Blog di

di Alessia Barbiero

La voce dei lettori: le serie TV consigliate - puntata 7

Blog post del 22/08/2011

L'estate non è finita e il tempo per recuperare serie televisive celebri non è ancora scaduto. Ecco altri consigli dei lettori di Linkiesta sui programmi davvero imperdibili.


The IT Crowd:

Mi piace molto The IT Crowd perché è una commedia di umorismo inglese con situazioni davvero folli che però in alcune occasioni possono risultare familiari per le persone che lavorano con i geeks. Sono stagioni brevi, di sei episodi e davvero volano, lasciandoti sempre il desiderio di vederne altre. I protagonisti sono divertenti e ragionano in un modo non del tutto normale, cosa che rende le situazioni davvero imbarazzanti.

Jesus


Più che una serie ti dico tre serie in una. Stargate, che ha iniziato essendo un film, che si è convertita in una serie (Stargate SG-1), che ha prodotto uno spin-off (Stargate Atlantis) e che quando sembrava arrivare alla fine ne ha prodotto un secondo (Stargate Universe).

Ragioni:
-Perché amo la fantascienza e Stargate è il miglior esempio di serie tv di questo genere
-perché la serie supera di gran lunga il film. Cosa che succede raramente
-perchè vedere McGyver (Richard Dean Anderson) che salva la galassia a bordo di navi spaziali non ha prezzo.

David


Montalbano

Paesaggi, mare e si mangia da dio. Mi fa sentire sempre in vacanza.

Francesco

La più sottovalutata delle serie italiane recenti è senza dubbio "Buttafuori", creata nel 2006 dal trio Ciarrapico-Torre-Vendruscolo. Si tratta degli stessi autori che di lì a poco si sarebbero consacrati con "Boris", e già in "Buttafuori" sono presenti i tratti caratteristici del loro stile. La serie (8 puntate da 30 minuti che furono trasmesse su RaiTre e ora potete facilmente recuperare in rete) è girata interamente in piano sequenza e vive sui dialoghi surreali di Sergej e Cianca, imperterriti piantoni della discoteca "Ufo" interpretati rispettivamente da Marco Giallini e Valerio Mastandrea: navigato e strafottente il primo, impulsivo e malinconico il secondo. Non c'è una vera e propria storia, ma semplicemente un filo conduttore, un po' come avviene in "Camera Cafè". Questo fa sì che ogni scena sia in sè conclusa e brilli di luce propria, con la sua carica di sarcasmo e le sue battute-cult da imparare rigorosamente a memoria. E' una serie a suo modo sofisticata, pensata non per le masse (infatti non ha avuto molto successo nel suo passaggio televisivo) ma per spettatori culturalmente più preparati della media.

Mark Lenders

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

I separatisti abbattono un aereo militare ucraino

Lo ha riferito il portavoce militare ucraino in televisione. Non si conosce la sorte del pilota

Obama: gli Usa continueranno a combattere il Califfato, “il mondo è inorridito”

La diretta video dell’intervento di Barack Obama dopo l’uccisione del giornalista James Foley

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE

I lavori che in futuro lasceremo fare ai robot

L’automazione fa passi da gigante: le macchine rimpiazzeranno insegnanti, conducenti e attori?
SHARE

Il marxismo spiegato con Super Mario

Il plusvalore e l’alienazione raccontati in un simpatico video ispirato all’idraulico della Nintendo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il traffico delle armi nel mondo, chi compra e chi vende

La Stampa presenta un’infografica interattiva sulle armi, e gli intrecci tra i Paesi produttori e Paesi compratori

Perché ci sono aerei che sorvolano le zone di guerra

Le compagnie non hanno uno standard di rischio unico. Ognuna adotta una sua policy, e molte sono da rivedere

Sulla facebookizzazione di Twitter e la twitterizzazione di Facebook

I due social network sono nati per rispondere a dinamiche diverse della rete, ma con gli anni hanno cominciato a copiarsi sempre di più