Blog di

Paesaggi dello Stivale di Gianmaria Sforza

Per pochi giorni ancora a Milano una scultura monumentale. Tutta da camminare.

Blog post del 22/01/2012

Una scultura grande come un edificio, in cui si entra da una bocca alta otto metri e poi si cammina in un buio sempre più nero per sessanta metri che sembrano non finire mai. L'esperienza è quella di perdersi in un ventre metallico, scoprendo cosa cambia della nostra percezione dello spazio, procedendo nell'incertezza fino a un uscita che affiora dal fondo come un'apparizione quando la paura del nulla inizia a farsi sentire. All'esterno, invece, nel tempo sull’opera si è rovescata progressivamente una montagna di terra trasportata da un sistema di nastri mobili.

Dirty Corner è una scultura monumentale, l'installazione site-specific dell'artista anglo indiano Anish Kapoor appositamente realizzata per la mostra di Milano che ancora per pochi giorni, fino a fine mese, si potrà visitare nella "cattedrale" della Fabbrica del Vapore a Milano. Realizzata con il supporto della Galleria Continua, di Lisson Gallery e della Galleria Massimo Minini, è promossa e prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’Assessorato Sport e Tempo libero con la società di produzione artistica MADEINART.

Quello che nessuno vede mai sono le fasi di montaggio, assemblaggio, allestimento di questi grandi lavori d'arte contemporanea, che vi mostriamo qui sotto. Non sono forse già interessanti i grandi pezzi arrugginiti di acciaio cor-ten che ritagliano lo spazio in modo così affilato? Potrebbero forse restare così, senza ricomporsi nella grande scultura? Con un grande lavoro invece hanno finito per racchiudere uno spazio che è condizione di un'esperienza irripetibile, davvero unica.

Attorno all'opera in questi mesi si sono alternati incontri, proiezioni, laboratori, performance, concerti, un'ottima occasione per vedere finalmente la Fabbrica di Vapore in alcuni casi perfino affollata. L'opera ha richiamato un grande pubblico ma soprattutto ha ispirato un programma molto ricco di eventi, per tutti i gusti. Se non siete ancora entrati, trovate un po' di tempo per provare questa forte emozione. Ne vale davvero la pena.

COMMENTI /

Ritratto di misterfa
Sab, 28/01/2012 - 12:39
misterfa
bella la fase delle mazzate!
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mer, 01/02/2012 - 14:51
Gianmaria, stessa esperienza provata in una ex galleria strada ferrara (150mt di lunghezza) vicino Sortino (Pantalica). Incredibile esperienza. Saluti, Salvatore D'Agostino
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Messico: caso studenti scomparsi, lascia il governatore Aguirre

Ha annunciato giovedì le sue dimissioni, per favorire l'inchiesta sulla sparizione di 43 studenti di una scuola, avvenuta un mese fa

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti