Blog di

Paesaggi dello Stivale di Gianmaria Sforza

A Roma tettoie e vasi posticci intaccano capolavori. A che pro?

Blog post del 11/03/2012

A Roma zigzagando per il centro è impossibile non imbattersi in un capolavoro dietro l'altro, non solo d'architettura. Nel museo a cielo aperto più famoso d'Italia, con un po' d'astuzia negli orari e negli itinerari, si può perfino evitare la calca dei turisti fotografanti e godersi l'incantesimo di continui scorci di rara bellezza. Ma una domenica del dicembre scorso camminando dalle parti di Piazza Navona siamo passati, come evitarlo, per Santa Maria della Pace.

Immaginate la nostra sorpresa - è un eufemismo - nel vedere il cortile del Bramante occupato da questa struttura posticcia che già sarebbe intollerabile vedere in altri contesti, figuriamoci qui, e che ne compremette del tutto la visione. C'è da chiedersi, invece dei soliti discorsi triti e ritriti sulla tutela dei monumenti, come cose del genere siano oggi possibili proprio nella capitale sotto gli occhi di tutti. Chi concede i permessi per questo genere di installazioni, che solo in teoria sono temporanee, e poi di fatto restano per molto tempo?

Allora ce ne usciamo a consolarci con la vista della facciata di Pietro da Cortona ma una fila di fioriere occupa quasi intergralmente le scale di accesso al portico, lasciando libero solo un piccolo passaggio, e così mascherano l'attacco a terra e lo sviluppo delle colonne.

Chi ci accompagna, di fronte alla nostra espressione sbalordita,  osserva che forse i vasi stanno lì per impedire alle persone il  sedersi all'ombra del monumento. Se fosse così davvero, ribattiamo, la cosa non avrebbe alcun senso! Sostare e sedersi in questi spazi di certo non danneggia nulla e nessuno e anzi aiuta l'esperienza e la contemplazione dell'arte.

Così procedendo ci toccherà guardare i capolavori in fotografia sui libri per carpirne l'originale bellezza? Una realtà così è troppo dura da sopportare, anche solo per gli occhi. Confidiamo nel fatto che essendo passato del tempo, e arrivata la primavera, queste immagini non corrispondano al presente. Provate a passarci e diteci se le cose stanno ancora così. In quel caso proveremo a fare qualcosa.

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Contro il declino dell’umanità boicottate “Chick chick”

La nuova canzone è un passo in avanti verso il baratro. Nel nostro piccolo, cerchiamo di impedirlo
SHARE

Jessica Minh Anh: sfilate strane per combattere la noia

In cima alla Torre Eiffel o nel Grand Canyon: la modella cerca nuovi spazi per la creatività
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula