – ha concluso - hanno fatto chiarezza sulle reali capacità della Marina».
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Riparte oggi la serie A

Inizia alle 18.00 il campionato di serie A con Chievo-Juventus, alle 20.45 Roma-Fiorentina

Europa League, per Inter, Fiorentina, Napoli e Torino avversari abbordabili

Nerazzuri con Dnipro, St-Etienne e Qarabağ . Lasquadra di Benitez sfiderà Young Boys, Sparta Praga e Slovan Bratislava

Bimbo ucciso in Val Brembana, è stata ritrovata morta anche la madre

Nella tenda dove è stato ritrovato il bambino c’erano anche farmaci antidepressivi

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Consigli utili per smettere di rimandare sempre tutto

Procrastinare per molti è un vero e proprio modus vivendi, ecco come fare per smettere
SHARE

L’app che ti dice se sei dipendente dal tuo smartphone

Moment calcola tutto il tempo che passate interagendo con lo smartphone. Più di quanto credete
SHARE

Quattro cibi che mangiate in modo sbagliato

Il sushi, per esempio, non lo indovina nessuno. Stessa cosa per ramen e cibo indiano. Una guida
SHARE
Convinzioni diffuse

L’atlante degli stereotipi in Europa

Cosa pensano gli Europei dell’Europa? Queste venti mappe mostrano tutti i pregiudizi più radicati
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Cosa significa in pratica essere in deflazione

Se i prezzi scendono, per le famiglie ci sono più svantaggi che vantaggi

Come attrezzare ogni aula con banchi in piedi

Secondo i ricercatori farebbero bene alla salute dei ragazzi, ma anche a quella degli adulti

Batistuta shock: "Chiesi di tagliarmi le gambe, urinavo nel letto"

Il dramma del bomber argentino ex Fiorentina, Roma e Inter: "Non riuscivo più ad alzarmi dal letto, vidi Pistorius e pensai che qu