Blog di

Paesaggi dello Stivale di Gianmaria Sforza

L'arte contemporanea riapre un vecchio cinema di Milano. Ora che farne?

Blog post del 31/12/2011

Corrono tempi duri per i cinema in Italia, anche per quelle particolarmente belle, e centralissime. Sono forse spazi difficili da mantenere, convertire, riempire di gente, ripensare? O forse essendo spazi meno banali, convenzionali, qualcuno, sbagliando, pensa che non siano più indispensabili alla vita di una città moderna. Forse basterebbe immaginarne un uso ulteriore, combinato ad altre micro-funzioni, anche vista la loro capacità e dimensione. Un programma ibrido che funziona a diverse ore del giorno, in diversi periodi dell'anno. Non sarebbe male.

Pipilotti Rist, celebre artista svizzera, chiamata dalla Fondazione Nicola Trussardi e dal suo curatore Massimiliano Gioni, ha trasformato il Cinema Manzoni di Milano in una enorme creatura vivente, sfavillante, mescolando cinema e televisione, allucinazioni e immagini ad alta definizione. Una nuova pelle di proiezioni luminose ha rivestito ogni superficie, piccoli e grandi ambienti, dai bagni alle scale, al bar, al foyer, ai vetri delle rare aperture.

La mostra ha chiuso da poco, lo scorso 18 dicembre e se ve la siete pers forse forse è un peccato; potrebbe esser stata l'ultima opportunità per visitare questo gioiello d'architettura d'interni, chiuso dal 2006 ( mentre sotto al foyer è ancora attivo il Teatro Manzoni, per spettacoli di grande richiamo...)

Anche a vederli anche così, come qui sotto, nudi e crudi, senza spettacolo e senza arte contemporanea, questi spazi sono davvero sorprendenti, d'altri tempi, ma tutti da desiderare anche oggi, davvero unici e per nulla invecchiati. Difficile accettare l'idea che nessuno trovi delle soluzioni, o si muova per trovare delle risorse, delle idee per sfruttarne le potenzialità.

Probabilmente mancano come spesso solo buone idee, una diversa creatività imprenditoriale, prima ancora dei soldi, che sono spesso un'alibi per non investire e non rischiare; allora meno male che ci sono certi soggetti privati che per amore dell'arte fanno immaginare altri modi di far vivere questi spazi grandiosi.

Sarà un ulteriore segno della decadenza, oppure di un'epoca che è passata? Forse dovremmo anche noi, come i soliti, dire che il futuro dei cinema sta nei multisala decentrati, dove la visione del film, lo spettacolo vero e proprio, è solo il pretesto per un pacchetto di servizi dedicati al consumo spiccio di sostanze e beni svariati, solo apparentemente accessori: ristorazione, intrattenimento, shopping, chilling out, etc.

Noi restiamo dubbiosi, anzi sospettosi. In altri paesi i vecchi cinema sono l'icona di una città, e in molti casi sono tuttoggi in funzione. Invece che essere oggetto di curiosi interventi di restyling ad opera grandi firme (Metropol?), o stravolti da fantasiose riconversioni, sono salvaguardati semplicemente mantenendoli in funzione, senza banalizzare oltre ai contenuti anche il contenitore! 

Magari associando all'uso originario altre attività, anche molto alla moda oggi in giro per il mondo, che possono funzionare in simbiosi e ne possono garantire la sopravvivenza per quello che sono. Perché non aprirli a tutte le ore del giorno e della notte, insediando nuove funzioni? Perché non fare lì grandi spettacoli e costruire un'offerta culturalmente attraente e variegata? O ancora meglio ospitare manifestazioni legate al cinema...

Con gli architetti che girano, ogni progetto di recupero o di conversione non può che snaturare l'originale, soprattutto se questi gioielli, nella migliore delle ipotesi, diventano multisala, in qualche caso dei megastore, o altre bizzarrie commerciali, quando potrebbe restare così per sempre, offrendoci una bellezza da vivere per una volta intoccata dal tempo, e dai tempi...

COMMENTI /

Ritratto di Gianmaria Sforza
Lun, 09/01/2012 - 16:32
polisforza
<p>Sul sito della Fondazione Nicola Trussardi trover&agrave; l&#39;informazione che cerca. Noi non l&#39;abbiamo verificata ;-)</p>
SHARE
Ritratto di Gianmaria Sforza
Dom, 15/01/2012 - 10:37
polisforza
<p>Al Teatro Manzoni (interrato) si accede passando per il foyer d&#39;ingresso, e &egrave; ancora attivo per spettacoli teatrali di grande richiamo e eventi, quelli a cui lei fa riferimento in questo commento. Il Cinema Manzoni invece&nbsp;(dal foyer si sale) &egrave; quello a cui ci riferiamo in questo articolo), &egrave; chiuso dal 2006.</p>
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Usa, sparatoria davanti alla sede NSA in Maryland

Un suv cerca di forzare l’ingresso: almeno due feriti

Allarme bomba, aereo Turkish Airlines diretto a San Paolo atterra a Casablanca

Il volo era partito da Istanbul. Durante la traversata è stata trovata una nota che diceva che una bomba era nascosta in uno dei bagni

Arresto sindaco Ischia, la coop finanziava D’Alema e gli comprava libri e vino

L'ex presidente Ds, non indagato, citato nell'inchiesta che ha portato in carcere il sindaco Pd di Ischia per i suoi rapporti con la coop rossa Cpl Concordia

Smemoranda

I negativi di maicol&amp;mirco

Maicol&amp;mirco negativi scarabocchi smemoranda

Confondi spesso destra e sinistra? Ecco perché

È un operazione più complessa di quanto sembri. E a volte sbagliare può provocare veri disastri

Il fascino (molto) nascosto dei codici aeroportuali

Perché Malpensa è MXP e Toronto YYZ? Lo spiega un sito che potrebbe anche riempire le vostre serate

Per andare al centro della Terra la strada è questa

In un’infografica della Bbc si simula il percorso dalla superficie al centro. È molto interessante

Hemingway non ha mai scritto quella storia

Viene celebrata come la short story perfetta e attribuita allo scrittore Usa. È tutta un’invenzione

PRESI DAL WEB

Istat, la fiducia dei consumatori al massimo dal 2002

Migliorano le aspettative: la componente economica è quella più consistente

L’aberrante post di Beppe Grillo: Lubtiz è come Renzi, che ci guida al disastro

La tragedia della Germanwings ha ispirato l’ex comico ligure suggerendo un paragone quantomeno indelicato: l’uomo solo al comando e lo schianto finale

Zayn Malik lascia gli One Direction: i fan sono sconvolti

Il membro del gruppo amato dai teenager ha deciso, dopo cinque anni, di lasciare i suoi compagni. "Desidero avere la vita di un 22enne normale. E rilassarmi"