Blog di

di Paolo Bottazzini

Elezioni americane: social media, politici e lobby

Blog post del 27/04/2011

Le elezioni presidenziali americane sono sempre più una questione di presidio dei social media. Obama ha insegnato a tutti nel 2008 l’efficacia di comunicazione e di reclutamento fondi che si può ottenere con l’uso accorto di Twitter e di Facebook. Il finanziamento della sua campagna elettorale si è fondato sulle micro-donazioni che provenivano dai contatti numerosissimi raggiunti con i social media, e dalla loro forza di diffusione virale.

Due tra i candidati più quotati per le primarie repubblicane sono già partiti: il video di apertura della campagna di Mitt Romnet su YouTube ha già superato le 125 mila visualizzazioni – mentre la pagina su Facebook di Tim Pawlenty ha oltrepassato gli 85 mila fans. Se li si considera nella loro efficienza nella generazione di contatti comunicativi, i social media sono formidabili: la comunicazione senza parole del deputato democratico Crowley ne è una prova. Il suo discorso muto di un minuto divulgato su YouTube dal 14 aprile ha già raccolto più di 270 mila visualizzazioni. Impossibile nascondere una certa invidia per i cittadini americani, che possono ancora contare su politici che affidano alla potenza icastica della scrittura il loro sdegno e non alle urla sguaiate dei talk show.

Naturalmente anche Obama ha già avviato il percorso che spera lo conduca alla conferma con un secondo mandato con un rinnovato slancio digitale: l’obiettivo è sempre quello di ricercare una relazione diretta con gli interlocutori, almeno nel senso che il termine diretto può aspirare ad avere nelle comunità virtuali. Tuttavia, il primo grande passaggio per il mondo digitale si è consumato proprio nella sede centrale di Facebook, dove il 20 aprile Obama ha risposto alle domande di Zuckerberg, dei suoi collaboratori e degli utenti che seguivano l’evento live tramite il sito di Facebook e della Casa Bianca.

Il discorso del presidente accanto ad un disinvolto Mark Zuckerberg in jeans ha riscosso ampia copertura da parte dei media, come Linkiesta ha riportato puntalmente. Meno attenzione invece è stata dedicata all’investimento che Facebook sta producendo nel corso del 2011 in attività di lobbying, proprio in coincidenza con l’apertura della campagna elettorale. Nel corso dell’intero 2010 Zuckerberg ha profuso 350 mila dollari in pressioni sui politici, con una crescita del 29% rispetto al 2009; ma nel solo primo trimestre del 2011 i dollari investiti sono già stati 230 mila, con una crescita del 400% rispetto ai 41.390 dello stesso periodo del 2010. I numeri provengono dal lobbying database del Senato americano. Gli ultimi interessi di Facebook riguardano gli investimenti per il supporto dello sviluppo hign-tech in Oregon, dove la società di Zuckerberg ha appena inaugurato un super efficiente data center.

Ma l’impegno lobbystico di Facebook è nulla se lo si confronta con quello dei giganti della tecnologia, come Microsoft e Google. A marzo Thomas Rosch della Federal Trade Commission ha spiegato che è in corso un’indagine volta a regolamentare i metodi di prelievo delle informazioni private messi in opera da Google, Facebook, Apple e Microsoft. In questo ambito si spiega l’intensa attività di pressione condotta da Mountain View: Google ha investito in azioni di lobbying 5,2 milioni di dollari nel corso del 2010; nel primo quarto del 2011 la spesa ammonta già a 1,48 milioni, 100 mila dollari in più rispetto allo stesso periodo del 2010. In particolare, l’attenzione di Page&soci si è concentrata negli scorsi tre mesi sulla regolamentazione della pubblicità on-line, sulla proprietà intellettuale e sulla protezione dei marchi, sulla sicurezza informatica e sulla privacy digitale, sulle energie rinnovabili, sulla censura, sulla concorrenza nel mercato on-line, sul cloud computing, sulla riforma fiscale, sull’accesso a banda larga.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti

Perché crediamo di capire i sentimenti dalle espressioni e sbagliamo

Nuovi studi dimostrano che la capacità di intuire i pensieri e le emozioni del prossimo dal suo sguardo sono molto più limitate di quanto si pensi