Blog di

di Alessia Barbiero

Guida ai nuovi serial inglesi

Blog post del 5/03/2012

States, States e ancora States. Quando si parla di serialità televisiva va da sé che si finisca per guardare all'America. Del resto alcune delle serie che hanno rivoluzionato la televisione (prima Twin Peaks, poi Lost, solo per citarne due che hanno fatto "epoca") sono state prodotte qui. Eppure negli ultimi anni anche nel Vecchio Continente qualcosa si è mosso. E in particolare in Gran Bretagna. Le serie TV inglesi da molti vengono considerate di seconda categoria, forse perché non pubblicizzate come i grandi colossi americani, forse perché meno dinamiche. Tuttavia molte serie britanniche offrono davvero qualcosa di nuovo nel panorama televisivo mondiale.

Diverse, tanto diverse dalle sorelle americane le serie inglesi puntano quasi sempre su un maggiore coinvolgimento psicologico e affascinano per le loro sceneggiature convincenti, le trame innovative e soprattutto per la cura dei dettagli. La fotografia inglese, rispetto a quella americana, è molto più desaturata (con i colori spenti, che tendono al bianco e nero, per intenderci), scelta che conferisce un maggiore pathos e un'atmosfera più intensa rispetto agli scintillanti colori di New York e delle altre città statunitensi.

In queste settimane molti show americani stanno abbracciando la usuale pausa per girare gli episodi della seconda metà della midseason: se siete a corto di serie da vedere, perché non iniziarne una britannica? I serial made in UK, altro grande vantaggio, si "masticano" velocemente: contano di norma 4-6-8 episodi a stagione, sono ben più corti di quelli americani (i formati dei drama oscillano intorno ai 24 episodi a stagione).

Ecco, dunque, una breve guida delle serie british degli ultimi anni.

Si parte con le serie già consolidate anche nel Bel Paese, come Dr. Who e il suo spin-off Torchwood, Luther con un incredibile Idris Elba (ai più noto per il suo ruolo nella americana The Wire) e Misfits, la rivoluzionaria serie sui disadattati dai poteri soprannaturali. E ancora Strike Back Project Dawn, la serie post 11 settembre raccontata in chiave europea.

Ci sono le serie che gli States hanno copiato, come The Office, la comedy mockumentary da cui è nata l'omonima versione made in USA. O Skins, il teendrama riadattato anche oltreoceano.

Tra le serie più recenti (negli ultimi due anni) ecco la mia top five, quelle che per me vale la pena vedere:

1. Downton Abbey

E' una serie a cui leggendo la trama non avrei dato due lire. Un po' perché non sono un'appassionata di serie in costume, un po' perché a primo acchito la serie si mostrava per tutto il suo lato tradizionalista. E invece. Downton Abbey è una miniserie che se da un lato glorifica le divisioni di classe dell’età edoardiana e dipinge con tratti delicati l’aristocrazia del periodo, dall'altro è un'apologia all’evoluzione in termini di consapevolezza, diritti e ambizioni della figura femminile. Il tutto fornendo una buona panoramica della Storia dell'Inghilterra. Per saperne di più ecco la mia recensione.

2. Sherlock

Più che una miniserie è un grande film, ogni stagione è divisa in tre puntate da un'ora e mezza l'una. Le prime due stagioni sono sensazionali, con un Benedict Cumberbatch nei panni di Sherlock davvero strepitoso. Una serie curatissima in ogni dettaglio, a partire dalla fotografia.

3. Prisoners' Wives

Delicata, perché al femminile. Cruda perché Prisoners' Wives è una rigida e asettica rappresentazione di come crolla il mondo di una donna quando il suo marito finisce dietro le sbarre. Storie diverse, storie di drammi, storie di ricostruzioni ma senza strilli, senza "sceneggiate", raccontata con rigore. La prima stagione è di sei puntate, trasmessa attualmente dalla BBC.

4. Inside Man

Inside Man è una nuovissima serie inglese, composta da soli 4 episodi, due dei quali sono già stati trasmessi in Gran Bretagna. E' la storia di tre impiegati di un deposito di sicurezza che programmano il colpo della vita per diventare multimilionari. Flashback che si alternano al tempo presente, mistero, qualche colpo di scena caratterizzano l'inizio di stagione. Fa ben sperare, insomma.

