Blog di

Paesaggi dello Stivale di Gianmaria Sforza

GIÙ IL MURO, SU LA PIAZZA! A Verona un progetto lo-fi.

Blog post del 21/12/2011

Gli architetti talvolta fanno pensate spensierate, ossia si occupano di questioni molto serie ma con sapiente leggerezza, frutto di una intelligenza creativa e felice che rivoluziona le variabili in gioco e le ricombina in nuove  e buone prospettive. 

I progetti d'architettura, o di paesaggio come in questo caso, di urban design, provano ad eludere così ogni forma di pesantezza, spesso solo burocratica, puntando all'immaginazione e realizzando con poche risorse e in tempi strettissimi. Praticamente un miracolo. Di questi tempi ce ne vorrebbero!

Nel quartiere di Porto San Pancrazio a Verona lo scorso sabato 17 dicembre si è inaugurato il primo passo del progetto VERONA RELOAD, programma urbano promosso da Marant Srl G.M.B.H. finalizzato ad attivare soluzioni di riuso per l’ex Magazzino FS Porta Vescovo ed il Parco Adige Sud. Nell'area è situato il più importante presidio di approvvigionamento ferroviario del Nord Italia. In quel luogo città e produzione si sono dati le spalle: dentro un raffinato sistema logistico capace di gestire oltre sessantamila contenitori di pezzi di ricambio, fuori un quartiere nato operaio e cresciuto fino a saturare tutto lo spazio compreso, anzi compresso, tra ferrovia fiume e magazzino. 

Aspro Studio (Claudio Bertorelli, Nicola Mattarolo) in soli quattro giorni di cantiere mette in campo una strategia, intrigante e maliziosa, e molto furba, per un un luogo cerniera tra Porto San Pancrazio e l’immensa area tutta da ripensare. Un progetto pioniere nel percorso di candidatura di Venezia con il Nordest a Capitale Europea della Cultura 2019. 

Il più grande spazio pubblico del quartiere prende le sembianze di un campo invernale: il terreno arato, l'orto di verze, un riparo appollaiato sull’albero per bambini molto rampanti. Un'ottima simulazione?

I progettisti assicurano che cambierà assetto a ogni cambio di stagione, estendendosi fino ad occupare tutto il grande spazio di manovra degli autotreni e prendendo colori, ragioni, e funzioni diverse a seconda degli usi che gli abitanti vorranno. Un progetto dunque anche partecipato, insomma; riuscirà a non arenarsi nei meccanismi tortuosi della partecipazione, richiamando diversamente l'attenzione degli stessi abitanti, sorpresi da un progetto molto terra terra che con poco cambia il loro pezzo di città?

Se sarà così, il miracolo si ripeterà, ma noi ci crediamo! Anzi speriamo che mantenga quell'aria spensierata che non hanno mai le nostre periferie italiane, o forse nessuna. Di questi tempi magri e bui, meglio non dubitare di fronte a un ottimo inizio.

(Foto di Nico Covre)

COMMENTI /

Ritratto di raffaella
Ven, 30/12/2011 - 10:40
raffaella
sembra davvero un buon inizio! bravi
SHARE
Ritratto di PG SLIS
Sab, 31/12/2011 - 12:27
PG SLIS
Naturalmente.....
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

I convogli russi entrano in Ucraina: la condanna dell’Ue e del Pentagono

Putin risponde ad Angela Merkel: "Ulteriori ritardi sarebbero stati inammissibili"

Gaza, un colpo di mortaio uccide un bambino israeliano

Finora le vittime israeliane erano 46 in totale, di cui 44 soldati. Le vittime palestinesi sono, secondo l'ultimo bilancio, 2092

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Ice Bucket Challenge: perché tutti fanno docce fredde?

Un’iniziativa benefica per combattere la Sla è diventata un fenomeno globale. Ma ci sono critiche
SHARE

Come il cambiamento climatico influenza le tue vacanze

È un aspetto frivolo, ma anche il turismo viene condizionato dal climate change. Qui si spiega come
SHARE

Mai più online: una guida per chi vuole sparire dal web

Se la vita in rete vi ha stancato e desiderate la privacy di una volta, basta staccarsi. Si può fare
SHARE

Regole per vestirsi bene e avere successo nella vita

L’abito fa il monaco: il modo in cui ci si veste influenza il giudizio che gli altri hanno su di noi
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Viaggio nella prigione dorata di Pablo Escobar, il re dei narcotrafficanti

Il signore della droga colombiano, in cambio della resa, ottenne di potersi costruire una prigione. Ci ha messo una discoteca, una cascata e animali a volontà

Diete: i ricchi fanno esercizio, i poveri prendono pillole dimagranti

I meno agiati sono più obesi, soprattutto negli Usa. L’incertezza economica rende più difficile pianificare l’attività fisica e l’acquisto di cibi più salutari

Il declino dei cristiani d’Iraq: dal 1970 sono diminuiti di quattro volte

Persecuzioni, eccidi e fughe hanno ridotto in modo drastico la popolazione