Blog di

Paesaggi dello Stivale di Gianmaria Sforza

Per pochi giorni ancora a Milano una scultura monumentale. Tutta da camminare.

Blog post del 22/01/2012

Una scultura grande come un edificio, in cui si entra da una bocca alta otto metri e poi si cammina in un buio sempre più nero per sessanta metri che sembrano non finire mai. L'esperienza è quella di perdersi in un ventre metallico, scoprendo cosa cambia della nostra percezione dello spazio, procedendo nell'incertezza fino a un uscita che affiora dal fondo come un'apparizione quando la paura del nulla inizia a farsi sentire. All'esterno, invece, nel tempo sull’opera si è rovescata progressivamente una montagna di terra trasportata da un sistema di nastri mobili.

Dirty Corner è una scultura monumentale, l'installazione site-specific dell'artista anglo indiano Anish Kapoor appositamente realizzata per la mostra di Milano che ancora per pochi giorni, fino a fine mese, si potrà visitare nella "cattedrale" della Fabbrica del Vapore a Milano. Realizzata con il supporto della Galleria Continua, di Lisson Gallery e della Galleria Massimo Minini, è promossa e prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’Assessorato Sport e Tempo libero con la società di produzione artistica MADEINART.

Quello che nessuno vede mai sono le fasi di montaggio, assemblaggio, allestimento di questi grandi lavori d'arte contemporanea, che vi mostriamo qui sotto. Non sono forse già interessanti i grandi pezzi arrugginiti di acciaio cor-ten che ritagliano lo spazio in modo così affilato? Potrebbero forse restare così, senza ricomporsi nella grande scultura? Con un grande lavoro invece hanno finito per racchiudere uno spazio che è condizione di un'esperienza irripetibile, davvero unica.

Attorno all'opera in questi mesi si sono alternati incontri, proiezioni, laboratori, performance, concerti, un'ottima occasione per vedere finalmente la Fabbrica di Vapore in alcuni casi perfino affollata. L'opera ha richiamato un grande pubblico ma soprattutto ha ispirato un programma molto ricco di eventi, per tutti i gusti. Se non siete ancora entrati, trovate un po' di tempo per provare questa forte emozione. Ne vale davvero la pena.

COMMENTI /

Ritratto di misterfa
Sab, 28/01/2012 - 12:39
misterfa
bella la fase delle mazzate!
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mer, 01/02/2012 - 14:51
Gianmaria, stessa esperienza provata in una ex galleria strada ferrara (150mt di lunghezza) vicino Sortino (Pantalica). Incredibile esperienza. Saluti, Salvatore D'Agostino
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Termini Imerese, ecco il piano: componenti e auto, investimenti di 300 milioni

Auto ibride, saranno prodotti due modelli entro giugno/settembre 2018. L'assorbimento occupazionale è previsto per circa 800 lavoratori

È morto Joe Cocker

Aveva 70 anni, era malato da tempo

Pubblicità ingannevole: dall’Antitrust mezzo milione di multa a Tripadvisor

Le motivazioni: claim che enfatizzano la genuinità dei commenti e procedure di controllo inadeguati a contrastare il fenomeno delle false recensioni

Le cose più assurde di un paese assurdo

Dal grandioso esercito alle spese in Cognac del fu Caro Leader, qualche dato sulla Corea del Nord
SHARE

Ballare coi computer

Lo spettacolo di danza Pixel di Adrien Mondot e Claire Bardainne
Una spettacolare performance di danza che mescola corpi veri e proiezioni digitali
SHARE

Il papà di tutti gli zombie: La notte dei morti viventi

Cervelli che ritornano? Ce ne sono parecchi nel capolavoro di Romero, ora di pubblico dominio
SHARE

Arte da nevrotici, quando l’ordine prevale su tutto

L’artista svizzero cerca di dare un ordine al caos del mondo: tentativo provocatorio ma interessante
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Due poliziotti uccisi a New York: cosa sappiamo finora

Il sospettato, Ismail Brinsley, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori