Blog di

Paesaggi dello Stivale di Gianmaria Sforza

A Roma tettoie e vasi posticci intaccano capolavori. A che pro?

Blog post del 11/03/2012

A Roma zigzagando per il centro è impossibile non imbattersi in un capolavoro dietro l'altro, non solo d'architettura. Nel museo a cielo aperto più famoso d'Italia, con un po' d'astuzia negli orari e negli itinerari, si può perfino evitare la calca dei turisti fotografanti e godersi l'incantesimo di continui scorci di rara bellezza. Ma una domenica del dicembre scorso camminando dalle parti di Piazza Navona siamo passati, come evitarlo, per Santa Maria della Pace.

Immaginate la nostra sorpresa - è un eufemismo - nel vedere il cortile del Bramante occupato da questa struttura posticcia che già sarebbe intollerabile vedere in altri contesti, figuriamoci qui, e che ne compremette del tutto la visione. C'è da chiedersi, invece dei soliti discorsi triti e ritriti sulla tutela dei monumenti, come cose del genere siano oggi possibili proprio nella capitale sotto gli occhi di tutti. Chi concede i permessi per questo genere di installazioni, che solo in teoria sono temporanee, e poi di fatto restano per molto tempo?

Allora ce ne usciamo a consolarci con la vista della facciata di Pietro da Cortona ma una fila di fioriere occupa quasi intergralmente le scale di accesso al portico, lasciando libero solo un piccolo passaggio, e così mascherano l'attacco a terra e lo sviluppo delle colonne.

Chi ci accompagna, di fronte alla nostra espressione sbalordita,  osserva che forse i vasi stanno lì per impedire alle persone il  sedersi all'ombra del monumento. Se fosse così davvero, ribattiamo, la cosa non avrebbe alcun senso! Sostare e sedersi in questi spazi di certo non danneggia nulla e nessuno e anzi aiuta l'esperienza e la contemplazione dell'arte.

Così procedendo ci toccherà guardare i capolavori in fotografia sui libri per carpirne l'originale bellezza? Una realtà così è troppo dura da sopportare, anche solo per gli occhi. Confidiamo nel fatto che essendo passato del tempo, e arrivata la primavera, queste immagini non corrispondano al presente. Provate a passarci e diteci se le cose stanno ancora così. In quel caso proveremo a fare qualcosa.

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Negli Usa la disoccupazione scende al 5,5%, a febbraio creati 295mila lavori

Il tasso di disoccupazione a gennaio era al 5,7%, due anni fa di poco sotto l’8 per cento

Rcs Libri accetta la trattativa con Mondadori

Il cda di Rcs Libri ha deciso di concedere a Mondadori un periodo di esclusiva per valutare nel merito l'offerta di acquisto

Escort, le intercettazioni di Berlusconi: “Stasera ho due bambine”

Sono state depositate a Bari le trascrizioni delle intercettazioni fiume effettuate dai magistrati nell'ambito del processo sulle escort

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Un giro sulle montagne russe più veloci del mondo

Le montagne russe più veloci del mondo, negli Stati Uniti
Si chiamano “Fury 325”, arrivano fino a 150 chilometri all’ora e hanno appena passato il primo test
SHARE

Immagini di suore che si divertono

Non ci sono solo preghiere e chitarrine. Queste immagini rafforzeranno la vostra fede
SHARE

Cosa postare e cosa no: guida per non rovinarsi la vita

Usare i social network non è facile come sembra: l’idea di essere tra amici è solo un inganno
SHARE

I Lego rifanno la scena migliore di Ritorno al Futuro

Un fulmine deve colpire la torre dell’orologio della città e spedire Marty McFly nel futuro
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica