Blog di

di Alessia Barbiero

L'estetica telefilmica: il caso Girls

Blog post del 5/06/2012
Parole chiave: 

C'è una cosa che non ho mai capito, dei critici d'arte e dei critici televisivi: quali siano criteri del bello, perché e quando un quadro o una serie televisiva vengono definiti opera d'arte. Me lo chiedo in questi giorni quando tutto il mondo (telefilmico) si divide su Girls.

Tra l'opinione pubblica c'è chi inneggia al capolavoro e chi invece all'obbrorbio, spingendo in molti a ritenere che Girls (nuovissimo prodotto HBO, in onda in America dal 15 aprile) o la si odi o la si ami. La critica invece impazza: Girls è stata subito rinnovata per una seconda stagione. Premesso, una via di mezzo c'è, almeno per me: penso che Girls sia un prodotto interessante, ma niente di sconvolgente. E' una di quelle serie che rientra tranquillamente nella categoria del godibile, che si lascia guardare, che offre qualche spunto di riflessione alternato a qualche momento di banalità (in particolar modo le scene della stereotipatissima Jessa).

Ma la vera estetica di Girls sta in tutto quello che la circonda e che trascende da ciò che vediamo sul piccolo schermo. Girls è creata, sceneggiata e persino recitata da una venticinquenne, Lena Dunham (che sul set veste i panni della protagonista Hannah), che ormai negli States è diventata la "girl" del momento.

Una ventenne che racconta una storia di ventenni: è questo il vero fascino della serie. Una giovane che, come dice il personaggio nella prima puntata, è "la voce della sua generazione, o di una generazione".

Anche se poi - diciamocelo - è un racconto fallace. Un gruppo di ventenni figlie d'arte che raccontano i disagi di una generazione allo sbando, senza soldi, che tenta di sopravvivere nei quartieri anti-cool della Grande Mela. Non proprio realistico considerando che oltre a Lena c'è Zosia Mamet ( figlia dello sceneggiatore David Mamet), Allison Williams (figlia di Brian, famoso conduttore del telegiornale serale) e Jemima Kirke, figlia di Simon, batterista del gruppo Bad Company. Cosa c'entra?, direte. C'entra, perché nel momento in cui si inneggia al capolavoro si chiama in causa proprio questo aspetto, ovvero la capacità di una giovane di oggi di descrivere la situazione di un manipolo di donne alle prese con la crisi economica e con i disagi dell'essere squattrinate e di saperlo fare con grande realismo.

E' il classico esempio di opera d'arte contemporanea che viene apprezzata, venerata e venduta a prezzi spropositati per il significato intrinseco che qualche critico dal nome altisonante ha voluto dargli. Poi, poco importa se l'opera di per sé non è nulla di entusiasmante.

Ecco questo è il grande dilemma estetico che investe anche la TV: se bello è solo ciò che vedo, Girls rimane un medio prodotto, a tratti teen con tutte queste scene di sesso estremizzate a tratti comedy con qualche battuta esilarante, nel complesso molto meglio di tante boiate che ci sono in giro ma nulla di eccezionale. Se la categoria del bello include tutto quello che si può dire dietro allo spettacolo esibito, beh allora Girls si ritaglia un suo spazio tra i prodotti più interessanti di quest'anno e in generale degli ultimi anni, anche solo grazie a Lena. Su quale sia da prediligere come opzione, ancora non mi è chiaro. Di certo, per dirla con Kant, l'estetica di Girls può tradursi solo su un piano soggettivo: siamo ben lontani dal bello naturale (oggettivo), dal sublime.


 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Afghanistan, il nuovo presidente è Ashraf Ghani Ahmadzai

L’ex ministro delle Finanze ha vinto la corsa alla presidenza superando il rivale Abdullah Abdullah

Isis, Berlusconi: “Maggioranza degli israeliani pensa sia giusto usare atomica"

Una critica neanche troppo velata al presidente Usa, Barack Obama, la crisi Ucraina e l'emergenza Isis. L'ex Cavaliere torna

Squinzi: l'articolo 18? Frena gli investimenti. Meglio abolirlo

"Parlando in tutto il mondo ci dicono che in Italia non si può investire perché c'è l'articolo 18"

Per tradurre l’intraducibile basta ricorrere all’arte

Wordstuck è una serie di GIF che rappresenta con disegni parole straniere senza corrispondenti
SHARE

Istruzioni per imparare a scrivere in modo conciso

La brevità è fondamentale, soprattutto sul web, dove l’attenzione finisce subito. Ecco come fare
SHARE

Gli ultimi minuti prima di lasciarsi per sempre

Si intitola "Duo", ed è un video che racconta l’ultimo spettacolo di una coppia di acrobati
SHARE

Quanto tempo ci vuole per finire un libro?

Una classifica di libri basata sulla loro durata (che dipende molto dalla loro lunghezza)
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Cambiamento climatico: perché le proteste di piazza servono a poco

La mobilitazione di massa può anche avere seguito numeroso, ma gli effetti reali sulle politiche dei rispettivi Paesi sono molto scarsi. Servono altre strategie

Un album su otto in tutto il mondo: il boom dell’industria discografica Uk

Come si spiegano i numeri giganteschi di un business che si dimostra uno dei maggiori successi dell’economia del Regno Unito

Vi spiego perché spero di morire a 75 anni

Un’opinione controcorrente, una provocazione per la società e le famiglie. È un vantaggio per tutti se la natura fa il suo corso in fretta e bene