5. Public Enemies

Dopo la prima puntata l'avrei consigliata a tutti presa da una gran foga. Public Enemies è ben fatta e permette al telespettatore di calarsi nella storia (chi nei panni di Paula Radnor, ufficiale di libertà vigilata, chi nei panni di Eddie MottramMottram che esce di prigione dopo 10 anni di reclusione per aver ucciso la fidanzata 17enne). Ma la serie ha un difetto: è cortissima, solo tre puntate. Il finale di stagione è dunque un po' buttato lì, fatto di corsa. Ma vale la pena lo stesso: una serie dall'ottimo potenziale, nonostante il finale.


E voi, avete qualche serie british da consigliare?

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Lun, 05/03/2012 - 15:29
Sì: Mad Dogs, con i mitici John Simm e Philip Glenister, gli stessi attori che avevano interpretato Sam Tyler e Gene Hunt nella mitica Life on Mars. La storia di quattro tizi che si ritrovano in una storiaccia di criminalità organizzata dopo essere andati a trovare un loro amico a Maiorca.
SHARE
Ritratto di Tyreal
Lun, 05/03/2012 - 15:47
Tyreal
Doctor Who. E' LA serie inglese per eccellenza
SHARE
Ritratto di Anonimo
Lun, 05/03/2012 - 17:11
Sherlock e Luther su tutte, tra le nuove provate Black Mirror http://www.youtube.com/watch?v=d0TmXRrDpP8
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mar, 06/03/2012 - 21:37
Sugar Rush e Lip Service.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 11/03/2012 - 08:56
Consiglio anche White chapel, poliziesco ambientato a Londra nell'omonimo distretto. Nella prima stagione indagano su un emulo di jack lo squartatore. Sono alla terza stagione.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 11/03/2012 - 08:56
Consiglio anche White chapel, poliziesco ambientato a Londra nell'omonimo distretto. Nella prima stagione indagano su un emulo di jack lo squartatore. Sono alla terza stagione.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Gio, 11/04/2013 - 05:34
Anonimo
Quello di cui tu parli è Ripper street non whitechapel...cmq lo consiglio decisamente anche io Fantastica serie!!peccato che sia cosi corta(solo 8 episodi da 1h ciascuno..)
SHARE
Ritratto di Anonimo
Lun, 20/05/2013 - 17:59
Anonimo
Si chiama Ripper Street la serie...
SHARE
Ritratto di Robcru29
Gio, 28/03/2013 - 00:28
Robcru29
[p]0
SHARE
Ritratto di Anonimo
Gio, 11/04/2013 - 01:13
Anonimo
Utopia....bomba!!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Decreto stadi, il governo pone la fiducia

Il decreto prevede misure per combattere la violenza negli stadi e stabilisce anche delle norme sull'immigrazione

Sospensione de Magistris a un passo: atti arrivati alla Prefettura di Napoli

Il ministro dell’Interno Alfano: Il prefetto procederà oggi agli adempimenti per legge

Piloti iracheni per sbaglio hanno lanciato aiuti umanitari all’ISIS

I rifornimenti erano destinati ai combattenti iracheni nella provincia di Anbar

Gli occhi di Hitchcock, ovvero l’arte di creare paura

Le scene più celebri sono quelle in cui è lo sguardo dei protagonisti a dire tutto. Ecco come fa
SHARE

Le app per trovare casa? Sono uguali a Tinder

Non solo potenziali fidanzati/amanti: con lo smartphone si possono passare in rassegna anche le case
SHARE

Lo scioglimento dei ghiacci cambierà anche la gravità

Diminuendo la massa si modifica anche la gravità. Ma non è una cosa di cui preoccuparsi. Per ora
SHARE

Il futuro come se lo immagina Hollywood (non bello)

Un’infografica raccoglie i 25 film più belli ambientati nel mondo che sarà. Il 75% è una distopia
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il documento con cui Juncker ha commissariato Pierre Moscovici

Il francese, commissario agli Affari Interni non avrà margini di manovra sul controllo del deficit

“Il mio lavoro? Do la caccia ai troll che infestano i commenti”

Moderare i siti non è semplice. Ancora più difficile è capire quando un commento supera o meno il limite della decenza e della libertà di espressione

Manifesto contro la moda di cucinare a ogni costo

Non tutti sono capaci, non tutti hanno il talento di capire i gusti degli altri. Cucinare non è semplice, quando non è necessario lasciamolo fare a chi è bravo