Blog di

di Alessia Barbiero

L'estetica telefilmica: il caso Girls

Blog post del 5/06/2012
Parole chiave: 

C'è una cosa che non ho mai capito, dei critici d'arte e dei critici televisivi: quali siano criteri del bello, perché e quando un quadro o una serie televisiva vengono definiti opera d'arte. Me lo chiedo in questi giorni quando tutto il mondo (telefilmico) si divide su Girls.

Tra l'opinione pubblica c'è chi inneggia al capolavoro e chi invece all'obbrorbio, spingendo in molti a ritenere che Girls (nuovissimo prodotto HBO, in onda in America dal 15 aprile) o la si odi o la si ami. La critica invece impazza: Girls è stata subito rinnovata per una seconda stagione. Premesso, una via di mezzo c'è, almeno per me: penso che Girls sia un prodotto interessante, ma niente di sconvolgente. E' una di quelle serie che rientra tranquillamente nella categoria del godibile, che si lascia guardare, che offre qualche spunto di riflessione alternato a qualche momento di banalità (in particolar modo le scene della stereotipatissima Jessa).

Ma la vera estetica di Girls sta in tutto quello che la circonda e che trascende da ciò che vediamo sul piccolo schermo. Girls è creata, sceneggiata e persino recitata da una venticinquenne, Lena Dunham (che sul set veste i panni della protagonista Hannah), che ormai negli States è diventata la "girl" del momento.

Una ventenne che racconta una storia di ventenni: è questo il vero fascino della serie. Una giovane che, come dice il personaggio nella prima puntata, è "la voce della sua generazione, o di una generazione".

Anche se poi - diciamocelo - è un racconto fallace. Un gruppo di ventenni figlie d'arte che raccontano i disagi di una generazione allo sbando, senza soldi, che tenta di sopravvivere nei quartieri anti-cool della Grande Mela. Non proprio realistico considerando che oltre a Lena c'è Zosia Mamet ( figlia dello sceneggiatore David Mamet), Allison Williams (figlia di Brian, famoso conduttore del telegiornale serale) e Jemima Kirke, figlia di Simon, batterista del gruppo Bad Company. Cosa c'entra?, direte. C'entra, perché nel momento in cui si inneggia al capolavoro si chiama in causa proprio questo aspetto, ovvero la capacità di una giovane di oggi di descrivere la situazione di un manipolo di donne alle prese con la crisi economica e con i disagi dell'essere squattrinate e di saperlo fare con grande realismo.

E' il classico esempio di opera d'arte contemporanea che viene apprezzata, venerata e venduta a prezzi spropositati per il significato intrinseco che qualche critico dal nome altisonante ha voluto dargli. Poi, poco importa se l'opera di per sé non è nulla di entusiasmante.

Ecco questo è il grande dilemma estetico che investe anche la TV: se bello è solo ciò che vedo, Girls rimane un medio prodotto, a tratti teen con tutte queste scene di sesso estremizzate a tratti comedy con qualche battuta esilarante, nel complesso molto meglio di tante boiate che ci sono in giro ma nulla di eccezionale. Se la categoria del bello include tutto quello che si può dire dietro allo spettacolo esibito, beh allora Girls si ritaglia un suo spazio tra i prodotti più interessanti di quest'anno e in generale degli ultimi anni, anche solo grazie a Lena. Su quale sia da prediligere come opzione, ancora non mi è chiaro. Di certo, per dirla con Kant, l'estetica di Girls può tradursi solo su un piano soggettivo: siamo ben lontani dal bello naturale (oggettivo), dal sublime.


 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Contro il declino dell’umanità boicottate “Chick chick”

La nuova canzone è un passo in avanti verso il baratro. Nel nostro piccolo, cerchiamo di impedirlo
SHARE

Jessica Minh Anh: sfilate strane per combattere la noia

In cima alla Torre Eiffel o nel Grand Canyon: la modella cerca nuovi spazi per la creatività
SHARE

Storia dei prodotti domestici: una guida visuale

I processi chimici trasformano le materie prime dell’agricoltura in tutt’altro. Ecco come fanno
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Perché non fare il bersaglio umano per una ditta di paintball inglese?

Una proposta poco allettante in realtà, ma la paga è buona: 40mila sterline pro rata

L’amore ai tempi della guerra in Ucraina

Le persone si innamorano con la pace e con la guerra: un universo privato di affetti per sfuggire alle follie e alle ingerenze della geopolitica

Cosa succede nel mio villaggio, terrorizzato da Boko Haram

Attacchi quotidiani, uccisioni tremende e spaventose. Se l’obiettivo era disseminare la paura, ci sono riusciti benissimo